Ho fatto il vaccino… e adesso?

Ho fatto il vaccino… e adesso?

Le persone vaccinate possono assaporare il fatto che ora sono quasi certamente protette dall’ammalarsi gravemente di COVID, per non parlare della necessità di un’ospedalizzazione o peggio. Stanno anche contribuendo all’immunità di gregge, un’ambita resistenza comunitaria contro il virus che aiuterà a proteggere le persone che non possono essere vaccinate perché sono troppo giovani o hanno condizioni di salute.

Ma è un semaforo verde per partecipare a quel matrimonio di gala ritardato di un anno, saltare su un aereo per Maui, o alzare un bicchiere in un bar preferito?

Come per tutte le cose COVID, le risposte non sono assolute e sono soggette a cambiamenti. E siamo in una situazione difficile, correndo a consegnare i vaccini mentre il numero di casi positivi sta rapidamente crescendo, con alcuni epidemiologi che dicono che stiamo chiaramente già venendo travolti da una quarta ondata di infezioni da COVID. Da parte sua, il Dr. Anthony Fauci, il principale scienziato americano di malattie infettive, non ha cambiato molto il suo comportamento dopo la vaccinazione, e gli esperti locali dicono lo stesso.

Con tutto questo in mente, ecco cosa abbiamo imparato sul comportamento responsabile post-vaccino e il nostro percorso verso un’esistenza più normale.

Posso buttare la mia maschera?

Il Centers for Disease Control and Prevention consiglia alle persone vaccinate di continuare a indossare maschere, evitare la folla e gli spazi interni poco ventilati, e stare a due metri di distanza dagli altri. Ma ci sono delle eccezioni. Le persone possono saltare la maschera quando si trovano in una casa o in un ambiente privato con un piccolo gruppo in cui tutti sono completamente vaccinati. Le persone vaccinate possono rinunciare alle maschere quando si trovano in uno spazio privato con i membri di un’altra famiglia che non è vaccinata.

 Quando questa pandemia finirà, non sarà una fine improvvisa. Sarà a scatti e con un ritorno graduale alla vita normale.

Perché mascherare quando si è vaccinati? Mentre la scienza è incoraggiante, c’è ancora una possibilità che qualcuno che è vaccinato possa contrarre la COVID, essere asintomatico e passarla ad altri.

Ma l’abitudine della maschera sta cominciando a scivolare per alcuni. L’epidemiologo dell’Università di Washington Brandon Guthrie fa parte di uno studio che è tornato ripetutamente agli stessi centri commerciali e agli ingressi dei negozi nella King County per contare quelli con e senza maschere. I ricercatori hanno recentemente notato un calo nell’uso tra quelli di 65 anni e più – che è anche la popolazione con i più alti tassi di vaccinazione.

“È assolutamente comprensibile”, ha detto. “Ma abbiamo davvero bisogno di continuare a fare le cose che funzionano [per fermare la COVID], soprattutto le cose che non sono un grosso problema, come indossare le maschere”.

Quando raggiungeremo l’immunità di gregge?

All’inizio della pandemia, gli esperti hanno buttato fuori obiettivi di vaccinazione che ci avrebbero portato al beato stato di immunità di gregge, senza maschere, che spesso si aggirava intorno al 75-85% del pubblico. Questo era allora.

“La nostra capacità di capire quale sia questo numero è uscita dalla finestra un po’ di tempo fa”, ha detto il dottor Joshua Schiffer, un modellatore di malattie infettive al Fred Hutchinson Cancer Research Center.

Gran parte della colpa ricade sulle varianti, che sono mutazioni del virus COVID originale. Ci sono cinque cosiddette varianti di preoccupazione negli Stati Uniti, ognuna con vari gradi di superpoteri che li rendono più mortali, più infettivi e/o più resistenti ai vaccini. Questi ultimi due tratti in particolare, in combinazione con il potenziale che l’immunità potrebbe diminuire nel tempo tra le persone vaccinate, rendono difficile stabilire un obiettivo di immunità di gregge duro e veloce. (Ci sono nuovi dati promettenti che mostrano che la protezione del vaccino dura per un minimo di sei mesi).

Come alcuni paesi raggiungono alti tassi di immunizzazione, i ricercatori guarderanno da vicino per vedere come le varianti si diffondono o meno, il che darà qualche indicazione su dove si trova l’immunità di gregge. Israele, per esempio, è un leader mondiale nella vaccinazione: Il 60% della popolazione ha ricevuto almeno un’iniezione, e il 55% è completamente vaccinato.

Cosa succede con le varianti?

È nella natura di un virus continuare a mutare ed evolvere, e le versioni che hanno un vantaggio riproduttivo inizieranno a vincere sulle altre varianti. Questo è certamente ciò che abbiamo visto durante la pandemia.

La variante del Regno Unito, B.1.1.7, è diventata la forma dominante di COVID negli Stati Uniti. È circa il 50% più infettiva, causa infezioni più gravi, ma fortunatamente sembra essere minimamente resistente ai vaccini attuali.

Se non fosse per le nuove varianti, probabilmente avremmo potuto evitare la quarta ondata di infezioni, ha detto Schiffer. E ora i funzionari statali stanno avvertendo che regole più restrittive per le imprese in alcune contee potrebbero essere implementate presto per cercare di arginare l’ondata.

“È frustrante che abbiamo avuto la tendenza ad aprire prima le cose che sono il livello di rischio più alto”, ha detto Guthrie, come ristoranti, bar e palestre, “e aprire le cose che hanno il maggior beneficio e il minor rischio, come le scuole, per ultime”.

Quindi come possiamo combattere le varianti?

Le vaccinazioni stanno già facendo la differenza, hanno detto gli esperti. Più del 44% dei residenti di King County dai 16 anni in su ha avuto almeno un’iniezione di vaccino COVID, che è più di un terzo dell’intera popolazione della contea che comprende Seattle, Bellevue e Redmond.

“Se non avessimo avuto il 40% della nostra popolazione vaccinata, ora saremmo completamente sott’acqua”, ha detto Schiffer. “Questo sta avendo un effetto molto forte in termini di protezione delle persone”.

E nuovi vaccini sono in lavorazione. La UW Medicine ha annunciato questa settimana che sta reclutando volontari per uno studio clinico che valuta un vaccino COVID-19 di “seconda generazione”. La seconda fase dello studio includerà vaccini fatti con più proteine virali nella speranza di aumentare la protezione contro le varianti.

Moderna ha detto questa settimana che fornirà colpi di richiamo contro le varianti entro la fine di quest’anno.

E i nostri figli?

Mentre molte persone sono inebriate dalle visioni della vita quando sono completamente vaccinate, si potrebbe dimenticare una popolazione importante che non può ancora ottenere i loro colpi: i ragazzi dai 15 anni in giù. Pfizer ha l’unico vaccino approvato per i 16 e 17 anni negli Stati Uniti, e ci sono risultati iniziali promettenti per i vaccini Pfizer e Moderna per i ragazzi fino a 12 anni. La speranza è che siano in grado di ottenere i colpi prima dell’inizio della scuola l’anno prossimo. I test sono in corso su bambini ancora più piccoli, con Moderna che sta conducendo prove su bambini dai 6 mesi in su.

Quando e come si tornerà alla normalità?

La speranza ora è che una nuova variante ancora più problematica non emerga mentre corriamo verso la vaccinazione diffusa. La ricerca di Schiffer e del suo team mostra che gli eventi super-spreader giocano un ruolo chiave nel lancio delle varianti, il che sostiene la necessità di mantenere le dimensioni della folla al minimo.

Sarà anche importante superare l’esitazione della vaccinazione. Mentre potremmo raggiungere alti tassi di vaccinazione in alcune aree, ci saranno probabilmente sacche di popolazione con numeri meno protettivi che potrebbero diventare focolai di infezioni, ha ammonito Guthrie. I ricercatori stanno già notando tassi di vaccinazione più bassi in alcune parti dello stato di Washington orientale, come riportato dal Seattle Times, in particolare nelle aree politicamente più conservatrici.

Anche la vaccinazione in tutto il mondo è essenziale. Come hanno dimostrato molte varianti, il virus non rispetta i confini nazionali.

Mentre il rischio di infezione scende per coloro che sono vaccinati, tutti questi fattori significano che la “normalità” tornerà lentamente.

“Quando questa pandemia finirà, non sarà una fine improvvisa”, ha detto Schiffer. “Sarà a scatti e inizi e un ritorno graduale alla vita normale”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: