Russia: il governo sopprime le proteste pro-Navalny

Russia: il governo sopprime le proteste pro-Navalny
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Le autorità russe stanno “molestando, intimidendo e arrestando attivisti e studenti per le proteste di piazza del 23 gennaio 2021 in solidarietà con il leader dell’opposizione detenuto Alexey Navalny”. Questo è quanto ha dichiarato il Human Rights Watch. Le autorità russe hanno anche ordinato alle società di social media di rimuovere tutti i post che invitano le persone a partecipare alle proteste, minacciando multe salate per il mancato rispetto.

Le autorità dovrebbero cessare questi attacchi illegali alla libertà di espressione e concentrarsi invece sulla garanzia di misure di sicurezza per proteggere coloro che desiderano riunirsi pacificamente.

“Nell’ultimo anno le autorità russe hanno effettivamente vietato tutte le proteste pacifiche dell’opposizione politica e perseguito chiunque si sia rifiutato di rispettarle”, ha detto Hugh Williamson, direttore Europa e Asia centrale di Human Rights Watch.

“La gente ha tutto il diritto di protestare pacificamente contro le ingiustizie, anche nel caso di Navalny, attraverso la libertà di parola e le assemblee pacifiche, e le autorità hanno l’obbligo di permettere loro di farlo in sicurezza”.

Navalny è stato arrestato subito dopo il suo ritorno in Russia il 17 gennaio, dopo un trattamento medico in Germania per un avvelenamento quasi fatale. In un’udienza straordinaria in una stazione di polizia, un giudice ha autorizzato la sua detenzione per 30 giorni durante i quali la sua pena sospesa potrebbe essere revocata e sostituita da un periodo di detenzione, presumibilmente per violazioni della libertà condizionata. Diversi avvocati di spicco hanno condannato la sentenza come illegale. Le autorità hanno messo Navalny su una lista di ricercati per non essersi presentato all’ufficiale della libertà vigilata mentre era in Germania un giorno prima della scadenza del suo periodo di libertà vigilata.

In un discorso video registrato alla stazione di polizia, Navalny ha invitato i suoi sostenitori a scendere in strada per protestare. Poco dopo, il suo team ha coordinato le proteste del 23 gennaio.

Le autorità di Mosca hanno annunciato che negheranno qualsiasi richiesta da parte dei sostenitori di Navalny di tenere proteste perché c’è un divieto generale di assemblee pubbliche imposto in città dal novembre 2020 a causa della pandemia di Covid-19.

Le autorità di diverse città in tutta la Russia hanno rilasciato dichiarazioni simili, citando restrizioni pandemiche o il mancato rispetto della regola minima di 10 giorni di notifica anticipata, mentre gli attivisti hanno cercato di ottenere l’autorizzazione ufficiale per riunirsi, richiesta dalla legge.

Il capo della sede moscovita della squadra di Navalny ha dichiarato che non hanno senso cercare autorizzazioni ufficiali per le proteste, perché non sarebbero autorizzate.

I giovani russi sono scesi sui social media dando vita ad un tam-tam per invitare altri a partecipare alle proteste.

In risposta, le autorità russe hanno chiesto alle società di social media di togliere quei video e le hanno minacciate di multe salate. L’ufficio del procuratore generale ha chiesto alle aziende di limitare l’accesso alle “informazioni illegali” online.

Il ministero dell’Interno ha annunciato che la polizia si sta già “preparando” per ulteriori proteste e ha minacciato di perseguire chiunque inviti la gente a partecipare.

In parallelo, le autorità hanno molestato numerosi noti attivisti civici e diversi personaggi dei media con avvertimenti scritti e verbali sulla responsabilità per la partecipazione a “raduni non autorizzati”.

La polizia ha anche visitato le case del personale della Fondazione contro la corruzione (FBK) affiliata a Navalny e gli uffici del suo team, e ha consegnato avvertimenti su ciò che potrebbe accadere se partecipano alle proteste.

La polizia ha arrestato diversi membri dello staff della FBK e del team di Navalny il 21 gennaio.

Vladlen Los, un avvocato della FBK, è stato arrestato in un hotel, dove alloggiava dopo aver notato la sorveglianza fuori dalla sua casa il giorno precedente. È stato accusato di disobbedienza agli ordini della polizia e come cittadino bielorusso gli è stato ordinato di lasciare la Russia entro il 25 gennaio con un divieto di rientro fino al novembre 2023.

Un altro avvocato della FBK e politico dell’opposizione, Liubov Sobol, è stato arrestato per aver chiesto pubblicamente di partecipare alla protesta non autorizzata.

Il suo avvocato, che era con lei quando è stata arrestata, non è stato autorizzato a raggiungerla alla stazione di polizia per quattro ore. Georgiy Alburov, un membro dello staff della FBK, è stato arrestato in una stazione ferroviaria a Mosca. L’addetto stampa di Navalny, Kira Yarmish, è stato trattenuto a casa sua e accusato di aver violato le regole sulle assemblee pubbliche.

La commissione parlamentare russa sulle interferenze straniere ha annunciato il 21 gennaio che cercherà prove di “mani straniere” dietro le proteste pianificate.

Gli sforzi per impedire alle persone di partecipare a proteste pubbliche pacifiche violano i diritti alla libertà di espressione e riunione e il divieto di detenzione arbitraria, garantito dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU), dal Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR), e nella costituzione russa.

Il diritto internazionale richiede che qualsiasi limitazione alle assemblee pacifiche e alla libertà di parola sia necessaria e proporzionata.

Come ha chiarito la Corte europea dei diritti dell’uomo, la libertà di prendere parte a un’assemblea pacifica è di tale importanza che una persona non può essere soggetta a una sanzione, anche se minore, per la partecipazione a una manifestazione che è stata vietata, quindi fintanto che questa persona non commette un atto di violenza o un crimine simile.

Le autorità russe hanno la facoltà di limitare le riunioni pubbliche per prevenire la diffusione del virus che causa il Covid-19, ma queste devono essere strettamente necessarie, proporzionate e non applicate in modo arbitrario o discriminatorio, ha affermato Human Rights Watch.

La Russia non ha annunciato lo stato di emergenza in relazione alla pandemia e non ha cercato di giustificare le sue limitazioni estreme alle assemblee pacifiche come un atto di deroga (o esenzione) dai suoi obblighi ai sensi dei trattati sui diritti umani.

Il commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa ha in precedenza chiesto alle autorità russe di rivedere la sua legislazione e la pratica che disciplina la libertà di riunione e di espressione, anche nel contesto della pandemia, per allinearle agli standard europei sui diritti umani.

Il commissario ha ribadito che le restrizioni sanitarie introdotte per combattere la pandemia Covid-19 non devono essere utilizzate per limitare indebitamente i diritti umani e le libertà.

Il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti alla libertà di riunione pacifica e di associazione ha affermato che “le risposte di alla minaccia del Covid-19 non dovrebbero fermare le libertà di riunione e di associazione” e che mentre “… le restrizioni basate sulla salute pubblica le preoccupazioni sono giustificate, … è imperativo che la crisi non sia usata come pretesto per sopprimere i diritti in generale o i diritti alla libertà di riunione pacifica … in particolare. “

“Le autorità russe dovrebbero smetterla di invocare il Covid-19 come pretesto per violare la libertà di riunione e dovrebbero porre fine alla sua pratica di equiparare le critiche pacifiche ad attività illegali”, ha detto Williamson.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: