L’ombrello nucleare degli Stati Uniti: è l’ora del disarmo?

L’ombrello nucleare degli Stati Uniti: è l’ora del disarmo?
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Un recente rapporto del Chicago Council on Global Affairs, “Prevenire la proliferazione nucleare e rassicurare gli alleati dell’America”, ha fatto un piccolo passo in una direzione piuttosto sorprendente. Il titolo cattura perfettamente il suo tema principale: Per scoraggiare i suoi alleati dall’acquisire le proprie armi nucleari, gli Stati Uniti devono contrastare i dubbi sollevati durante l’amministrazione Trump e rassicurare i suoi alleati sulla forza dell’impegno degli Stati Uniti per la loro sicurezza.

Dato che il rapporto è stato scritto da un gruppo multinazionale di noti esperti di politica estera, la maggior parte delle loro conclusioni e prescrizioni non sono problematiche. Ma la seguente raccomandazione ha attirato la mia attenzione:

“L’Europa ha bisogno di costruire la dimensione nucleare dei suoi sforzi di difesa, anche mantenendo e modernizzando le capacità per le attuali missioni nucleari della NATO e la Francia e la Gran Bretagna lavorano insieme per estendere i loro deterrenti nucleari ai loro alleati europei”.

Perché questa dichiarazione è così intrigante? Perché mostra che gli autori di questo rapporto riconoscono che l’Europa nel suo complesso potrebbe essere più sicura se potesse contare su un deterrente locale invece di continuare a rifugiarsi sotto l’ombrello nucleare degli Stati Uniti. E se questo è vero per le nazioni europee, allora potrebbe essere vero anche per altre. Anche se gli autori del rapporto si oppongono all’ingresso di nuovi stati nel club nucleare (Gran Bretagna e Francia sono già membri), la loro dichiarazione implica chiaramente che la deterrenza sarebbe rafforzata se gli stati che affrontano gravi minacce esterne avessero una garanzia nucleare che non dipende dallo zio Sam.

Questa non è una questione nuova. Fin dall’inizio dell’era nucleare, gli Stati Uniti hanno usato le armi nucleari per “estendere la deterrenza” e proteggere alcuni dei loro alleati. Ha cercato di convincere i potenziali avversari che gli Stati Uniti potrebbero usare il loro formidabile arsenale nucleare se questi alleati fossero attaccati, anche se gli Stati Uniti non lo fossero. Naturalmente, c’era sempre qualche possibilità che una guerra che coinvolgesse uno degli alleati degli Stati Uniti potesse degenerare a livello nucleare, per caso, per inavvertenza, o per decisione deliberata, indipendentemente da ciò che i leader statunitensi dicevano in anticipo. Anche così, Washington ha fatto di tutto per rendere credibile il suo ombrello nucleare, in parte per scoraggiare i nemici ad attaccare, ma anche per convincere i suoi alleati a non dotarsi di armi nucleari.

Di conseguenza, i leader statunitensi fecero molte dichiarazioni pubbliche che collegavano l’arsenale statunitense agli impegni fondamentali dell’alleanza, e la NATO elaborò vari piani e dichiarazioni dottrinali progettati per rafforzare la percezione di una garanzia affidabile degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno anche schierato migliaia di testate sul territorio di alcuni dei suoi alleati, insieme ad accordi a doppia chiave che hanno dato a questi alleati un po’ di voce in capitolo su come, quando o se queste temibili armi vengono usate. Infine, e molto importante, gli Stati Uniti hanno continuato a cercare di raggiungere un grado significativo di superiorità nucleare per rendere più credibile un eventuale primo uso delle armi nucleari per difendere gli alleati. Invece di acquisire un “deterrente minimo” (cioè forze di ritorsione che potessero sopravvivere a qualsiasi possibile attacco e poi infliggere danni inaccettabili a un aggressore), i piani di guerra e le decisioni sugli armamenti degli Stati Uniti si sono sempre concentrati sul tentativo di uscirne vincitori nel terribile caso di un’effettiva guerra nucleare.

Perché gli Stati Uniti hanno fatto questo? In buona parte perché convincere la gente che si potrebbero usare armi nucleari per difendere un alleato non è facile. Si potrebbe immaginare un presidente degli Stati Uniti che usa le armi nucleari per rappresaglia contro un attacco diretto al territorio degli Stati Uniti o per scoraggiare la prospettiva estremamente improbabile di un’invasione convenzionale che minacciasse l’indipendenza degli Stati Uniti. Questa è l’unica cosa per cui le armi nucleari sono buone: scoraggiare le minacce esistenziali all’indipendenza o all’autonomia dei loro possessori. Questa forma di deterrenza (a volte definita “di base” o “di tipo I”) funziona perché la parte deterrente quasi certamente si preoccuperà di preservare la propria indipendenza più di quanto un potenziale attaccante si preoccuperà di cercare di portarla via. Poiché l’equilibrio della risoluzione favorisce il difensore, anche potenze nucleari molto più deboli possono dissuadere i nemici dall’attaccarli direttamente. Se non trovate questo argomento persuasivo, ricordate che gli Stati Uniti hanno attaccato l’Iraq non nucleare nel 2003 e la Libia non nucleare nel 2011, ma lasciano in pace la Corea del Nord armata con il nucleare.

Al contrario, dissuadere un attacco convenzionale o nucleare contro un alleato minacciando di usare il nucleare – e convincere i propri alleati che si fa sul serio – è più difficile. Una cosa è minacciare di usare armi nucleari per evitare che il proprio paese sia soggiogato, un’altra è farlo per salvare un alleato dalla sconfitta o dalla dominazione. O, come ci si chiedeva ai tempi della guerra fredda, un presidente americano rischierebbe davvero Washington o Chicago per salvare Parigi o Berlino? Molto tempo dopo aver lasciato l’incarico, alcuni ex funzionari statunitensi suggerirono che la risposta era quasi certamente “no”. La deterrenza estesa potrebbe ancora funzionare perché i potenziali attaccanti non possono essere sicuri di tutto questo, ma non è ancora credibile come la deterrenza degli attacchi sul proprio territorio.

La soluzione a questo enigma – se così si può chiamare – è raggiungere una schiacciante “superiorità nucleare”. Se si potesse spazzare via l’intera forza nucleare di un avversario in un primo colpo, non si dovrebbe temere la sua ritorsione, e l’uso di armi nucleari per difendere un alleato sarebbe molto più credibile. Anche se un primo colpo splendido non fosse possibile, forse si potrebbe convincere un potenziale attaccante che finirà anche peggio di voi alla fine di una guerra nucleare per convincerlo a non mettere neanche un dito del piede sul primo gradino della scala dell’escalation.

Così, la necessità percepita di estendere la deterrenza è una delle ragioni per cui gli Stati Uniti hanno a lungo cercato la superiorità nucleare. Non è l’unica ragione: Una vera capacità di primo colpo potrebbe limitare i danni nel caso di una guerra vera e propria. Alcuni commentatori hanno anche provato a sostenere – in modo non molto convincente – che la superiorità permetterebbe alla parte più forte di costringere gli stati più deboli nelle crisi. Inseguire il santo Graal del vantaggio del primo colpo è stato anche popolare tra gli appaltatori della difesa e parti dei servizi armati, perché richiede di spendere miliardi di dollari ogni anno per armi sempre più precise, testate più efficienti e distruttive, migliori capacità di sorveglianza e guerra antisommergibile, e un sacco di altri oggetti luccicanti.

È interessante notare che alcuni studiosi sofisticati hanno recentemente affermato che i progressi tecnologici hanno messo gli Stati Uniti sull’orlo di una vera capacità di primo attacco. Forse in teoria, ma certamente non come opzione utilizzabile. Per capire perché, chiedetevi cosa fareste se foste presidente e doveste affrontare una grave crisi con un avversario dotato di armi nucleari. Avete messo i servizi armati in allerta, e c’è il pericolo che la forza possa essere usata e che i combattimenti possano intensificarsi. Supponiamo che i vostri consiglieri militari e gli esperti di intelligence vi dicano che se ordinate un primo attacco ora, potete quasi certamente distruggere l’intero arsenale nucleare del nemico, lasciando gli Stati Uniti illesi e in una posizione ideale per risolvere la disputa a condizioni favorevoli.

Essendo una persona ragionevole, senza dubbio chiedereste loro: “Potete garantirlo? Siete assolutamente, al 100 per cento sicuri che il nemico non avrà più armi utilizzabili, e quindi non ci scompiglieremo nemmeno i capelli?”.

“Siamo altamente fiduciosi del successo”, vi dicono. “Ma c’è un’esile possibilità che qualche arma nemica sopravviva e raggiunga il suolo americano. Non più di uno a tre”.

Anche se non foste turbati dalle questioni morali coinvolte nell’ordinare un attacco che ucciderebbe un numero incalcolabile di persone (e dovreste esserlo), lo fareste? Certo che no, perché non vorreste rischiare di perdere New York, Los Angeles, Chicago, Boston o qualsiasi altra grande città degli Stati Uniti, che è ciò che potrebbe accadere se il primo attacco che avete autorizzato si rivelasse appena un po’ meno efficace di quanto previsto dai vostri consiglieri. Per emettere un ordine di lancio, dovreste credere che l’attacco proposto funzionerebbe perfettamente la prima volta che viene eseguito (le simulazioni e le esercitazioni non sono la stessa cosa), quasi tutti i missili e le bombe che sono rimasti nei silos o nei depositi per anni funzionerebbero come previsto, e l’altra parte non avrebbe disperso le proprie forze o nascosto qualche arma in più in posti che non avete rilevato. Sulla base di tutto ciò che gli Stati Uniti sanno sulle complesse operazioni militari e sui limiti dell’intelligence, sareste un pazzo a tirare i dadi in questo modo.

Un’altra cosa: man mano che le capacità di first-strike migliorano, gli avversari possono rispondere mantenendo le forze in maggiore allerta o adottando procedure di “lancio su allarme” che aumentano il rischio di guerra accidentale o involontaria. Non importa di cosa siano capaci le forze statunitensi in teoria, in breve, è difficile vedere come qualsiasi presidente sarebbe disposto a usare le armi nucleari per primo anche se la probabilità di “successo” fosse estremamente alta. Questa realtà getta ulteriori dubbi sull’intera idea di deterrenza estesa, nella misura in cui si basa sulla minaccia di passare deliberatamente al livello nucleare se un alleato chiave è in pericolo di essere conquistato.

Estendere un ombrello protettivo sugli alleati in Europa e in Asia può aver avuto senso durante la guerra fredda, sia per proteggerli che per scoraggiare la proliferazione. Ma l’ambiente delle armi nucleari è cambiato: il numero di stati dotati di armi nucleari è salito e diversi paesi (India, Pakistan e Regno Unito) stanno aumentando le dimensioni dei loro arsenali (anche se rimangono molto inferiori ai livelli statunitensi o russi). Inoltre, gli Stati Uniti non sono così strettamente legati ad alcuni dei suoi tradizionali alleati come lo erano durante la Guerra Fredda, e gravi spaccature potrebbero continuare a crescere nonostante gli sforzi dell’amministrazione Biden per ripristinare la solidarietà dell’alleanza e riaffermare la leadership statunitense.

Il che solleva l’ovvia domanda: Ha ancora senso proteggere gli alleati sotto l’ombrello nucleare degli Stati Uniti? Usare la minaccia dell’uso del nucleare per proteggere altri paesi non è privo di costi o di rischi, e potrebbe anche essere più pericoloso che lasciare che alcuni altri stati acquisiscano arsenali propri e incoraggiarli a fare affidamento sulla deterrenza di “tipo I” fornita dalle loro capacità nazionali.

Questo punto di vista è stato avanzato in precedenza, in particolare da Kenneth Waltz in un controverso Adelphi Paper 40 anni fa. Waltz non stava sostenendo di dare la bomba ad altri stati o di sostenere che la rapida diffusione delle armi nucleari sarebbe stata desiderabile; il suo punto centrale era che cercare di prevenire la lenta diffusione di queste armi non era senza costi propri e che in alcuni casi, come ha detto, “più può essere meglio”. La domanda è: questo sta diventando il caso oggi?

Per essere sicuri, piegare l’ombrello nucleare potrebbe avere alcuni effetti negativi. Potrebbe far sì che gli stati abituati da tempo alla protezione degli Stati Uniti mettano in discussione il loro impegno (anche se non c’è alcuna ragione logica per farlo se è ancora nell’interesse degli Stati Uniti aiutare la loro difesa in altri modi). Potrebbe anche ridurre l’influenza o la leva degli Stati Uniti se alcuni alleati non fossero più così dipendenti dalla protezione degli Stati Uniti, anche se la chiusura dell’ombrello non eliminerebbe la loro dipendenza da altri elementi del potere degli Stati Uniti. Rimuovere la garanzia nucleare degli Stati Uniti potrebbe incoraggiare alcuni stati a perseguire armi nucleari proprie, ma non è ovvio che l’acquisizione da parte del Giappone o della Germania sarebbe un risultato terribile da una prospettiva puramente statunitense.

Inoltre, anche la possibilità che questi stati possano assumersi la responsabilità di scoraggiare gli attacchi sul proprio territorio potrebbe avere un effetto sobillatore su una Cina in ascesa e una Russia recalcitrante. In particolare, ricorderebbe a Pechino e Mosca che il loro comportamento influenzerà i calcoli strategici che i loro vicini faranno nel prossimo futuro, comprese le decisioni sulle armi nucleari. Se la Cina non vuole affrontare altri stati con armi nucleari nella sua regione, per esempio, allora i suoi leader dovrebbero iniziare a chiedersi cosa possono fare per far sì che quei vicini sentano meno il bisogno di una protezione aggiuntiva. La risposta più ovvia: Smettere di molestarli in vari modi, abbandonare l’approccio brusco alla diplomazia, attenersi agli accordi precedentemente raggiunti, e fare di più per risolvere le dispute esistenti su una base di equità.

Qualunque cosa Washington scelga di fare con il suo ombrello nucleare, il compito più importante è quello di andare oltre la tendenza a vedere le armi nucleari come potenti segni di status, indispensabili strumenti di statecraft, o potenti fonti di influenza. Le armi nucleari sono estremamente utili per scoraggiare attacchi diretti e totali alla propria patria, ma non molto altro. Per questo scopo, una grande potenza non ha bisogno di un enorme arsenale o di qualche ipotetica capacità di “combattere e vincere” uno scambio nucleare. Tutto ciò di cui ha bisogno è una scorta che possa sopravvivere ad un attacco nemico ed essere in grado di rispondere in modo adeguato. Opportunamente nascoste o protette, non hanno bisogno di essere pronte a colpire in un attimo. Feticizzare la bomba e usarla per cercare di proteggere gli altri non è solo costoso; può anche essere pericoloso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: