Stati Uniti e Iran: “colloqui indiretti” sul nucleare a Vienna

Stati Uniti e Iran: “colloqui indiretti” sul nucleare a Vienna
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Gli sforzi per riportare gli Stati Uniti all’interno dell’accordo del 2015 sul programma nucleare iraniano si intensificheranno martedì, quando l’Iran e le cinque potenze mondiali rimaste nell’accordo si incontreranno a Vienna, mentre gli Stati Uniti dovrebbero iniziare i colloqui indiretti con Teheran.

L’annuncio di venerdì che Washington e Teheran avrebbero iniziato colloqui indiretti attraverso intermediari è stato uno dei primi segni di progresso tangibile negli sforzi per riportare entrambe le nazioni ai termini dell’accordo, che ha vincolato l’Iran a restrizioni in cambio del sollievo dalle sanzioni statunitensi e internazionali.

L’allora presidente Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo nel 2018, optando per quella che ha chiamato una campagna di massima pressione di sanzioni statunitensi intensificate.

Da allora, l’Iran ha costantemente violato le restrizioni dell’accordo, come la quantità di uranio arricchito che può accumulare e la purezza a cui può arricchirlo. Le mosse di Teheran sono state calcolate per mettere sotto pressione le altre nazioni nell’accordo – Russia, Cina, Francia, Germania e Gran Bretagna – per fare di più per compensare le sanzioni paralizzanti reimposte sotto Trump.

Il presidente Joe Biden è entrato in carica dicendo che rientrare nell’accordo e riportare il programma nucleare iraniano sotto le restrizioni internazionali era una priorità. Ma l’Iran e gli Stati Uniti si sono trovati in disaccordo sulle richieste dell’Iran di eliminare prima le sanzioni.

Gli alti funzionari dei ministeri degli esteri dei paesi che fanno ancora parte dell’accordo, il cosiddetto Piano d’azione congiunto, terranno una riunione presieduta dall’Unione europea martedì a Vienna.

Nella capitale austriaca è prevista anche una delegazione statunitense guidata dall’inviato speciale dell’amministrazione per l’Iran, Rob Malley. Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha detto che i colloqui saranno strutturati intorno a gruppi di lavoro che gli europei formeranno con le altre parti dell’accordo.

Price ha detto lunedì che i colloqui sono un “salutare passo avanti”, ma ha aggiunto che “non prevediamo una svolta rapida o immediata perché queste discussioni, ci aspettiamo pienamente, saranno difficili”.

“Non anticipiamo al momento che ci saranno colloqui diretti con l’Iran”, ha detto. “Anche se naturalmente rimaniamo aperti ad essi. E quindi dovremo vedere come vanno le cose a partire dall’inizio di questa settimana”.

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha scritto su Twitter venerdì: “Nessun incontro Iran-USA. Non necessario”.

Una dichiarazione rilasciata dopo che le parti dell’accordo si sono incontrate virtualmente venerdì ha detto che l’obiettivo del loro incontro di martedì è quello di “identificare chiaramente le misure di revoca delle sanzioni e di attuazione nucleare, anche attraverso la convocazione di riunioni dei gruppi di esperti pertinenti.”

Prima dei colloqui di martedì, un procuratore iraniano ha detto che 10 funzionari sono stati incriminati per l’abbattimento militare dello scorso anno di un aereo passeggeri ucraino in cui morirono 176 persone.

L’Iran ha affrontato il mese scorso le critiche internazionali per aver rilasciato un rapporto finale che ha dato la colpa a un errore umano, ma non ha nominato alcun responsabile.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: