Cina: il genocidio degli uiguri

Cina: il genocidio degli uiguri

Le parole e le azioni di Pechino evidenziano l’intenzione di porre fine agli uiguri come popolo.

Uscendo dall’incarico il 19 gennaio, l’allora segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato che la Cina “ha commesso un genocidio contro gli uiguri prevalentemente musulmani e altri gruppi etnici e religiosi minoritari nello Xinjiang”. Nessuno nella comunità politica statunitense contesta seriamente che nello Xinjiang si stiano verificando delle atrocità, ma alcuni analisti si sono concentrati sul termine “genocidio”. A volte sembra essere un modo per cercare di forzare le politiche verso l’impegno fallito del passato, piuttosto che affrontare ciò che sta accadendo in Cina e ripensare la politica di conseguenza.

Questo dibattito sulla terminologia ha un’alta posta in gioco. Non si tratta solo di come Washington si impegna, compete e coopera con Pechino, ma anche di come gli Stati Uniti comprendono le politiche e le intenzioni della Cina e come si manifestano sul terreno. Gli Stati Uniti, tuttavia, non possono avere una politica cinese di successo se non è basata su una valutazione realistica delle ambizioni e dei metodi del Partito Comunista Cinese (PCC) e delle atrocità che ne sono derivate.

Possiamo respingere immediatamente le affermazioni che il genocidio richiede uccisioni di massa. Secondo la Convenzione sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio, di cui sia la Cina che gli Stati Uniti sono firmatari, il genocidio ha due parti. La prima è la commissione di uno dei seguenti atti: “uccidere i membri del gruppo, causare gravi danni fisici o mentali ai membri del gruppo, infliggere deliberatamente al gruppo condizioni di vita calcolate per portare alla sua distruzione fisica in tutto o in parte, imporre misure volte a prevenire le nascite all’interno del gruppo, o trasferire forzatamente i bambini del gruppo ad un altro gruppo.”

La seconda parte è l’intenzione. Ognuno di questi atti “commessi con l’intenzione di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso” costituirebbe genocidio. Molti negazionisti ammettono che la grande quantità di prove che si stanno accumulando dai sopravvissuti, immagini satellitari, resoconti dei media e documenti politici del governo cinese mostrano prove di azioni potenzialmente genocide. Tuttavia, essi sostengono che il governo cinese e il PCC non hanno dimostrato alcuna intenzione di distruggere il popolo uiguro.

Questo argomento ha fatto il giro in luoghi come il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, il Washington Post e l’Economist. Nelle parole di Michael O’Hanlon, collega della Brookings Institution, “non c’è alcuna prova convincente di un piano per ‘distruggere’ il gruppo, quindi il comportamento cinese non soddisfa la definizione di genocidio basata sul concetto di intento come indicato nell’articolo II”. Questo sembra aspettarsi che un criminale descriva esplicitamente perché sta commettendo un crimine anche mentre accade. Gli stati genocidari, infatti, non hanno mai riconosciuto pubblicamente il loro intento; anche i nazisti hanno fatto gli straordinari per mentire sull’Olocausto, mentre l’Unione Sovietica ha costantemente negato di aver preso di mira le minoranze etniche.

Pechino ha fornito sia prove dirette che indiziarie dell’intento di distruggere il popolo uiguro. Un documento del governo cinese citato dal New Yorker parla direttamente di questo. Quel documento sulla rieducazione affermava: “rompere il loro lignaggio, rompere le loro radici, rompere le loro connessioni e rompere le loro origini”. Agence France-Presse nel 2018 ha trovato un documento simile che ha usato lo stesso linguaggio sulla rottura delle radici uigure per costruire nuovi e migliori cittadini cinesi. È ricomparso in tutti i commenti statali. Anche se questo non è un appello all’omicidio di massa – anche se è un linguaggio violento in un contesto di violenza di stato di massa – è del tutto esplicito sulla rottura delle connessioni culturali e sociali che rendono gli uiguri un gruppo etnico riconoscibile.

Le politiche della Cina verso le famiglie uigure rafforzano anche questa interpretazione di intenti, perché rompono deliberatamente i canali di trasmissione culturale di generazione in generazione. Migliaia di bambini uiguri sono stati messi in collegi e orfanotrofi, separati dai loro genitori e nonni. Gli adulti in età lavorativa possono essere costretti a lavorare lontano dalle loro case o possono essere ancora in prigione. Molti uiguri anziani sono stati anche detenuti per aver partecipato a troppi servizi funebri, che sono osservanze religiose, o per una miriade di altri motivi per cui gli uiguri spariscono nei campi. Anche se mancano prove specifiche sugli anziani, la Cina ha ampliato la rete di strutture per la cura degli anziani nello Xinjiang durante quest’ultimo giro di vite in nome della riduzione della povertà, una giustificazione usata per i programmi di lavoro forzato. Queste politiche in combinazione sono chiaramente intese a distruggere qualsiasi continuità della cultura uigura o senso di identità come popolo, proprio come i collegi dei nativi americani negli Stati Uniti sono stati usati per distruggere le culture native.

Questa distruzione dei legami generazionali si estende al tentativo di limitare la nascita di nuovi uiguri. Dal 2018, le donne sopravvissute ai campi nello Xinjiang hanno riferito di essere state costrette a prendere farmaci che hanno influenzato le mestruazioni e la fertilità. Il ricercatore Adrian Zenz ha documentato un massiccio calo delle nascite uigure causato dalle politiche di soppressione delle nascite del governo cinese che non solo includevano il controllo involontario delle nascite, come l’inserimento di IUD, ma anche aborti forzati e sterilizzazioni. Altre donne uigure e kazake hanno corroborato le scoperte di Zenz dai documenti del governo locale con la loro testimonianza personale. (Per coloro che credono che la vita inizia al concepimento o vicino, queste azioni soddisfano anche il primo possibile criterio di genocidio).

Per gli adulti, l’espressione della cultura uigura è sufficiente a provocare la detenzione, sia informalmente nei campi che formalmente attraverso il sistema carcerario. Le ragioni per la detenzione o la scomparsa includono, ma non sono limitate a, dire agli altri di non peccare, partecipare a un funerale tradizionale, viaggiare all’estero, astenersi da alcool e sigarette, esprimere pubblicamente il proprio dolore quando muoiono i genitori, pregare, digiunare, andare in una moschea, parlare la propria lingua madre a scuola, avere la barba folta, o essere imparentati con qualcuno che ha fatto una delle cose sopra citate.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: