Dieci Paesi che non amano i turisti

Dieci Paesi che non amano i turisti
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Il turismo può essere una miniera d’oro per l’economia e infatti la maggior parte dei paesi in tutto il mondo attende i visitatori a braccia aperte. Tuttavia non accade sempre così in quanto esistono nazioni che hanno deciso che sarebbero stati meglio senza le masse di nuovi arrivati, paesi che hanno chiuso le porte soprattutto agli americani ma anche a molte altre nazioni in tutto il mondo.

1) Arabia Saudita
richiede che tutti i visitatori siano sponsorizzati da un residente legale o cittadino. Anche se sei sponsorizzato correttamente, non c’è alcuna garanzia che ti verrà rilasciato un visto poiché il processo di candidatura è altamente selettivo.

2) Iran
L’Iran non ha più nemmeno un’ambasciata americana, grazie alla tesa situazione di ostaggi in Iran che si è verificata nel 1979. Se sei in grado di ottenere un visto iraniano attraverso l’ambasciata pakistana a Washington, devi dimostrare che fai parte di un gruppo turistico.

3) Corea del Nord
La Corea del Nord richiede a tutti i visitatori di prenotare un pacchetto completo prima di visitarlo. Durante la visita, ti verrà richiesto di rimanere con le tue guide per tutto il tempo. Se sei americano, la mancanza di un’ambasciata della Corea del Nord negli Stati Uniti ti obbligherà a recarti in Cina prima di prenotare un tour.

4) Siria
La Siria è nel mezzo di un conflitto, ma anche se questo non fosse sufficiente a scoraggiarti, sappi che comunque il visto è quasi impossibile da ottenere. Poiché ogni visto deve essere approvato attraverso un processo complesso, i potenziali visitatori devono affrontare un’attesa indefinita per essere approvati o rifiutati.

5) Cuba
La relazione tra Cuba e gli Stati Uniti si sta leggermente rilassando ma le attuali norme di viaggio non consentono ancora a chiunque cerchi un buon sandwich cubano e una spiaggia caraibica di prenotare un volo. A meno che tu non possa provare che sei a Cuba per uno dei motivi ufficiali, dovrai aspettare più a lungo per visitarlo.

6) Somalia
La Somalia è nota per il vasto numero di pirati che si aggirano per i mari che la circondano, il che dovrebbe essere una buona ragione per non andarci. Anche se riesci a superare i pirati, avrai bisogno di uno sponsor e di un invito a visitare il paese.

7) Angola
Se l’Angola è nella tua lista dei desideri, allora prepara il portafoglio e preparati a sborsare bei quattrini. Prima di poter richiedere un visto, dovrai pagare la tassa di iscrizione e il costo dell’invito, quindi prenotare i biglietti aerei e i soggiorni in hotel.

8) Repubblica centrafricana
A partire dal 2014, la Repubblica Centrafricana non ha alcuna ambasciata americana e tutti i visitatori degli Stati Uniti devono presentare domanda tramite l’ambasciata francese. Aggiungete il fatto che i confini della CAR sono estremamente limitati (e chiusi sul lato dove si trova il confine Ciad-Car).

9) Libia
La Libia e gli Stati Uniti sono stati in disaccordo per la maggior parte del ventunesimo secolo e, l’Ambasciata degli Stati Uniti è stata chiusa nel 2014.  Senza un visto, gli americani hanno pochi modi per visitare questo paese assai pericoloso dati gli alti tassi di criminalità.

10) Algeria
L’Algeria è un altro paese chepreferisce che i visitatori paghino prima di arrivare. Per prima cosa, prenota il tuo hotel, quindi ricevi una certificazione di alloggio. Una volta ottenuto ciò, dovrai comunicare con un’agenzia di viaggi locale per ottenere un invito. Solo allora potrai richiedere il visto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: