Perché il CDC aveva bloccato il vaccino Johnson & Johnson

Perché il CDC aveva bloccato il vaccino Johnson & Johnson

I vaccini non combattono direttamente i virus; piuttosto, addestrano il nostro sistema immunitario a riconoscere un particolare virus ed essere pronti ad attaccarlo rapidamente se mai dovesse vedere la cosa reale in futuro. Ci sono attualmente tre metodi in uso comune per creare un vaccino.

  1. Creare una versione indebolita o morta del virus che non avrà gli effetti collaterali dannosi ma che comunque addestrerà il nostro sistema immunitario a riconoscerlo;
  2. Innestare parte del virus bersaglio su un altro virus innocuo, come un adenovirus, in modo che il nostro sistema immunitario si alleni sul nuovo virus mentre combatte quello innocuo;
  3. La tecnologia più recente: un vaccino mRNA, che ha un pezzo di “RNA messaggero” che infetta le nostre cellule e istruisce la macchina cellulare a riprodurre solo una piccola parte del virus in modo che il nostro sistema immunitario possa allenarsi su di esso.

I vaccini Pfizer e Moderna sono del nuovo tipo “mRNA”. I vaccini AstraZeneca e J&J sono del secondo tipo: adenovirus modificati. Tutti e quattro si concentrano sulla proteina “spike” di COVID, una proteina che contiene la sequenza magica che permette al virus di sbloccarsi ed entrare nelle nostre cellule. Moderna e Pfizer hanno mRNA che dice alle nostre cellule di creare copie della proteina spike, mentre AstraZeneca e J&J innestano la proteina spike su un adenovirus.

Due mesi fa, dopo che decine di milioni di dosi del vaccino di AstraZeneca sono state somministrate in Europa, sono stati identificati 11 casi in cui i pazienti hanno sviluppato insoliti coaguli di sangue entro tre settimane dalla ricezione del vaccino. Questi pazienti avevano tutti anche un numero molto basso di piastrine al momento della diagnosi dei coaguli di sangue.

Una parola sulle piastrine: sono un componente del nostro sangue che, quando attivato, può rapidamente raggrupparsi e formare coaguli per fermare il sanguinamento quando una vena o un’arteria è rotto. Ma ci sono anche molti modi in cui la funzione delle piastrine può andare male, portando a coaguli nel nostro flusso sanguigno. Questo può essere pericoloso, anche mortale: i coaguli di sangue possono interrompere la circolazione di un braccio o di una gamba (nota come “trombosi venosa profonda” o DVT), una parte di un polmone (chiamata embolia polmonare) o un altro organo, o una parte del cervello (una forma di ictus).

Alcuni farmaci possono causare la coagulazione come effetto collaterale attivando inutilmente le piastrine. Un caso molto raro ma ben documentato di questo è con il farmaco eparina, che normalmente è un agente fluidificante del sangue (cioè inibisce l’attivazione delle piastrine) ma in alcuni casi può unirsi a un’importante proteina nel nostro corpo chiamata PF4, e la combinazione chimica eparina-PF4 scatena anticorpi che attivano le piastrine e causano un calo del numero complessivo delle piastrine. Va notato che la maggior parte dei farmaci che causano la coagulazione non causano anche il calo del numero di piastrine; questa combinazione è abbastanza unica per l’interazione eparina-PF4 ed è una chiave del puzzle dei vaccini COVID.

Undici casi di coaguli di sangue tra gli 82 milioni di persone che hanno ricevuto il vaccino AstaZeneca in Europa è un campione incredibilmente piccolo, così piccolo che potrebbe facilmente essere solo una coincidenza casuale – anche se il fatto che nove degli undici sono donne suggerisce fortemente che potrebbe non essere. I nostri sistemi immunitari sono bizzarri e c’è una lunga lista di malattie auto-immuni conosciute (per non parlare di quelle sconosciute) che fanno sì che il corpo inizi ad attaccare se stesso. Oppure gli 11 casi potrebbero essere stati causati da qualche interazione di farmaci. Gli scienziati che hanno esaminato questi 11 casi hanno dovuto valutare tutte le possibili cause prima di concludere che erano legati al vaccino. Tutti gli 11 pazienti hanno mostrato gli stessi due sintomi come se fossero coaguli di sangue indotti dall’eparina, ma nessuno di loro aveva ricevuto l’eparina prima della sua comparsa. Ulteriori test hanno trovato negli undici pazienti gli stessi anticorpi che erano stati trovati in precedenza nei casi di coaguli indotti da eparina, così come la presenza di alti livelli di PF4. Stessi sintomi, stessi anticorpi, stessa proteina PF4 presente – ma niente eparina. Questo ha portato gli scienziati a concludere che qualcosa nel vaccino AstraZeneca (sia nell’adenovirus utilizzato o la proteina spike innestata) stava innescando la stessa reazione auto-immune che l’eparina era, causando i coaguli di sangue e il basso numero di piastrine in quegli undici pazienti.

E questo ci porta al vaccino Johnson and Johnson, che sta iniziando questo stesso processo. A questo punto, ci sono sei casi noti di coaguli di sangue e bassa conta delle piastrine dopo aver ricevuto il vaccino J&J, su 6,8 milioni di dosi somministrate. Di nuovo, è un numero incredibilmente piccolo; d’altra parte, tutti e sei sono donne, il che suggerisce che non è solo una coincidenza casuale. È certamente ragionevole supporre che si tratti dello stesso problema del vaccino AstraZeneca, dato che entrambi sono basati su adenovirus, ma tutti i test di laboratorio non sono ancora stati fatti per confermare questa convinzione. Ecco perché all’inizio di questa settimana un comitato consultivo convocato dal CDC  (Centers for Disease Control and Prevention) ha rinunciato a prendere una decisione fino al 23 aprile: così il lavoro di laboratorio può recuperare e possono quindi prendere una decisione informata su ciò che sta realmente accadendo con questi sei casi. Dà anche il tempo al CDC di setacciare i dati e trovare qualsiasi altro caso che possa essere stato trascurato o classificato male.

Anche se la commissione conclude che il vaccino J&J sta causando questo effetto collaterale autoimmune estremamente raro che porta a coaguli di sangue, questo non significa che il CDC ritirerà definitivamente il vaccino dall’uso. Ma significa che emetteranno (e in effetti hanno già) una guida specifica su come trattare i coaguli di sangue se appaiono. Uno dei trattamenti più comuni per i coaguli di sangue è l’eparina, ma in questo caso ci sono ottime ragioni per credere che l’uso dell’eparina potrebbe peggiorare ulteriormente il problema. Fortunatamente, ci sono diversi altri fluidificanti del sangue disponibili e i medici ben informati possono usarli al loro posto, per eccesso di cautela.

Detto questo, ritirare il vaccino J&J, anche temporaneamente, crea altri mal di testa. A differenza dei vaccini mRNA a due dosi, i vaccini J&J e AstraZeneca richiedono solo una singola dose. “Uno e fatto” è un vantaggio enorme negli sforzi per vaccinare gli individui che sono molto meno propensi ad entrare in contatto con il sistema sanitario pubblico due volte in un periodo di tre settimane, come i senzatetto, quelli con problemi di mobilità e gli individui senza assistenza sanitaria regolare.

Possiamo fare la nostra parte per aiutare il CDC ad arrivare rapidamente al fondo di questo usando l’app v-safe per segnalare qualsiasi effetto collaterale che abbiamo dopo la vaccinazione. Questo darà agli scienziati più dati per capire la portata e la scala di questi e altri problemi con i vaccini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: