Le violazioni dei diritti umani in Sri Lanka

Le violazioni dei diritti umani in Sri Lanka

A marzo, durante la 46esima sessione virtuale del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite (HRC) a Ginevra, i membri dell’organismo hanno presentato una risoluzione che chiede all’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR) di “raccogliere, consolidare, analizzare e preservare informazioni e prove” relative alle violazioni dei diritti umani in Sri Lanka. Questo includerà presunti crimini di guerra commessi durante la lunga guerra civile della nazione insulare, dal 1983 al 2009, e le successive violazioni contro le minoranze tamil e musulmane.

Le preoccupazioni e le aspirazioni espresse nella risoluzione ribadiscono le questioni segnalate dall’OHCHR a gennaio. Quel rapporto raccomandava sanzioni mirate e divieti di viaggio contro presunti criminali di guerra, anche se la risoluzione del CDU non si spinge così lontano. Con 22 paesi che sostengono la risoluzione, 11 che si oppongono e 14 che si astengono, il ministro degli esteri dello Sri Lanka in particolare sta facendo girare il risultato come una vittoria, dato che la maggioranza si è opposta alla risoluzione o si è astenuta. In realtà, però, la risoluzione consentirà ancora potenzialmente alla comunità internazionale di perseguire gli individui se rivendica la giurisdizione.

Il precedente governo dello Sri Lanka aveva cercato di prevenire tali tentativi co-sponsorizzando la risoluzione 30/1 nel 2015. Questa misura aveva chiesto al paese di promuovere la riconciliazione etnica e la responsabilità installando un ufficio per le persone scomparse, un ufficio per i risarcimenti, una commissione per la verità e la riconciliazione e un tribunale per i crimini di guerra che includesse giudici, procuratori e investigatori internazionali e locali. Era chiaro che i militari, i politici nazionalisti e il clero buddista si sarebbero opposti soprattutto a quest’ultimo, ma anche l’Ufficio per le persone scomparse e l’Ufficio per i risarcimenti sono stati istituiti tardivamente e solo perché il governo doveva mostrare qualche progresso quando è comparso davanti al CDU.

Quando si tratta di presunti crimini di guerra e altre violazioni dei diritti umani, il governo dello Sri Lanka ha costantemente fatto ricorso alla negazione e allo stallo. Per esempio, quando il conflitto etnico durato quasi tre decenni è terminato, l’allora presidente Mahinda Rajapaksa ha detto al Parlamento che le forze armate dell’isola hanno fatto la guerra “portando una pistola in una mano, la Carta dei diritti umani nell’altra”. Tutti gli interessati sapevano che questa era una palese bugia. Mentre i separatisti tamil hanno perpetrato molteplici atti di terrorismo e violazioni dei diritti umani, lo stesso ha fatto il personale militare dello Sri Lanka, a cui è stata data libertà d’azione e che è stato assecondato dai principali politici, come evidenziato da raccapriccianti filmati catturati e rilasciati dalla rete televisiva britannica Channel 4 e da un cablogramma dell’ambasciata degli Stati Uniti inviato subito dopo la guerra che affermava senza mezzi termini che “la responsabilità di molti dei presunti crimini ricade sull’alta leadership civile e militare del paese, compresi il presidente Rajapaksa e i suoi fratelli”. Oggi, Mahinda Rajapaksa è il primo ministro del paese, mentre suo fratello Gotabaya Rajapaksa, che era segretario alla difesa durante la guerra, è il presidente dell’isola.

Principalmente a causa della pressione internazionale, il governo di Mahinda Rajapaksa ha istituito nel 2010 una commissione per la riconciliazione e le lezioni apprese. Il suo rapporto era forte sulla riconciliazione e decisamente debole sulla responsabilità. Infatti, assolveva i militari e accusava solo le Tigri Tamil separatiste di violazioni dei diritti umani. Il governo non è riuscito a seguire le raccomandazioni non controverse della commissione che promuovevano la riconciliazione, e il rapporto è caduto nel dimenticatoio.

Prima di questa sessione del CDU, il governo di Gotabaya Rajapaksa ha nominato una commissione d’inchiesta per esaminare i risultati e le raccomandazioni delle precedenti commissioni d’inchiesta, che la commissione del 2010 aveva già evidenziato. Questo più recente stratagemma conferma ulteriormente l’affermazione dell’OHCHR che lo Sri Lanka è incapace di creare meccanismi interni per indagare sulle violazioni dei diritti umani e, senza un coinvolgimento internazionale, le famiglie delle vittime non otterranno mai una chiusura.

Oltre a mentire e temporeggiare, Gotabaya Rajapaksa e i suoi sostenitori nazionalisti radicali hanno mostrato un cavalleresco disprezzo per i diritti umani. Non solo il governo si è ritirato dalla co-sponsorizzazione della risoluzione 30/1 nel febbraio 2020, ma un mese dopo il presidente ha graziato un soldato condannato per aver sgozzato otto civili tamil, compresi quattro bambini. Questo caso rappresentava un raro caso in cui i tribunali dello Sri Lanka avevano persino provato a ritenere il personale militare colpevole di aver ucciso dei civili tamil. Nel dicembre 2020, due mesi prima dell’inizio della riunione del CDU, il presidente ha promosso il capo dell’esercito e il segretario della difesa (che è un ufficiale militare in pensione) al grado di generale. Entrambi sono accusati di aver commesso crimini di guerra, e gli Stati Uniti hanno vietato al capo dell’esercito e alla sua famiglia di entrare nel paese a causa delle accuse.

Altri casi di flagrante disprezzo del governo per i diritti umani abbondano: ad esempio lo stesso ha rifiutato categoricamente di permettere ai musulmani di seppellire i loro morti a causa del COVID-19. Questo nonostante l’Organizzazione Mondiale della Sanità abbia dichiarato che la sepoltura delle vittime del coronavirus poteva essere effettuata in modo sicuro e nonostante gli incessanti appelli dei musulmani dell’isola e della comunità internazionale. Grazie all’islamofobia fomentata dal campo di Rajapaksa, la maggior parte dei musulmani ha votato per spodestare Mahinda Rajapaksa nelle elezioni presidenziali del 2015 e ha anche votato contro Gotabaya Rajapaksa quando si è candidato alla presidenza nel 2019. La sua politica di cremazione obbligatoria intorno alle morti del COVID-19 sembrava orientata a tormentare un collegio elettorale avversario. Il governo ha cambiato la sua posizione poco prima della sessione del CDU, sottolineando ancora una volta come si pieghi solo sotto la pressione internazionale. Il cambiamento di politica può aver contribuito a spingere il Pakistan, il Bangladesh e l’Uzbekistan, prevalentemente musulmani, a votare contro la più recente risoluzione dell’ONU e ha anche dato copertura ad altri stati, principalmente musulmani, ad astenersi.

La risoluzione dell’HRC è anche un atto d’accusa di autoritarismo strisciante e di trionfalismo etnico singalese. Da quando è diventato presidente nel novembre 2019, Gotabaya Rajapaksa ha rimilitarizzato l’isola oltre quanto sperimentato sotto suo fratello. Oggi, almeno 28 militari in pensione o in servizio e personale dell’intelligence giocano ruoli di primo piano fino ad allora supervisionati da autorità civili, anche se più di 30 stabilimenti governativi sono stati posti sotto il Ministero della Difesa. Il capo dell’esercito – non un ufficiale medico professionista – è stato nominato capo della task force COVID-19, e un generale maggiore ora opera come ufficiale di coordinamento che supervisiona le operazioni sul coronavirus in ciascuno dei 25 distretti dell’isola.

A parte questa militarizzazione, la sorveglianza e le molestie ai giornalisti e ai funzionari dei media sono aumentate da quando Gotabaya Rajapaksa è diventato presidente. E il governo sembra deciso a colonizzare le terre nelle province settentrionali e orientali, dove i tamil e i musulmani superano i buddisti singalesi. È significativo che il ministro ipernazionalista della pubblica sicurezza abbia ritenuto opportuno annunciare il divieto per le donne di indossare il burqa e il niqab e un giro di vite sulle madrasse, anche se il governo ha cercato sostegno contro la risoluzione da paesi prevalentemente musulmani. Oltre all’incompetenza diplomatica e all’assenza di una strategia coordinata, questi passi falsi evidenziano anche la mentalità maggioritaria che pervade il regime dell’isola. Date queste circostanze, è più che evidente che, lasciato a se stesso, il governo dello Sri Lanka non intraprenderà alcuno sforzo per affrontare le crudeli eredità della guerra civile. Questo è il motivo per cui il CDU e le altre organizzazioni mondiali per i diritti umani non possono lasciar correre.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: