Riaprire o non riaprire? La possibile recrudescenza pandemica e il caso evidente dell’India

Riaprire o non riaprire? La possibile recrudescenza pandemica e il caso evidente dell’India
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Nei primi giorni della pandemia di coronavirus, la gente in tutto il mondo era preoccupata. I dispacci dall’Italia e da New York descrivevano scenari lugubri di ospedali allagati e pazienti morenti. Le scarse risposte della maggior parte del mondo occidentale, presumibilmente più preparato di altri per una pandemia, significavano previsioni di disastri per le nazioni più povere, specialmente per gli 1,2 miliardi di persone dell’India.

L’India sembrava il luogo perfetto per il COVID-19 per scatenarsi – le infrastrutture sanitarie sono sottosviluppate, la densità della popolazione è alta nelle aree urbane, e il paese già soffre di alti tassi di altre malattie come la tubercolosi e la malaria. Tutti si stavano preparando per un disastro, ma non è mai arrivato.

In parte, almeno, ciò è stato dovuto alla rapida azione delle autorità. Il governo centrale ha agito rapidamente, emettendo un blocco in tutto il paese e quasi tutti, dal primo ministro Narendra Modi in giù, hanno preso sul serio il mascheramento. Anche altri fattori sembravano lavorare a vantaggio del paese; l’India ha una popolazione più giovane della maggior parte degli altri paesi, e si discuteva dell’immunità preesistente tra la popolazione.

Per un po’, sembrava che le cose stessero migliorando – il numero dei casi continuava a scendere, e il governo e i suoi alleati si sono assicurati di sottolinearlo. Lo scorso settembre, durante la preparazione delle elezioni dell’assemblea in Bihar, il Bharatiya Janata Party (BJP) di Modi ha affermato che lo stato sarebbe stato presto libero dalla COVID. Allo stesso modo, in ottobre, il portavoce nazionale del BJP è andato alla BBC a sostenere che l’India era quasi tornata alla normalità.

Ma un fattore di complicazione era la dimensione relativamente piccola, sotto i 300 miliardi di dollari, del pacchetto di aiuti per il coronavirus approvato dal governo. (In confronto, gli Stati Uniti, con una popolazione di meno di un terzo di quella dell’India, hanno speso finora alcuni trilioni di dollari). L’India ha dovuto essere più cauta fiscalmente degli Stati Uniti, però; il paese non ha la capacità di spesa degli Stati Uniti ed era preoccupato di un possibile declassamento del debito. Con meno sollievo, la gente aveva bisogno di tornare al lavoro prima, e il blocco era insostenibile – se la gente non ha i soldi per mangiare, tutto il resto è praticamente irrilevante.

E al di là dell’aspetto finanziario, la gente in India ha smesso di prendere sul serio la pandemia. Questo non è nuovo quando si tratta di problemi di salute. Negli ultimi anni, per esempio, il governo ha cercato di vietare i petardi a Nuova Delhi intorno alla festa indù di Diwali a causa di come si aggiungono all’inquinamento atmosferico. Questi divieti sono di solito ignorati perché la qualità dell’aria è già incredibilmente scarsa senza i petardi e, alla luce di ciò, le richieste sembrano irragionevoli.

All’inizio, sia il governo che l’opposizione hanno fatto una dimostrazione di quanto fosse importante rispettare tutte le regole. Tuttavia, con il passare del tempo e l’India sembrava aver schivato il peggio, le élite sono diventate meno preoccupate di dare il buon esempio. Lo scorso novembre, mentre i casi di COVID-19 a Delhi aumentavano di circa 30.000-40.000 al giorno, il primo ministro Arvind Kejriwal ha celebrato Diwali dal vivo in un tempio, mentre faceva appello ai suoi seguaci per unirsi virtualmente a lui. Altri partiti di opposizione non sono stati molto meglio, trasformando le misure del COVID-19 in uno strumento politico, come quando l’ex primo ministro dell’Uttar Pradesh Akhilesh Yadav ha attaccato il vaccino casalingo dell’India come un prodotto inaffidabile del BJP.

All’inizio, questo potrebbe essere perdonabile, dato che i numeri dell’India sembravano relativamente bassi. Ma a febbraio e marzo, quando i numeri del virus sono saliti, il governo e i suoi alleati sono diventati ancora più irresponsabili. A metà febbraio, mentre il rialzo era in corso, il ministro della salute Harsh Vardhan è apparso a un evento a sostegno di un farmaco ayurvedico (una pseudoscienza pesantemente spinta dal BJP) che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha chiarito essere inefficace nel combattere il COVID-19. Poco dopo, il comitato nazionale del BJP ha approvato una risoluzione che sosteneva che l’India era vittoriosa nella lotta contro il COVID-19, facendo eco alle affermazioni fatte da Modi nel suo discorso di gennaio al World Economic Forum.

Mentre tutto questo accadeva, la campagna per le cinque elezioni assembleari del 2021 era in pieno svolgimento. Il Bengala occidentale, il Kerala, il Tamil Nadu, il Puducherry e l’Assam erano tutti diretti alle urne. Kerala, Puducherry e Tamil Nadu avevano tutti un giorno di votazioni, ma il Bengala occidentale e l’Assam avevano più fasi. Questo significava che diverse circoscrizioni dell’assemblea stavano votando in momenti diversi piuttosto che l’intero stato si stava dirigendo alle urne in una volta sola.

Mentre le fasi possono essere combinate dalla Election Commission of India, questa opzione non è stata presa. Con le elezioni sono arrivati i comizi, e quasi tutti i principali leader politici hanno attirato migliaia di elettori in ognuno di essi. Modi era inizialmente impostato per affrontare più di 20 comizi, e il ministro dell’Interno Amit Shah e il presidente del BJP J.P. Nadda dovevano affrontarne più di 50 a testa. I comizi non erano esclusivi del BJP; nel Bengala occidentale, anche il Trinamool Congress al potere ne aveva una discreta quantità, così come l’alleanza guidata dall’Indian National Congress.

I leader della protesta non hanno fatto molto meglio nel dare l’esempio. Le proteste degli agricoltori iniziate lo scorso autunno contro le nuove leggi sull’agricoltura sono continuate. Gli accampamenti di protesta non si sono svuotati, anzi, hanno visto aumentare il loro numero. Quando sono stati interrogati, gli agricoltori hanno sostenuto che quando le proteste contro la legge di emendamento sulla cittadinanza si sono interrotte a causa del COVID-19, hanno perso lo slancio e questo non era un errore che volevano fare. Tuttavia, le continue proteste hanno causato un certo livello di preoccupazione – migliaia di persone che si riuniscono ovunque sono una minaccia per la sicurezza pubblica.

Buttate anche la religione nel mix di leadership fallite. Nel marzo 2020, una congregazione religiosa musulmana ha avuto luogo a Delhi che ha finito per essere un evento super diffuso. L’evento e i partecipanti sono stati pesantemente criticati, soprattutto dai nazionalisti indù, per la diffusione del virus – ma i festival indù hanno avuto lo stesso effetto.

Il Kumbh Mela è una tradizione indù particolarmente sacra, su un ciclo di 12 anni, quattro regioni separate celebrano questo festival. Inizialmente, il Kumbh Mela di Haridwar era previsto per il prossimo anno, ma è stato spostato a causa di preoccupazioni astrologiche. Le versioni passate di questi eventi hanno visto fino a 30 milioni di persone riunirsi in un giorno, e nonostante il numero crescente di casi e le preoccupazioni sul fatto che fosse un evento superdiffuso, il festival è andato avanti come previsto, con i funzionari che hanno detto che non sarebbe stato interrotto. Inoltre, gran parte dell’India ha celebrato Holi a fine marzo, e come le celebrazioni del Kumbh Mela, i partecipanti tendevano a ignorare il mascheramento e la distanza sociale.

Ora, settimane, giorni e mesi dopo che tutte queste decisioni sono state prese, i politici si stanno rendendo conto della gravità del disastro. Dopo l’inizio del Kumbh Mela, Modi ha chiesto alla gente di festeggiare simbolicamente. Inoltre, i politici hanno finalmente iniziato a chiudere la campagna elettorale. Rahul Gandhi è stato il primo ad annunciare il 18 aprile che avrebbe cancellato il resto dei suoi comizi nel Bengala occidentale. Questo è stato seguito da altri contendenti che hanno cambiato strategia: Il Trinamool Congress inizialmente ha optato per tenere comizi più piccoli ma poi ha deciso di andare completamente virtuale, e il BJP ha annunciato la cancellazione dei mega-raduni ma ha detto che avrebbe continuato con quelli più piccoli. I rimpatriati dal Kumbh Mela stanno facendo salire il numero di casi in alcuni stati, e questi numeri quasi certamente aumenteranno.

Tutto questo ha prodotto un disastro composto. Gli stati stanno finendo l’ossigeno (o sono ridotti ad avere funzionari che lo implorano su Twitter), la gente sta condividendo i letti d’ospedale e le griglie dei forni crematori in alcune regioni si sono sciolte a causa dell’uso eccessivo. Ci sono tutte le indicazioni che continuerà a peggiorare prima di migliorare – il modello dell’Institute for Health Metrics and Evaluation con sede negli Stati Uniti prevede un picco a metà maggio. Le persone che hanno preso le decisioni che hanno portato il paese qui possono prendere il virus, ma avranno accesso all’ossigeno e alle medicine di cui hanno bisogno. Le persone che soffriranno di più sono quelle che hanno tradizionalmente sofferto: i poveri e la classe operaia che hanno seguito gli esempi dati dai politici di tutto il paese.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: