Elizabeth Garouste apre le porte ai visitatori

Elizabeth Garouste apre le porte ai visitatori

La designer francese Elizabeth Garouste apre le porte alla sua casa e al suo studio a Parigi. Per mezzo secolo, la “pioniera” ha fatto le cose a modo suo, creando mobili iconoclastici pieni di personalità e gioia.

Elizabeth ha iniziato 50 anni fa creando costumi per le produzioni dell’amica drammaturga e regista Jean-Michel Ribes, ora capo del Théâtre du Rond-Point di Parigi. “Ho fatto la costumista per anni”, ha detto in un freddo pomeriggio invernale nel caos di edifici – tra cui un piccolo ex teatro – che si è messa insieme per creare la sua casa / studio sul lato nord della città. “Ma ho sempre voluto fare quello che faccio ora.”

Quello che fa ora – e quello che ha fatto dalla fine degli anni ’70 – è progettare oggetti spiritosi e mobili che facciano sorridere. Come il suo divano Busby, un divano a schienale alto curvo con piedi dorati che sembrano grandi e grosse viti. O uno specchio costituito da un gruppo di forme renali, incorniciate in ferro battuto con foglie d’oro. O una sedia bassa, seduta in tweed con un diavolo ghignante per lo schienale. O una poltrona scozzese a forma di uovo. “È il suo stile: divertente, fantastica, surreale, stravagante, tutte le cose che ha toccato nella sua carriera”, ha detto il gallerista Ralph Pucci, che svelerà questi e altri pezzi nel suo spazio di Manhattan il 18 maggio.

Nata Elizabeth Rochline nel 1949, è cresciuta a Parigi, dove i suoi genitori possedevano il produttore di scarpe Tibury. Dopo il liceo, è entrata a far parte dell’azienda e per nove anni Elizabeth ha disegnato scarpe realizzate da Tibury per marchi come Yves Saint Laurent, Sonia Rykiel e Cacharel. Ha anche studiato all’École Camondo ed è entrata a far parte di una bella squadra che comprendeva il compagno di classe Philippe Starck, l’artista Sophie Calle e la scenografa Gérard Garouste, che sposò nel 1970.

Più tardi quel decennio – un momento incredibilmente divertente per essere giovani a Parigi – hanno allestito (e frequentato) i locali notturni più accattivanti della città: Starck ha progettato l’arredamento originale per Les Bains Douches (una replica in scala reale di cui si può ancora vedere in romano Frantic, film di Polanski del 1988, mentre Gérard Garouste ha creato gli interni dell’epico club di danza Le Palace. In quel periodo Elizabeth incontrò il collega designer Mattia Bonetti attraverso suo fratello, l’attore e artista surrealista David Rochline. Gérard chiese a Elizabeth e Mattia di aggiungere un po ‘di fantasia al ristorante Le Privilège. La loro soluzione: pezzi ispirati all’arte primitiva, come maschere di terracotta per le pareti. Con ciò nacque la collaborazione tra Garouste e Bonetti. “Lavoravamo in pietra, cuoio, ferro battuto, materiali che facevano pensare alla preistoria”, ricorda Elizabeth. I media francesi hanno soprannominato il duo les barbares, o “i barbari”.

Nel 1987, lo stilista francese Christian Lacroix ha assunto Garouste e Bonetti per progettare i suoi nuovi saloni di alta moda. Fino ad allora, le maison de couture erano affari di alta borghesia: per Christian Dior tutto era un grigio perlato e bianco come la neve; a Yves Saint Laurent, le corde d’oro tirarono indietro le tende di velluto di pino. Garouste e Bonetti hanno ridimensionato tutto quel buon gusto e disegnato un decoro audace nel colore e nella forma. Stanze e tappeti erano ocre acriliche, bordate da turbinii barocchi neri. Le sedie ispirate allo stile Luigi XVI sono state rivestite nei toni della frutta. Gli sgabelli del tronco d’albero erano ricoperti da cuscini trapuntati color avorio. Le tende bianche erano rifinite con pois neri delle dimensioni di un pancake. In seguito hanno fatto eco al look nel negozio londinese di Lacroix. È lì che Pucci ha scoperto il lavoro di Garouste. “Era una boccata d’aria fresca”, ha ricordato. “Così giocoso, ma intelligente e sofisticato.”