500 infermieri per le olimpiadi di Tokyo: ma è subito polemica

500 infermieri per le olimpiadi di Tokyo: ma è subito polemica
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

I giochi di Tokyo hanno bisogno di 500 infermieri ma gli infermieri rispondono che i vei bisogni sono altrove

Alcune infermiere in Giappone hanno contestato la richiesta degli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo di inviarne 500 per aiutare con i giochi, sostenendo che il Paese è già vicino al punto di saturazione a causa della pandemia di coronavirus.

I funzionari olimpici hanno fatto presente che avranno bisogno di 10.000 lavoratori medici per il personale dei giochi, e la richiesta di più infermieri arriva nel mezzo di un nuovo picco nel virus, con Tokyo e Osaka sotto uno stato di emergenza.

“Oltre a sentire la rabbia, sono rimasto sbasito per l’insensibilità”, ha affermato Mikito Ikeda, infermiere di Nagoya nel Giappone centrale, “In quanto la richiesta mostra come la vita umana venga presa alla leggera”.

L’appello per più infermieri è tipico dei cambiamenti imprevisti (e un po’ improvvisati) provenienti quasi ogni giorno dagli organizzatori e dal Comitato Olimpico Internazionale nel loro intento di cercare di tirare fuori i giochi nel bel mezzo di una pandemia.

Le Olimpiadi dovrebbero aprire i battenti in poco meno di tre mesi, comportando l’ingresso in Giappone – dove i confini internazionali sono stati praticamente sigillati per un anno – di 15.000 atleti olimpici e paraolimpici e migliaia di altri funzionari, giudici, sponsor, media ed emittenti.

In una dichiarazione della Federazione giapponese dei sindacati dei lavoratori medici, il segretario generale Susumu Morita ha detto che il focus dovrebbe essere centrato sulla pandemia, non sulle Olimpiadi.

“Dobbiamo assolutamente fermare la proposta di inviare come volontari olimpici le infermiere che sono già incaricate di proteggere altrove la lotta contro la grave pandemia di coronavirus”, ha tuonato Morita.

“Sono estremamente infuriato per l’insistenza di perseguire le Olimpiadi nonostante il rischio per la salute e la vita dei pazienti e delle infermiere”.

Un messaggio di protesta che sosteneva che gli infermieri erano contrari a tenere le Olimpiadi è diventato virale su Twitter giapponese di recente, venendo ritwittato centinaia di migliaia di volte. Anche prima della pandemia, gli infermieri giapponesi erano in sovraccarico di lavoro e mal pagati rispetto alle loro controparti negli Stati Uniti o Gran Bretagna.

L’infermieristica è emotivamente drenante, ha detto Ikeda, che è stato un infermiere per 10 anni, secondo il quale molti infermieri si preoccupano di essere infettati, con tassi di vaccinazione in Giappone riportati solo all’1-2%.

“È difficile per qualsiasi ospedale rimanere anche senza un solo infermiere, e loro ne vogliono 500”, ha obiettato Ikeda. “Come possono pensare che cià sia possibile?

I decessi attribuiti al COVID-19 in Giappone hanno appena superato le 10.000 unità.

Il British Medical Journal il mese scorso ha detto che il Giappone dovrebbe “riconsiderare” l’organizzazione delle Olimpiadi, sostenendo che “gli eventi internazionali di raccolta di massa … non sono ancora né sicuri né protetti”.

Haruo Ozaki, presidente della Tokyo Medical Association, ha affermato che sarà “estremamente difficile” tenere le Olimpiadi a causa delle nuove varianti che si stanno diffondendo. Ha poi spiegato che la comunità medica giapponese è stata messa a dura prova nel trattare i pazienti affetti da coronavirus e nel fare il lancio del vaccino. “È estremamente difficile tenere i giochi senza aumentare le infezioni, sia all’interno che all’esterno del Giappone” ha affermato.

Il primo ministro giapponese Yoshihide Suga ha suggerito che gli infermieri che hanno lasciato il loro lavoro potrebbero aiutare con le Olimpiadi, anche se alcune dimissioni sono legate al lavoro stressante di trattare con i pazienti di coronavirus.

Gli atleti opereranno in una “bolla” alle Olimpiadi, ospitati nel villaggio degli atleti sulla baia di Tokyo e spostati in autobus designati per sedi e aree di formazione.

I sondaggi dell’opinione pubblica mostrano che l’80% dei giapponesi vuole che le Olimpiadi siano cancellate o rimandate. Gran parte del conto per lo svolgimento delle Olimpiadi, stimato ufficialmente in 15,4 miliardi di dollari, ricade sui contribuenti giapponesi.

“La situazione è estremamente grave”, ha dichiarato recentemente la legislatrice dell’opposizione Tomoko Tamura. “Gli infermieri non sanno come possano occuparsi di questa situazione. È fisicamente impossibile”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: