Disastro ambientale in Sri Lanka

Disastro ambientale in Sri Lanka
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Lo Sri Lanka sta affrontando il peggior disastro ambientale della sua storia dopo che una nave da carico che trasportava prodotti chimici ha preso fuoco al largo della sua costa, spargendo microplastiche sulle spiagge incontaminate del paese e uccidendo la vita marina.

L’incendio sulla MV X-Press Pearl, una nave registrata a Singapore, è scoppiato il 20 maggio e da allora sta bruciando. La marina dello Sri Lanka e la guardia costiera indiana hanno cercato di ridurre le fiamme per più di 10 giorni.

L’equipaggio di 25 persone è stato evacuato, ma l’operazione di spegnimento è stata complicata dai venti monsonici e dal carico altamente infiammabile e velenoso. La nave trasportava 25 tonnellate di acido nitrico, idrossido di sodio e altre sostanze chimiche pericolose, oltre a 28 container di materie prime utilizzate per produrre sacchetti di plastica. Aveva anche più di 300 tonnellate di carburante nei suoi serbatoi.

Anche se i funzionari hanno detto che il peggio dell’incendio è stato estinto, le esplosioni hanno continuato ad essere sentite e il fumo denso e le piccole fiamme potrebbero essere viste dalla nave durante il fine settimana, che è ancorata a nove miglia al largo della capitale, Colombo.

Si teme che la fuoriuscita di sostanze chimiche abbia già causato danni incalcolabili alla costa dello Sri Lanka, comprese le popolari località turistiche di Negombo e Kalutara, con spiagge densamente ricoperte di microplastiche e una chiazza di petrolio visibile nell’oceano circostante. Le palline di plastica usate per fare i sacchetti di plastica possono essere fatali per la vita marina e tartarughe marine, pesci e uccelli morti hanno già iniziato a lavarsi sulle spiagge.

Guarda il video

Alla gente locale è stato detto di non toccare nessuno dei detriti perché potrebbero essere altamente tossici e la pesca è stata vietata in un raggio di 50 miglia dalla scena.

“Con le informazioni disponibili finora, questo può essere descritto come il peggior disastro della mia vita”, ha detto Dharshani Lahandapura, il presidente della Marine Environment Protection Authority. La MEPA ha detto che le sostanze chimiche sono fuoriuscite in mare e hanno contaminato l’acqua, causando probabilmente danni ecologici alle barriere coralline, alle lagune e alle mangrovie che potrebbero richiedere decenni per essere riparati.

Migliaia di personale della marina in equipaggiamento protettivo sono stati dispiegati in un’operazione di pulizia per rimuovere lo spesso strato di inquinamento plastico e di rifiuti chimici che ha iniziato a ricoprire le coste, con bulldozer usati per spostare i rifiuti.

Il governo ha promesso un’indagine sul disastro e una squadra speciale della polizia è stata assemblata per interrogare il capitano e l’equipaggio. Le autorità credono che il disastro sia stato causato da una perdita di acido nitrico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: