La lotta sindacale di Amazon

La lotta sindacale di Amazon
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Il conteggio dei voti inizia oggi in un’importante iniziativa sindacale in Amazon, il secondo più grande datore di lavoro degli Stati Uniti e la quarta azienda più preziosa del mondo. La campagna è di piccole dimensioni, ma – a giudicare dalla feroce reazione dell’azienda – molto significativa, dato che i lavoratori dello stabilimento Amazon di Bessemer, Alabama, decidono se formare un sindacato.

I dirigenti di Amazon sostengono che un sindacato non è necessario, citando i 15,30 dollari all’ora del salario d’ingresso dell’azienda e i benefici dell’assicurazione sanitaria. I lavoratori dietro la spinta sindacale hanno respinto i discorsi dell’azienda, e hanno parlato contro i turni di lavoro estenuanti, il monitoraggio implacabile dei dipendenti, così come i problemi di sicurezza relativi al COVID-19.

Nonostante la sua posizione anti-sindacale, Amazon ha spazio per essere generosa in un boom di vendite alimentato dal coronavirus: I profitti sono aumentati dell’84% l’anno scorso, e il fondatore dell’azienda, Jeff Bezos, ha visto il suo patrimonio personale crescere di 72 miliardi di dollari nel 2020.

Distretto di Amazon. Nella lotta contro il sindacato, Amazon non ha solo le leggi sul lavoro degli Stati Uniti a suo favore. Amazon ha speso il secondo posto per il lobbismo del governo degli Stati Uniti di ogni singola azienda negli Stati Uniti nel 2020, battuto solo da Facebook. Il suo capo delle relazioni pubbliche, Jay Carney, è stato addetto stampa della Casa Bianca per il presidente Barack Obama e direttore delle comunicazioni per l’allora vicepresidente Biden. Sta anche progettando un punto d’appoggio permanente nella zona di Washington, stabilendo una “seconda sede” oltre il fiume Potomac ad Arlington, in Virginia.

Così è stato ancora più sorprendente quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è venuto a sostenere la spinta sindacale, in un video in cui non ha nominato Amazon, ma ha fatto riferimento ai “lavoratori in Alabama” e ha invitato i lavoratori a “far sentire la vostra voce”, ammonendo le tattiche di abbattimento dei sindacati. “Lasciatemi essere chiaro: non sta a me decidere se qualcuno debba unirsi a un sindacato”, ha detto Biden. “Ma permettetemi di essere ancora più chiaro: non spetta nemmeno al datore di lavoro deciderlo”.

Uno sguardo al futuro? Nel lavorare per sconfiggere la spinta, Amazon spera di evitare di aprire un altro fronte nella sua battaglia con i lavoratori. Gran parte della forza lavoro di Amazon in Europa, non vincolata da rigidi requisiti statunitensi, ha già una rappresentanza sindacale e ha fatto sentire la sua presenza nel corso della pandemia. I lavoratori in Francia hanno aiutato a fermare le operazioni di magazzino della società per problemi di sicurezza lo scorso marzo, e a luglio hanno ottenuto un aumento di stipendio.

La settimana scorsa in Italia, i lavoratori di Amazon si sono uniti a fornitori terzi di consegne in uno sciopero di 24 ore sulle condizioni di lavoro. Questa settimana, Verdi, il sindacato che rappresenta i magazzinieri tedeschi di Amazon ha indetto uno sciopero di quattro giorni tra lunedì e giovedì per fare pressione sull’azienda affinché si impegni a rispettare un contratto collettivo di lavoro osservato dal settore tedesco della vendita al dettaglio e della vendita per corrispondenza.

I risultati del voto in Alabama sono probabili nel corso della settimana, con una vittoria degli organizzatori sindacali che dovrebbe ispirare un’ondata di iniziative sindacali di Amazon in tutti gli Stati Uniti. Nel frattempo, i lavoratori dell’azienda hanno già iniziato a organizzarsi a livello globale: Amazon Workers International (AWI), formato nel 2015, sta lavorando per espandersi in Asia e America Latina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: