Nuove restrizioni per Astrazeneca

Nuove restrizioni per Astrazeneca
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

I governi di tutta Europa hanno posto delle restrizioni sul vaccino COVID-19 di AstraZeneca dopo che il regolatore di medicinali dell’UE ha determinato un legame tra il vaccino e coaguli di sangue “molto rari” accoppiati con un basso numero di piastrine nel sangue; il rischio sembra essere maggiore per le persone più giovani.

Dopo che la notizia è stata annunciata, la Spagna e l’Italia hanno riferito di aver limitato l’uso del vaccino di AstraZeneca e ora lo daranno solo a persone oltre i 60 anni, seguendo mosse simili in Germania e nei Paesi Bassi, mentre il Regno Unito dice che offrirà colpi alternativi a quelli sotto i 30 anni. Il vaccino era già stato sospeso in Norvegia e Danimarca.

Nonostante le decisioni in Europa, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha sollecitato ulteriori studi dicendo che il legame con la coagulazione dovrebbe essere “considerato plausibile ma non confermato”. Nella sua dichiarazione, l’OMS ha contrastato i rari incidenti che hanno causato preoccupazione con l’enorme numero di quelli senza effetti collaterali. Circa 200 milioni di persone in tutto il mondo hanno già ricevuto una dose del vaccino.

Anche se il legame con l’aumento della coagulazione del sangue è minore, qualsiasi accenno a gravi effetti collaterali minaccia il lancio globale del vaccino. AstraZeneca rappresenta circa il 14% dello stock di vaccino COVAX, la struttura globale su cui molti paesi poveri fanno affidamento per le dosi. È anche l’unico vaccino ad aver firmato accordi di licenza con produttori di tutto il mondo, permettendo al vaccino di essere prodotto più vicino ai paesi dove è necessario.

Gli effetti delle azioni europee si stanno già facendo sentire in Africa: Il Camerun e la Repubblica Democratica del Congo hanno ritardato il loro lancio del vaccino come risultato, una mossa che mette in pericolo i 500 milioni di dosi di AstraZeneca che l’Unione Africana ha già acquistato.

Il Messico, che ha assicurato un accordo di prestito con gli Stati Uniti per le azioni AstraZeneca dei suoi vicini, non prevede di limitare l’uso del vaccino, ha detto il suo regolatore. Il Brasile, l’attuale epicentro della pandemia, ha anche detto che avrebbe continuato il suo lancio: 4 milioni di dosi di AstraZeneca sono state somministrate finora nel paese.

In India, che ha somministrato circa 47 milioni di dosi di AstraZeneca alla fine di marzo, il problema sta nel creare più dosi, piuttosto che nel trattenersi. Il Serum Institute, il produttore del vaccino, ha chiesto 403 milioni di dollari di finanziamenti per compensare un deficit in seguito alla decisione del governo di fermare le esportazioni per affrontare il proprio aumento del virus.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: