100 giorni alle Olimpiadi di Tokyo

100 giorni alle Olimpiadi di Tokyo
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Nonostante l’aumento dei casi di COVID-19, la miriade di scandali e la schiacciante opposizione pubblica in Giappone per tenere i giochi, gli organizzatori e il CIO stanno lavorando tenacemente.

Le Olimpiadi di Tokyo del 1964 hanno celebrato la rapida ripresa del Giappone dalla sconfitta nella seconda guerra mondiale. Queste Olimpiadi saranno segnate da “note e asterischi”. Gli atleti punteranno in alto, naturalmente, ma gli obiettivi altrove saranno modesti: farcela, evitare di diventare un evento super-spreader, e alimentare un po’ di orgoglio nazionale sapendo che pochi altri paesi avrebbero potuto tirare fuori questo.

Gill Steel, che insegna scienze politiche all’Università Doshisha di Kyoto, ha scritto in una e-mail in cui sosteneva che cancellare le Olimpiadi sarebbe stato visto, ad un certo livello, come un fallimento pubblico sulla scena internazionale.

Il prezzo sarà salato quando le Olimpiadi si apriranno il 23 luglio. Il costo ufficiale è di 15,4 miliardi di dollari. La spesa olimpica è difficile da tracciare, ma diverse revisioni governative suggeriscono che potrebbe essere il doppio, e tutti tranne 6,7 miliardi di dollari sono soldi pubblici.

Il CIO, con sede in Svizzera, genera il 91% delle sue entrate dalla vendita dei diritti di trasmissione e dalle sponsorizzazioni. Questo ammonta ad almeno 5 miliardi di dollari in un ciclo di quattro anni, ma il flusso di entrate da reti come l’americana NBC è stato bloccato dal rinvio.

I tifosi dall’estero sono banditi, il turismo è fuori, e non ci sarà spazio per le feste di quartiere. Agli atleti viene detto di arrivare tardi, partire presto e destreggiarsi in un labirinto mobile di regole.

Ci sono anche costi di reputazione per il Giappone e il Comitato Olimpico Internazionale: uno scandalo di corruzione, una pianificazione pasticciata e la misoginia ripetuta nella leadership olimpica di Tokyo.

Il CIO scommette che Tokyo sarà una distrazione – “la luce alla fine del tunnel della pandemia” – dato che la cerimonia di chiusura arriva solo sei mesi prima dell’apertura delle Olimpiadi invernali di Pechino, minacciate dal boicottaggio.

Vari sondaggi suggeriscono che fino all’80% dei giapponesi vuole che le Olimpiadi siano cancellate o posticipate. E molti scienziati sono contrari.

“È meglio non tenere le Olimpiadi, visti i notevoli rischi”, ha detto all’Associated Press il dottor Norio Sugaya, esperto di malattie infettive al Keiyu Hospital di Yokohama.

Il rollout del vaccino del Giappone è stato quasi inesistente, pochi otterranno colpi prima delle Olimpiadi aperto, e Tokyo ha aumentato il suo “livello di allerta” con un’altra ondata prevista circa il tempo della cerimonia di apertura. Circa 9.500 morti in Giappone sono state attribuite al COVID-19, buono per le misure globali ma povero per gli standard in Asia.

E qual è l’impatto di 15.400 atleti olimpici e paralimpici provenienti da più di 200 paesi e territori che entrano in Giappone, uniti a decine di migliaia di funzionari, giudici, media ed emittenti?

“I rischi sono alti in Giappone. Il Giappone è pericoloso, non è affatto un posto sicuro”, ha detto Sugaya.

Anche la staffetta della torcia, fortemente sponsorizzata, con 10.000 corridori che attraversano il Giappone, presenta dei rischi. Le tappe previste per Osaka questa settimana sono state tolte dalle strade a causa dell’aumento dei casi di COVID-19 e trasferite in un parco cittadino – senza che i fan fossero ammessi. Anche altre tappe in tutto il Giappone saranno sicuramente interrotte.

Il CIO e i politici giapponesi hanno deciso un anno fa di rinviare ma non annullare le Olimpiadi, spinti dall’inerzia e dal peso del gigante giapponese della pubblicità Dentsu Inc, che ha messo in fila un record di 3,5 miliardi di dollari in sponsorizzazione locale – probabilmente tre volte di più di qualsiasi Olimpiade precedente.

“Penso che il governo sappia bene che il pubblico giapponese non vuole le Olimpiadi per ora”, ha scritto il dottor Aki Tonami, che insegna scienze politiche all’Università di Tsukuba, in una e-mail ad AP. “Ma nessuno vuole essere quello che stacca la spina”.

Le Olimpiadi possono anche determinare il destino del primo ministro Yoshihide Suga, che ha sostituito Shinzo Abe sette mesi fa. È stato Abe che ha notoriamente detto agli elettori del CIO nel 2013 che il disastro nucleare di Fukushima dell’11 marzo 2011 era “sotto controllo”.

Nonostante siano state pubblicizzate come le “Olimpiadi del recupero”, l’area nord-orientale del Giappone sta ancora soffrendo un decennio dopo. Molti incolpano le Olimpiadi per il lento recupero e il dirottamento delle risorse.

“Il destino di Suga è segnato”, ha detto Tonami. “Penso che sappia che il suo mandato come primo ministro non sarà lungo, quindi anche se sarebbe bello per lui personalmente farcela, probabilmente non cambia le condizioni politiche intorno a lui”.

Il presidente del CIO Thomas Bach ha ripetutamente definito Tokyo le “Olimpiadi meglio preparate della storia” e lo ha ribadito durante la pandemia. Sedi bellissime sono state costruite rapidamente, compreso il National Stadium di Kengo Kuma da 1,4 miliardi di dollari e, anche se costosi, i Giochi erano sulla buona strada fino alla pandemia.

Il logo iniziale di Tokyo è stato scartato dopo le affermazioni che è stato plagiato, il concetto originale dello stadio è stato abbandonato quando i costi sono saliti oltre 2 miliardi di dollari, e il presidente del comitato organizzatore Yoshiro Mori – un ex primo ministro – si è dimesso due mesi fa dopo aver fatto commenti sprezzanti sulle donne. Il direttore artistico Hiroshi Sasaki ha lasciato poche settimane dopo, essenzialmente per lo stesso motivo.

In cima a tutto questo, i procuratori francesi credono che Tokyo ha ottenuto le Olimpiadi incanalando tangenti agli elettori del CIO. Rio de Janeiro apparentemente ha ottenuto le Olimpiadi del 2016 allo stesso modo, sostengono i procuratori.

Tsunekazu Takeda, un membro del CIO all’epoca e capo del Comitato Olimpico giapponese, è stato costretto a dimettersi due anni fa nello scandalo dell’acquisto di voti. Ha negato ogni atto illecito.

La dottoressa Lisa Kihl, che studia la governance sportiva ed è il direttore del Global Institute for Responsible Sport Organizations presso l’Università del Minnesota, ha detto che la corruzione è diventata “istituzionalizzata” in molti organi direttivi sportivi, in particolare quelli che operano attraverso i confini nazionali.

“È così facile fare soldi con il sistema”, ha detto in un’intervista con l’AP. “Nessuno sta andando a scuotere la barca perché tutti ne stanno beneficiando. Le organizzazioni sportive professionali all’interno di un paese – in particolare gli Stati Uniti – devono rispettare le regole di quel paese. A livello internazionale, non c’è nessun organismo che ritenga le organizzazioni come il CIO responsabili. Finché lo sport a livello internazionale non sarà governato come le istituzioni finanziarie, non cambierà”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: