Il fenomeno Tinder: l’app di incontri numero 1 al mondo

Il fenomeno Tinder: l’app di incontri numero 1 al mondo

Nell’ultimo decennio, Tinder ha ridefinito l’industria degli incontri online. L’app si è dimostrata particolarmente popolare tra i giovani, con tre quarti delle persone tra i 18 e i 24 anni che hanno dichiarato di averla usata ad un certo punto. Bumble è al secondo posto, con il 31% delle persone che la usano.

Tinder si è differenziato attraverso un semplice formato di scorrimento da allora copiato da numerosi concorrenti. Questo formato era in netto contrasto con i primi siti di incontri come eHarmony, che richiedevano lunghi questionari che richiedevano tempo e che abbinavano gli utenti in base alla compatibilità della personalità. Tuttavia, nonostante il fascino facile e conveniente di Tinder, ottenere un appuntamento attraverso l’app è notoriamente faticoso.

Mentre la maggior parte delle donne può facilmente trovare incontri con uomini a cui sono interessate, l’app presenta un ambiente molto più impegnativo per gli uomini. Questa differenza è più evidente nei modelli di scorrimento. Mentre le donne passano il dito più degli uomini in generale, sono molto più selettive quando lo fanno. Le donne passano il segno di sì solo a una persona su 20, mentre la maggior parte degli uomini passa il segno di sì più spesso del no.

In ultima analisi, la maggior parte delle donne fa il segno di sì solo a una manciata di uomini al giorno, mentre gli uomini sono più liberi con i loro swipe. Questo crea un ambiente altamente competitivo in cui molti uomini hanno difficoltà ad avere dei riscontri in modo consistente. Nonostante l’alta selettività delle utenti femminili, in realtà si incontrano più spesso degli uomini. L’utente medio femminile riceve circa 2,75 incontri al giorno, mentre l’utente medio maschile riceve solo circa 1,1 incontri.

A questo ritmo, per aspettarsi un incontro, ad una donna tipica dovrebbero piacere solo tre uomini, mentre ad un uomo dovrebbero piacere più di 50 donne.

Naturalmente, una corrispondenza non sempre porta a un’interazione. Dopo l’abbinamento, anche gli uomini inviano messaggi più frequentemente. La donna media riceve circa sette messaggi al giorno mentre ne invia solo cinque.

Perché Tinder è così squilibrato?

Anche se è risaputo da tempo che le donne hanno avuto vita più facile sull’app, questi dati forniscono una prova importante per sostenere gli aneddoti. Allora perché le donne sembrano avere il sopravvento su Tinder? La spiegazione più semplice è la domanda e l’offerta di base. L’evidenza suggerisce che gli uomini usano le app di incontri in modo più prolifico delle donne – sia nel numero di utenti che nella frequenza di utilizzo. Una stima ha scoperto che oltre il 70% degli utenti americani attivi di Tinder sono maschi, e il rapporto tra utenti maschi e femmine tra i nostri dati è simile. Presi insieme, questo suggerisce un profondo squilibrio nel pool di utenti di Tinder.

Il risultato è un gran numero di uomini che lottano per un pool di donne relativamente piccolo, il che permette alle donne di scegliere con molta attenzione i potenziali incontri. Nel frattempo, gli uomini con profili meno attraenti sono lasciati a bocca asciutta.

I dati rivelano anche grandi disuguaglianze per entrambi i generi. Gli uomini e le donne nel top 10% (cioè il 10% degli utenti che hanno ricevuto più corrispondenze) vedono tipicamente un minimo di cinque corrispondenze al giorno, e pochi selezionati possono vederne decine al giorno. Alcuni utenti hanno continuato ad accumulare migliaia o anche decine di migliaia di partite nel tempo. L’inverso di questo è che mentre alcune persone vedono un gran numero di incontri, altre ne vedono molto pochi. Gli uomini nel 10% inferiore vedono al massimo un incontro alla settimana. Il successo varia molto anche tra le donne. Tuttavia, anche coloro che si trovano nel 10° percentile (cioè coloro che ricevono incontri meno frequentemente del 90% delle donne) di solito riescono a combinare circa una volta al giorno.

Tuttavia, un incontro è molto lontano da un vero appuntamento. La ricerca ha scoperto in precedenza che ci vogliono 57 incontri per un incontro e più di cinque volte tanto perché si verifichi una relazione o un incontro sessuale. Di conseguenza, un uomo tipico impiegherebbe quasi 6.000 strisciate in due mesi per ottenere un appuntamento.

Uomini e donne affrontano realtà molto diverse sull’app. Mentre la maggior parte delle donne riesce a trovare facilmente qualcuno anche quando sono molto selettive, la maggior parte degli uomini deve temperare le proprie aspettative. I dati ci dicono anche che alcuni uomini probabilmente lotteranno per ottenere un appuntamento su Tinder anche dopo migliaia di swipe e molti mesi di tentativi.

 

Fonte: Web Marketing Pro, Sviluppo App mobili: https://www.webmarketingpro.it/sviluppo-app/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: