La piccola grande elezione della Groenlandia

La piccola grande elezione della Groenlandia
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Gli elettori della Groenlandia si sono recati alle urne in elezioni legislative con implicazioni geopolitiche insolitamente critiche.

Si tratta di decidere se portare avanti una miniera di terre rare e uranio che darebbe un grande impulso all’economia dell’isola. Come ha scritto Sam Dunning su Foreign Policy a marzo, la miniera ha già causato la caduta del governo a febbraio, quando un partner di coalizione junior ha lasciato dopo che il partito di maggioranza Siumut ha proposto di fermare le consultazioni pubbliche per il permesso di estrazione della miniera.

Con i più grandi depositi al mondo di minerali di terre rare non sviluppati, la Groenlandia ha il potenziale per diventare un leader mondiale nella produzione di materiali essenziali per prodotti ad alta domanda come gli smartphone e l’hardware militare come il jet da combattimento F-35.

La Groenlandia è di interesse per gli Stati Uniti e i suoi alleati che hanno visto la Cina correre avanti come leader delle terre rare. Pechino ora rappresenta i due terzi dell’estrazione delle terre rare e il 90% della produzione globale. Tale è il dominio della Cina, che le nazioni Quad di Australia, India, Giappone e Stati Uniti hanno iniziato i colloqui su una partnership per la catena di approvvigionamento delle terre rare.

Le aziende dietro la miniera proposta riflettono l’interesse internazionale nei metalli. Una società australiana, Greenland Minerals, ha preparato il sito negli ultimi 15 anni, mentre una società cinese, Shenghe Resources – essa stessa in parte di proprietà del governo cinese – è il principale investitore di Greenland Minerals.

La miniera ha un fascino nazionalistico per l’isola, dove l’indipendenza dalla Danimarca è stato un obiettivo a lungo cercato. Anche se la Groenlandia è in gran parte autonoma, la Danimarca attualmente paga ancora la metà del bilancio dell’isola, quindi qualsiasi opportunità di costruire l’indipendenza economica rimane una proposta attraente.

Le preoccupazioni ambientali sulla radioattività e l’inquinamento sembrano avere la meglio tra gli elettori del paese, tuttavia, con i sondaggi che attualmente favoriscono l’opposizione Inuit Ataqatigiit, un partito socialista democratico contrario alla miniera.

Gli elettori voteranno oggi in un’atmosfera largamente libera dalle paure del coronavirus che hanno afflitto il resto del mondo. Fino ad oggi, la Groenlandia non ha avuto morti né ricoveri correlati al COVID-19. Il suo numero totale di casi è 31, che, anche considerando la sua piccola popolazione di 56.000 persone, la classifica tra i migliori risultati al mondo nel domare il virus.

Anche così, non tutto è roseo in Groenlandia. Gli episodi di violenza sono saliti alle stelle negli ultimi anni, con un salto del 46% dal 2018 al 2020. I tassi di suicidio sono i più alti del mondo. E la rapida migrazione dalle città periferiche alla capitale, Nuuk, ha anche innescato un aumento dei senzatetto, poiché la costruzione di case non riesce a tenere il passo con la domanda.

Tutti questi problemi richiedono soluzioni a lungo termine e intergenerazionali, ha detto a Foreign Policy Steven Arnfjord, capo del dipartimento di scienze sociali dell’Università della Groenlandia, cosa che una miniera e le sue associazioni con l’indipendenza non possono risolvere. “Se devi dipendere dall’estrazione delle terre rare, è uno spettro di 25-30 anni. Poi si prosciuga”, ha detto Arnfjord. “Certo, l’estrazione mineraria può essere un buon affare, ma devo ancora vedere una multinazionale mineraria che lo faccia davvero a beneficio del paese in cui si trova”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: