Anticipata per il riscaldamento globale la famosa fioritura dei ciliegi in Giappone

Anticipata per il riscaldamento globale la famosa fioritura dei ciliegi in Giappone
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

I famosi fiori di ciliegio del Giappone hanno raggiunto il loro picco di fioritura molto prima rispetto a 70 anni fa e gli esperti spiegano che il cambiamento climatico è la probabile causa.

Il fiore preferito del Giappone, chiamato “sakura”, raggiungeva il suo picco di fioritura in aprile, proprio quando il paese celebra l’inizio del nuovo anno scolastico e commerciale. Tuttavia quella data è stata anticipata e ora la maggior parte degli anni i fiori sono in gran parte spariti prima del primo giorno di scuola.

Quest’anno il picco di fioritura è stato raggiunto il 26 marzo nell’antica capitale di Kyoto, il più presto da quando la Japan Meteorological Agency ha iniziato a raccogliere i dati nel 1953 e 10 giorni prima della media di 30 anni. Record simili sono stati stabiliti quest’anno in più di una dozzina di città in tutto il Giappone.

Alcuni dicono che è il picco di fioritura più precoce mai registrato in base a documenti storici, diari e libri di poesia di Kyoto. Lo scienziato ambientale Yasuyuki Aono dell’Università della Prefettura di Osaka, che tiene traccia di tali documenti, ha detto che le prime fioriture che ha trovato prima di quest’anno sono state il 27 marzo negli anni 1612, 1409 e 1236, anche se non ci sono registrazioni per alcuni anni.

“Possiamo dire che è molto probabilmente a causa dell’impatto del riscaldamento globale”, ha detto Shunji Anbe, un funzionario della divisione osservazioni della Japan Meteorological Agency.

L’agenzia segue 58 alberi di ciliegio “di riferimento” in tutto il paese, e quest’anno 40 di questi hanno già raggiunto il loro picco di fioritura e 14 lo hanno fatto a tempo di record. Gli alberi normalmente fioriscono per circa due settimane ogni anno, dalla prima gemma alla caduta di tutti i fiori.

I ciliegi sono sensibili ai cambiamenti di temperatura e i tempi della loro fioritura possono fornire dati preziosi per gli studi sul cambiamento climatico, ha detto Anbe.

Secondo i dati dell’agenzia, la temperatura media di marzo a Kyoto è salita a 10,6 gradi Celsius (51,1 F) nel 2020 da 8,6 C (47,5 F) nel 1953. Finora la temperatura media di marzo di quest’anno in Giappone è stata di 12,4 C (54,3 F).

I Sakura hanno profondamente influenzato la cultura giapponese per secoli e sono stati regolarmente usati nella poesia e nella letteratura, con la loro fragilità vista come un simbolo di vita, morte e rinascita.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: