Antonio Scurati M. Il figlio del secolo

Antonio Scurati M. Il figlio del secolo

Premiato con il Premio Strega, il romanzo di Scurati “M il figlio del secolo”, tratta della genersi del fascismo in Italia.

Benito Mussolini impiega sei anni per diventare il politico più influente nell’Italia postbellica in crisi.

Sei anni per ancorare il fascismo come teoria statale e attuare un regime autoritario.

Un romanzo che costituisce uno specchio della storia europea – e un memoriale contro il ritorno del fascismo in Europa.

Nel 1919, l’Italia è ridotta alle macerie politiche. La prima guerra mondiale ha indebolito enormemente il governo italiano, i gruppi socialisti e di destra stanno vivendo un aumento senza precedenti e mettono in discussione radicalmente le istituzioni politiche mentre i rimpatriati frustrati vagano per le strade del paese.

Spinti dal loro risentimento, gli ex combattenti si ritrovarono presto uniti da un uomo che li invita a intraprendere un’azione congiunta contro la sinistra politica: Benito Mussolini, fondatore del Popolo d’Italia ed ex capo dell’estrema sinistra del partito socialista italiano.

Il trentacinquenne riesce a farsi sentire in tempi di incertezza politica e a riunire una grande varietà di gruppi sotto uno stendardo comune.

Fino alla famosa marcia su Roma nel 1922 e oltre, Mussolini avrebbe rapidamente ampliato il suo potere in Italia e stabilito irrevocabilmente il fascismo come ideologia di stato.