I problemi di “immagine” della Cina

I problemi di “immagine” della Cina
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

La Cina ha un problema d’immagine, ma sa come risolverlo
Molti a Pechino si rendono conto che una reputazione internazionale in declino non aiuterà il paese a raggiungere i suoi obiettivi.

Ma non tutti sono così sicuri. Vedendo la svolta anti-Cina in tutto il mondo, altri si chiedono se è nel migliore interesse della Cina riabilitare la sua immagine e ricostruire le relazioni con l’Occidente. E se è così, come può farlo mentre avanza i suoi obiettivi economici e politici e non rinuncia ai suoi impegni fondamentali per la stabilità interna e lo sviluppo olistico. Questo non è impossibile, sostengono gli studiosi Daniel A. Bell e Zhengxu Wang. La Cina non dovrebbe “irretire la discussione sulle sue carenze” per “migliorare l’immagine della Cina a livello globale”.

Economicamente, la Cina ha bisogno di un briciolo di buona volontà popolare, in particolare dal settore privato e dalla società civile, per facilitare la continua espansione delle imprese e dei capitali cinesi nei mercati più importanti.

Pechino si aspetta da tempo che il Comprehensive Agreement on Investment (CAI), un accordo proposto che aprirebbe ulteriormente gli investimenti e la cooperazione economica tra l’UE e la Cina, passi con un’opposizione minima. Tuttavia, l’accordo sembra destinato a incontrare un ostacolo nel Parlamento europeo come risultato del recente scrutinio in Europa sulle condizioni di lavoro della Cina e di Huawei. Se il CAI si blocca, significherà una pesante battuta d’arresto per una partnership commerciale che valeva più di 650 miliardi di dollari nel 2019.

Al di fuori dell’Europa, la Cina deve conquistare la fiorente classe media e l’élite del sud-est asiatico per mantenere il fascino della sua Belt and Road Initiative negli stati indecisi. Eppure, in Indonesia, Malesia e Thailandia, recenti sondaggi hanno mostrato che gli atteggiamenti pubblici oscillano a favore degli Stati Uniti rispetto alla Cina, se viene chiesto di scegliere tra i due.

La buona volontà internazionale rimane la chiave per alcuni obiettivi interni. Pechino rimane intenta a consolidare la sua legittimità politica interna e a vincere la guerra tecnologica. La legittimità può certamente essere sostenuta nel breve periodo da una retorica nazionalistica dilagante, ma nel lungo periodo, l’ascesa dei falchi isolazionisti sia in Cina che negli Stati Uniti minerebbe entrambi mentre disaccoppiano le loro tecnologie, comunicazioni e relazioni commerciali. In particolare, i compratori cinesi rimangono voraci consumatori di beni occidentali. Se l’offerta è minata in una guerra commerciale – o se i prestiti esteri si prosciugano – potrebbe mettere grande pressione sulla Cina per andare “a casa”, una componente critica – anche se nascente – della sua strategia di doppia circolazione.

Per ora, la Cina sembra avere il sopravvento poiché il suo accesso alle telecomunicazioni di fascia alta e alla tecnologia digitale rende le sue aziende tecnologiche un’alternativa attraente alle controparti occidentali. Eppure i suoi produttori rimangono fortemente dipendenti dal mercato internazionale per le entrate che possono sostenere la loro ricerca e sviluppo. Huawei ha attinto 55 miliardi di dollari (41% delle entrate totali) dal mercato internazionale nel 2019; il 70% delle vendite del gigante tecnologico DJI sono state effettuate all’estero. L’inasprimento delle opinioni pubbliche può influenzare e influenzerà i flussi di reddito delle principali società cinesi. Il contraccolpo internazionale potrebbe sabotare i piani dei leader cinesi di stabilire la Cina come un’economia autosufficiente e sostenibile.

I leader e i diplomatici trarrebbero beneficio dal riconoscere che l’Occidente non è affatto omogeneo e che l’ostilità occidentale non è inevitabile.

Per cominciare, il paese dovrebbe cercare di ricucire le relazioni con alleati regionali mirati e partner vacillanti. Questi includono stati o attori sub-statali che hanno avuto rimostranze su aspetti del comportamento cinese in passato, ma rimangono aperti ad approfondire i legami con il paese in futuro. Questi includono gli stati dell’Europa meridionale come la Grecia, l’Italia e la Spagna, che hanno registrato forti lamentele su Huawei e i diritti di proprietà intellettuale, pur abbracciando il turismo e gli investimenti in generale dalla Cina. I limiti della diplomazia dei vaccini e delle maschere suggeriscono che al di là della fornitura di attrezzature mediche, la Cina dovrebbe cercare di facilitare maggiori scambi culturali bilaterali e un dialogo franco tra i cittadini e le società civili in modi che siano sensibili alle esigenze e alle percezioni dei locali in Europa.

Allo stesso tempo, affrontare alcune delle preoccupazioni circa l’eccessiva presenza cinese negli spazi accademici e nella società civile in Australia e Nuova Zelanda aiuterebbe ad abbassare la temperatura. Riavviare il dialogo con il Giappone sulle acque contese e la de-escalation militare potrebbe migliorare le relazioni con quello che è probabilmente il membro più sino-friendly del “Quad”, un’alleanza strategica informale che sta prendendo piede sotto la nuova amministrazione del presidente americano Joe Biden.

In tutti questi casi, la compartimentazione potrebbe fare molto bene alla Cina nel limitare il numero di fronti che deve difendere i suoi interessi critici. In pratica, questo potrebbe significare cambiare la sua strategia di comunicazione mentre i diplomatici si impegnano con le loro controparti in tutto il mondo.

Quando si tratta degli Stati Uniti, entrambe le parti nel rapporto sino-americano trarrebbero beneficio dal ridurre la loro retorica. È possibile parlare ad alcune preoccupazioni occidentali senza minare gli impegni dei diplomatici cinesi verso gli interessi fondamentali del loro paese. Per esempio, il discorso del ministro degli Esteri Wang Yi al Forum Lanting, in cui ha attribuito il deterioramento delle relazioni sino-americane alla “precedente amministrazione statunitense, [che] ha agito per i propri bisogni politici”, riflette uno sforzo consapevole da parte di Pechino di estendere un ramo d’ulivo all’amministrazione Biden. E come l’ex vice ministro degli Esteri Fu Ying ha recentemente notato al China Development Forum, “la Cina e gli Stati Uniti dovrebbero affrontare e risolvere le loro differenze in modo calmo e obiettivo, poiché la cooperazione è l’unica scelta giusta per entrambe le nazioni”.

A Pechino c’è ancora la preoccupazione che il paese possa apparire debole se riduce la sua retorica. Eppure, semmai, è vero il contrario: togliere la retorica infiammatoria e riconoscere apertamente lo spazio per la collaborazione e la concessione permetterebbe ai rappresentanti del paese di essere più fermi sulle preoccupazioni e le aspirazioni genuine. Potrebbe anche aiutare a riportare il CAI in carreggiata.

La linea di fondo è che la Cina può e deve riparare la sua immagine internazionale, e nessuno dei passi con cui potrebbe iniziare richiederebbe di capitolare o accettare ciò che ritiene essere le richieste più irragionevoli dell’Occidente. Farlo andrebbe a beneficio di entrambe le parti nella spirale delle relazioni Cina-Occidente e gioverebbe a tutti i cittadini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: