Il sabotaggio nucleare diventa un vantaggio per l’Iran?

Il sabotaggio nucleare diventa un vantaggio per l’Iran?

L’attacco a un impianto di arricchimento iraniano ha migliorato la posizione negoziale del paese. L’operazione di sabotaggio contro il più grande impianto iraniano di arricchimento dell’uranio a Natanz l’11 aprile è stato l’ultimo apparente sforzo israeliano per rallentare il lavoro nucleare di Teheran. Nel luglio 2020, un impianto avanzato di produzione di centrifughe nello stesso complesso ha subito una potente esplosione con una bomba esplosiva che ha causato danni significativi alla struttura in superficie e ha spinto le autorità iraniane a costruire una sostituzione sotterranea. L’esplosione è stata seguita dall’assassinio di alto profilo a novembre di Mohsen Fakhrizadeh, l’architetto principale del programma di energia atomica dell’Iran.

Fereydoun Abbasi-Davani, il presidente della commissione parlamentare iraniana per l’energia, che è sopravvissuto a un tentativo di assassinio nel 2010, ha descritto il recente attacco come uno “schema” e una “impresa complessa” che ha coinvolto un’esplosione che ha messo fuori uso la rete elettrica standard dell’impianto di arricchimento, così come il suo sistema di emergenza a batteria utilizzato per generare elettricità per le centrifughe. Facendo eco allo stato d’animo politico indignato tra gli integralisti di Teheran, Alireza Zakani, il capo conservatore del centro di ricerca del parlamento iraniano, ha sostenuto che una “risposta appropriata” sarebbe “l’arricchimento al di sopra del 60 per cento di purezza” – di solito destinato ad alimentare i sottomarini nucleari e al di sopra di qualsiasi livello a cui l’Iran ha arricchito prima.

Nonostante le proteste e le promesse infuocate, la prima reazione ufficiale del governo è stata quella di minimizzare il blackout, suggerendo che l’Iran ha probabilmente deciso di mantenere la calma e portare avanti i negoziati nucleari in corso a Vienna, ma probabilmente con maggiori richieste di concessioni e aspettative di compensazione impiegate per una maggiore leva. Mentre Ali Akbar Salehi, il capo della Atomic Energy Organization of Iran (AEOI), ha condannato l’attacco come un atto di “terrorismo nucleare”, il portavoce dell’AEOI Behrouz Kamalvandi ha confermato pubblicamente lo stesso giorno che l’incidente non ha causato vittime umane o ricadute radioattive. Per cancellare ogni dubbio sul temuto cambiamento di posizione di Teheran sui colloqui nucleari in risposta al sabotaggio a Natanz, il portavoce presidenziale Ali Rabiei ha detto ai giornalisti martedì che l’Iran “non cadrà nella trappola” dell'”operazione provocatoria” di Israele. Ha anche contestato le affermazioni dei media di un cyberattacco come causa principale dell’incidente, aggiungendo che l’autore è stato identificato e la rappresaglia dell’Iran per l’attacco avrà luogo all’interno del territorio israeliano.

Gli sforzi dell’amministrazione del presidente iraniano Hassan Rouhani per calmare i nervi politici hanno coinciso con la visita del ministro degli esteri russo Sergey Lavrov a Teheran per consultazioni con il suo omologo iraniano, Mohammad Javad Zarif, che ha preso una posizione simile nei confronti dei rinnovati negoziati nucleari. “Gli israeliani pensavano che questo assalto avrebbe indebolito la nostra mano nei negoziati di Vienna, ma al contrario rafforzerà la nostra posizione”, ha detto Zarif durante una conferenza stampa congiunta con Lavrov martedì.

Il sabotaggio non è stato abbastanza sistematico da sconvolgere l’intero calcolo nucleare dell’Iran o dissuaderlo dal continuare a partecipare ai colloqui nucleari multilaterali con gli Stati Uniti. Teheran sembra invece pronta a far leva sul suo status di vittima – guadagnato attraverso ripetute operazioni israeliane contro le sue infrastrutture di energia atomica – per raggiungere il suo obiettivo al tavolo dei negoziati di una completa rimozione delle sanzioni, che in altre circostanze sarebbe potuta sembrare una richiesta massimalista che rischiava di alienare Russia e Cina.

In altre parole, l’attacco di Natanz non solo ha dato a Teheran una scusa legittima per installare centrifughe più efficaci per l’arricchimento dell’uranio senza grandi costi politici, ma può anche legare le mani di Mosca e di Pechino in termini di pressione sull’Iran per un compromesso durante i negoziati a Vienna. Questo serve in particolare agli interessi politici interni degli iraniani della linea dura in vista delle elezioni presidenziali di giugno, garantendo loro una vittoria relativamente inevitabile, non importa quale linea politica essi spingano in termini di alleggerimento delle sanzioni: Se l’amministrazione Biden riesce a revocare tutte le sanzioni dell’era Trump in una volta sola – come richiesto da Teheran – gli integralisti che hanno proposto questa disposizione massimalista in primo luogo emergeranno politicamente trionfanti in patria, e se Washington non riesce a farlo per qualsiasi motivo, gli integralisti possono ancora legittimamente attenersi alla stessa richiesta per ostacolare i colloqui nucleari della squadra di Rouhani, battere i moderati alle urne, e poi riprendere a perseguire la diplomazia per la riduzione delle sanzioni dopo aver preso il controllo della presidenza.

In questo contesto, non è stato sorprendente che Abbas Araghchi, vice ministro degli esteri iraniano e capo negoziatore nucleare a Vienna, abbia annunciato ufficialmente i piani di Teheran per l’arricchimento dell’uranio al 60 per cento di purezza martedì, secondo quanto riportato dai media iraniani. L’Iran ha notificato a Rafael Grossi, il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, che avrebbe iniziato l’arricchimento al 60 per cento per soddisfare i suoi bisogni medici e produrre farmaci radioisotopi. Contemporaneamente, una nave da carico di proprietà della ditta israeliana Ray Shipping sarebbe stata presa di mira dall’Iran vicino al porto emiratino di Fujairah, martedì.

Indipendentemente da come l’operazione di sabotaggio di Israele contro l’impianto sotterraneo di arricchimento di Natanz influisca sui negoziati di rinnovo del Piano d’azione congiunto globale (JCPOA) a Vienna, la conseguenza strategica più evidente è l’ulteriore allineamento dell’opinione pubblica iraniana, altrimenti scontenta, con il governo iraniano sulla politica nucleare. Questo allineamento, forgiato sulla base della comune opposizione ai nemici stranieri dell’Iran, può andare oltre le tattiche della diplomazia nucleare e contribuire a produrre un sostegno collettivo senza precedenti per la bomba come deterrente finale necessario.

Tale opzione rimane improbabile. Ma potrebbe non rimanere implausibile se gli sforzi diplomatici non riescono a invertire la campagna di massima pressione statunitense di asfissia economica contro l’Iran. Se il JCPOA crolla, sia per l’intransigenza degli Stati Uniti che per l’aggressione israeliana, non rimarrà alcun modo plausibile per contenere il programma nucleare di Teheran se non la guerra. E se scoppia la guerra, non ci sarà alcuna garanzia plausibile che l’Iran non si precipiti a cercare la bomba come conseguenza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: