Una mega diga sulla Grande Ansa della Cina

Una mega diga sulla Grande Ansa della Cina
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

L’enormità dell’altopiano tibetano può essere difficile da comprendere. Le sue cime si estendono per chilometri nel cielo, mentre i canyon sottostanti sono così profondi che poche persone sono state in grado di raggiungerli.

È selvaggio e spettacolare, ma è anche di vitale importanza per circa un quinto della popolazione mondiale che dipende dalle sue immense riserve di acqua dolce.

Lo strato di ghiaccio che si estende sull’altopiano è così vasto che viene spesso definito dai glaciologi come il terzo polo dopo l’Antartide e l’Artico. Dopo i poli nord e sud, questa regione è la più grande riserva di acqua dolce del mondo.

I ghiacciai dell’altopiano alimentano 10 dei principali fiumi dell’Asia. Per secoli, hanno giocato un ruolo cruciale nel sostenere la vita nella regione.

Negli ultimi decenni, i fiumi hanno fornito più che semplice acqua dolce – sono diventati una fonte vitale di energia per il paese più popoloso del mondo. Dagli anni ’50, più di 20.000 dighe più alte di 15 metri sono state costruite nel paese, compresa la più grande centrale idroelettrica del mondo, la diga delle Tre Gole sul fiume Yangtze.

L’energia idroelettrica è la seconda più grande fonte di energia in Cina, dopo il carbone. Costituisce quasi un quinto della produzione totale di energia – e la costruzione di dighe non mostra segni di rallentamento.

Mentre la Cina cerca di raggiungere i suoi obiettivi di diventare neutrale al carbonio entro il 2060, sta rivolgendo i suoi occhi ad alcune delle zone più selvagge dell’altopiano tibetano, dove prevede di costruire una centrale idroelettrica così ambiziosa che potrebbe produrre tre volte più energia di Three Gorges.

Alla fine dell’anno scorso, mentre il mondo era alle prese con la pandemia di COVID, il governo cinese ha annunciato che avrebbe cercato di sfruttare il potenziale idroelettrico del corso inferiore dello Yarlung Tsangpo – un fiume transfrontaliero che scorre dal Tibet in India, dove diventa il Brahmaputra, e poi in Bangladesh come Jamuna.

L’annuncio è stato fatto come parte del 14° piano quinquennale del governo, una serie di linee guida che definiscono le priorità economiche e sociali della Cina.

Gli esperti credono che potrebbe essere la mega struttura più rischiosa mai costruita. Non solo la posizione è soggetta a massicce frane e ad alcuni dei più potenti terremoti mai registrati, ma è anche precariamente vicina al confine conteso tra India e Cina. Il che significa che qualsiasi grande progetto potrebbe aumentare ulteriormente il malcontento in una tesa disputa territoriale tra i due paesi più popolosi del mondo.

Mentre il fiume serpeggia attraverso il remoto est dell’Himalaya, vicino al confine conteso con lo stato indiano di Arunachal Pradesh, fa una drammatica inversione a U.

Il cambiamento di corso del fiume è così drammatico che fino all’inizio del XX secolo i geografi e gli esploratori occidentali non erano sicuri che lo Yarlung Tsangpo e il Brahmaputra fossero lo stesso fiume.

Un altro punto che confondeva gli sforzi per mappare la regione era la drammatica differenza di elevazione tra i due fiumi. Il Brahmaputra si trovava migliaia di metri sotto lo Yarlung Tsangpo.

Gli esploratori occidentali, ai quali all’epoca era proibito entrare in Tibet, ipotizzarono che i fiumi potessero essere collegati da un’enorme cascata. L’attrazione di scoprire quella che potenzialmente potrebbe essere la più grande cascata sulla Terra ispirò una serie di audaci spedizioni nell’Himalaya.

Nel suo libro Una montagna in Tibet, Charles Allen ha documentato un tentativo della fine del 19° secolo di entrare segretamente nelle remote regioni del Tibet e di inviare 500 tronchi, appositamente contrassegnati con aste di metallo, a valle per vedere se potevano essere individuati dove il fiume entrava in India.

Il piano fallì, ma le informazioni della missione si dimostrarono strumentali alla scoperta, decenni dopo, che i due fiumi erano in realtà collegati.

Invece della cascata gigante che alcuni avevano immaginato, gli esploratori trovarono un enorme canyon forgiato attraverso due delle montagne più alte dell’Himalaya, Namcha Barwa (7.782m) e Gyalha Peri (7.294m).

Gli scienziati cinesi che hanno esplorato la regione a piedi alla fine degli anni ’90 avrebbero poi affermato che il Grand Canyon Yarlung Tsangpo non è solo il canyon più lungo del mondo con più di 500 chilometri, ma anche il più profondo con una profondità di più di 5.300 metri. Questo è quasi tre volte più profondo del Grand Canyon negli Stati Uniti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: