Il re di Giordania è il peggior nemico di se stesso?

Il re di Giordania è il peggior nemico di se stesso?
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Un secolo fa, Sharif Hussein bin Ali aveva grandi sogni per la sua dinastia hashemita quando era re dell’Hejaz ed emiro della Mecca e Medina, i luoghi più sacri dell’Islam. Ma fin dai tempi di Lawrence d’Arabia, quando gli Hashemiti erano i principali alleati regionali della Gran Bretagna durante la prima guerra mondiale e guidavano la rivolta araba contro l’impero ottomano, la dinastia è stata in costante declino. E con la disputa in corso tra i discendenti di Hussein in Giordania, la famiglia potrebbe aver raggiunto un nuovo minimo.

La dinastia hashemita ha affrontato una miriade di sfide in tutti questi decenni, sia esternamente che internamente. I fratelli nella linea di successione sono stati spesso scaricati per i figli, ma la famiglia non ha mai lavato i suoi panni sporchi in pubblico – fino a questo mese, quando una spaccatura interna è diventata gossip pubblico.

Il 3 aprile, la Giordania ha annunciato di aver sventato una cospirazione per spodestare il suo monarca e destabilizzare il paese. Entità straniere, sostenevano gli alti funzionari, stavano colludendo con il principe Hamzah per rovesciare il re Abdullah II. Due settimane dopo, il palazzo non ha ancora condiviso uno straccio di prova, e sta diventando sempre più chiaro che la storia non ha senso.

È più probabile che stiamo assistendo alla storia più vecchia del mondo: una battaglia di successione tra fratelli reali. Il monarca della Giordania ha messo il suo fratellastro ed ex principe ereditario agli arresti domiciliari per rimuovere la sfida al suo trono, insieme a 18 presunti cospiratori. Ma più che un principe sedizioso, l’intero episodio ha rivelato la vena autoritaria di un re insicuro.

Le tribù della Giordania hanno storicamente dovuto fedeltà agli Hashemiti in parte a causa del loro lignaggio religioso come discendenti del profeta Mohammad, che, anche lui, proveniva dalla casa di Hashim. Il loro sostegno è essenziale per la dinastia, ma si sentono sempre più emarginati e disaffezionati. Gli Stati Uniti, che danno miliardi di dollari di aiuti al paese, hanno ufficialmente appoggiato il re nella faida. Ma sono stati costretti a prendere atto della crescente repressione in Giordania sotto la guida di Abdullah.

Abdullah si è venduto all’Occidente come un monarca che guida una Harley-Davidson, che lava il bucato e che è a favore della democrazia, ma in realtà ha consolidato il potere all’interno del palazzo, ha imbavagliato la stampa, arrestato i manifestanti e trascinato i suoi piedi sulla devoluzione del potere effettivo alla legislatura. Gli Hashemiti, che una volta erano visti come i monarchi più moderni, i più occidentalizzati, stanno diventando i governanti di un altro stato arabo autoritario.

Secondo Reporter Senza Frontiere, la Giordania è al 128° posto su 180 nazioni – sotto l’Afghanistan – per la libertà di stampa. Freedom House, un’organizzazione no-profit con sede negli Stati Uniti che conduce ricerche e sostiene la democrazia, la libertà politica e i diritti umani, ha retrocesso lo status della Giordania da “parzialmente libera” a “non libera” nell’ultimo anno. La Giordania di Abdullah non è la Siria e nemmeno l’Arabia Saudita – ancora – ma chi non è d’accordo con lo stato corre il rischio di essere bussato alla porta dai servizi segreti.

Nessuno crede che Abdullah intenda fare riforme politiche significative, e le sue riforme economiche hanno prodotto più accuse di corruzione che risultati economici positivi. Ha scatenato misure di austerità per ottenere prestiti dalla comunità internazionale e si è lanciato in una campagna di privatizzazione che alcuni osservatori internazionali hanno applaudito. Ma queste misure sono venute a costo di perdere il sostegno delle tribù del regno.

Tariq Tell, professore di studi politici all’Università americana di Beirut ed esperto di politica giordana, ha notato che le tribù nazionaliste erano state critiche nei confronti delle riforme economiche neoliberali che avevano dominato la politica sotto il re. “Le reti delle tribù della Cisgiordania orientale si stanno erodendo da quando è iniziata la privatizzazione”, ha detto. “I loro figli non stanno ottenendo gli stessi lavori e benefici”. Mentre la loro quota di torta, i posti di lavoro statali e i benefici si sono ridotti e il malcontento si è diffuso, Hamzah ha visto un’opportunità per ingraziarsi questa tradizionale base di supporto. Ha iniziato a raggiungere le figure tribali, facendo apparizioni a matrimoni e funerali.

Poco si sa sull’ideologia economica e politica del principe e su come si confronta con l’approccio al governo di suo fratello. Hamzah ha espresso la preoccupazione delle masse, ma finora non ha offerto alcuna soluzione su come intende salvare un paese privo di risorse e sommerso dai rifugiati. La sua più grande risorsa sembra essere il suo aspetto, dato che assomiglia molto a suo padre, il re Hussein bin Talal, a lungo regnante e ricordato con affetto. Ciononostante, la sua popolarità è aumentata dopo il suo arresto.

È ambizioso e si dice che sia stato preferito da Hussein come successore al fratello maggiore, una scelta che tuttavia si è rivelata troppo difficile da conciliare con la costituzione della Giordania. La sua posizione di consolazione come principe ereditario, prossimo nella linea di successione al trono, è stata rimossa da Abdullah e passata al suo stesso figlio nel 2004. Questo deve aver fatto male, ma non prova ancora che stesse tramando un colpo di stato contro il re.

Secondo Tell, nessuno credeva che fosse in corso un colpo di stato. “Le informazioni provenienti dal palazzo sono molto contraddittorie”, ha detto. “Gli ultimi eventi sembrano collegati a una disputa sulla successione che va avanti dalla rimozione di Hamzah come principe ereditario. Sembra che il re abbia voluto porvi fine”. Adnan Hayajneh, professore di affari internazionali all’Università Hashemita di Giordania, ha detto che le affermazioni del palazzo lo hanno lasciato perplesso. “Da una prospettiva di scienze politiche, non riesco a capire come le potenze straniere siano state coinvolte”, ha detto. “L’implicazione che Israele debba essere coinvolto non ha senso, perché hanno buoni legami con la Giordania. Perché dovrebbero voler destabilizzare la Giordania? E anche se i sauditi e gli emiratini hanno messo in disparte la Giordania ultimamente, anche loro non vogliono destabilizzare il paese”.

Tra gli arrestati per il presunto complotto del colpo di stato, solo due erano collegati all’Arabia Saudita. Ma gli esperti dicono che questi uomini non sono legati in alcun modo al principe. Bessma Momani, professore di scienze politiche all’Università di Waterloo e senior fellow presso il Centre for International Governance Innovation con sede in Ontario, ha detto che l’arresto di Bassem Awadallah, un giordano-saudita con doppia cittadinanza e consigliere del principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, era tattico. “Le tribù disprezzano Awadallah e lo vedono come sinonimo di corruzione ed elitarismo”, ha detto Momani. Ma lui non ha alcun legame con Hamzah”. L’arresto di Awadallah era una distrazione”.

L’insinuazione del palazzo è che Israele e l’Arabia Saudita vogliono che la Giordania diventi una patria alternativa per i palestinesi attualmente residenti in Cisgiordania come parte di un accordo più ampio che sostituisca gli Hashemiti come custodi della Moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme con la famiglia Al Saud. Dato che Abdullah non vuole giocare la palla, vogliono che Hamzah lanci un colpo di stato attraverso una rivolta popolare. Ma gli analisti non sono d’accordo e le chiamano congetture.

“L’idea è stata ventilata periodicamente nel corso dell’ultimo mezzo secolo o giù di lì, senza mai essere presa sul serio, certamente non dai governi arabi”, ha detto Tobias Borck, un collega del Royal United Services Institute di Londra. “Si suggerisce spesso che l’Arabia Saudita o gli Emirati Arabi Uniti ora vedono effettivamente questa come un’opzione politica fattibile. Io non ci credo. Non ho mai sentito un politico saudita o emiratino sostenere seriamente questa ipotesi”.

Al centro delle insicurezze del re c’è il movimento di protesta descritto localmente come Hirak. Nel 2011, mentre la primavera araba travolgeva la regione, gli islamisti dei Fratelli Musulmani e i membri delle tribù della Giordania sono scesi in strada. Tell ha detto che le basi del movimento Hirak sono state gettate nella primavera del 2010 da una rivolta dei veterani militari giordani: “Nel 2011, i veterani militari hanno pubblicato un manifesto, e anche se non diceva specificamente che volevano sostituire il re con il principe Hamzah, la loro preferenza era chiara”. L’establishment di sicurezza della Giordania è controllato da membri delle diverse tribù del paese. Anche se Abdullah ha nominato gli alti ufficiali, la sua più grande paura è che alcuni possano ribellarsi apertamente contro di lui in favore del principe.

Ma molti dicono che le paure del re sono esagerate. “Nonostante le varie linee di faglia etniche e ideologiche nella politica giordana, i dimostranti pro-riforma e pro-democrazia – dai partiti di sinistra, nazionalisti e islamisti e anche dai movimenti giovanili apartitici in tutto il paese – hanno marciato e protestato contro la corruzione e per le riforme quasi ogni venerdì per più di un anno”, ha detto Curtis Ryan, autore di due libri sulla Giordania e professore di scienze politiche alla Appalachian State University. “Questo non significa rivoluzione incombente o guerra civile. Infatti, la maggior parte dei giordani sostiene ancora la monarchia e vuole che guidi il paese verso una vera riforma”.

Il re sembra essere il suo più grande nemico, piuttosto che Hamzah o qualsiasi opposizione popolare. La storia è piena di storie di re insicuri che diventano autodistruttivi. Invece di arresti e teorie infondate, potrebbe servirgli bene se si concentrasse su una vera riforma politica e devolvesse il potere al parlamento. Guidare una Harley non fa di lui un re moderno, ma istituire una monarchia costituzionale, dove lui è una figura e niente di più, lo farebbe eccome.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: