Potted Potter: l’intera saga di Harry Potter in uno spettacolo di settanta minuti

Potted Potter: l’intera saga di Harry Potter in uno spettacolo di settanta minuti

 

Lo spettacolo “Potted Potter” giunge al Teatro Ciak di Roma forte di una candidatura agli Olivier Awards nella categoria Best Entertainment and Family  per rappresentare la parodia di tutti e sette i libri della rinomata autrice inglese J.K.Rowling, realizzati nell’arco temporale di 11 anni, dal 1997 al 2008.  Si tratta di opere che hanno conferito all’autrice una straordinaria fama internazionale, conquistando giovani e adulti di tutto il mondo con trame di un’originalità unica, tali da essere riprodotte al cinema e in teatro, e in grado di divenire la base per eventi e concerti, fino ad arrivare oggi a questa rappresentazione.

La messa in scena, diretta da Simone Leonardi, vede protagonisti i due attori Davide Nebbia e Mario Finulli, due ragazzi giovani e capaci che da soli riescono a riprodurre un numero notevole di personaggi.

In soli 70 minuti, non solo assistiamo al racconto di tutta la saga potteriana, ma prendiamo parte addirittura alla simulazione di una partita di quidditch, alla quale i due danno vita in un modo alquanto inaspettato e divertente, attraverso un gran coinvolgimento del pubblico che partecipa in prima persona alla sua riuscita.

Degna di stupore è sicuramente la  capacità degli interpreti di scambiare battute in modo repentino e incisivo e anche la ripetizione delle stesse in momenti inaspettati suscita una reazione considerevole in platea. I due inseriscono anche riferimenti ad altri libri, film e cartoni animati altrettanto noti al pubblico, e il tutto si staglia sullo sfondo del loro rapporto di amicizia.

Lo spettacolo si avvale di una scenografia alquanto ricca che tende a riprodurre gli elementi salienti e le  ambientazioni caratteristiche  dei libri, facendo sfoggio di un numero cospicuo di maschere.

La conclusione avviene sulle note di “I will survive” della celebre Gloria Gaynor, il cui testo viene riarrangiato per raccontare lo scontro finale tra il protagonista e Lord Voldemort. I due giovani e talentuosi attori, tra giochi di luce, mosse di ballo e battute a non finire, riescono con grande comicità ed ironia nel loro intento. Lo spettacolo li porterà a Roma, Milano, Firenze, Trieste, a conferma del fatto che questa saga, ormai conclusa da anni, sembra essere in realtà senza tempo, ed ancora oggi gode di un incredibile successo.

 

Cristina Mc Vey