“Ingegneri di Anime”: la grandiosa propaganda di Stalin in Russia

“Ingegneri di Anime”: la grandiosa propaganda di Stalin in Russia

Nel suo libro “Ingegneri di Anime” edito in Italia da Iperborea, Frank Westerman attira il lettore nella selvaggia euforia della rivoluzione russa, dove l’arte e la realtà sono inclini a scopi radicalmente nuovi. Gli scrittori di fama, descritti da Stalin come “Ingegneri di Anime”, furono incoraggiati a tessere le lodi della costruzione di canali e dighe con titoli celebrativi ma il loro entusiasmo – inizialmente spontaneo e idealista – divenne presto un canto di lode obbligatorio.

Questi colossali acquedotti hanno portato alla schiavitù e alla distruzione, scrittori sovietici come Maxim Gorky, Isaak Babel, Konstantin Paustovsky e Boris Pasternak, i quali furono costretti a lavorare al servizio di un’illusa società totalitaria. Combinando il giornalismo investigativo con la storia letteraria, “Ingegneri di Anime” è un viaggio attraverso la Russia contemporanea e la letteratura dell’era sovietica.

Nel 1932, Maxim Gorky convocò un gruppo di famosi scrittori nella sua residenza a Mosca. Non è stato detto perché, ma fu ben chiaro a tutto che  sarebbe stato alquanto saggio partecipare. Una volta che tutti erano presenti, Stalin entrò. Descrivendo gli scrittori come “Ingegneri di Anime”, insistette che il loro ruolo era più vitale di quello dei carri armati nello sviluppo dell’Unione Sovietica e li esortò a scrivere letteratura degna della rivoluzione cantando le lodi di costruzione.

Questo insolito ritratto di quello che sarebbe diventato un genere letterario unico intraprende due affascinanti viaggi: uno nella baia di Kara Bogaz, una volta descritta da Konstantin Paustovksy come una meraviglia dell’ingegneria idraulica e l’altra nella provincia della letteratura sovietica. Mentre gli studi occidentali tendono a concentrarsi su libri clandestini, vietati, confiscati o introdotti clandestinamente dall’URSS, Westerman (un tempo studente di ingegneria idraulica) è più interessato alle opere di convertiti, backsliders e scettici.

Chi avrebbe mai pensato che una storia letteraria dell’idraulica sarebbe stata così leggibile?