Due miliardi di dosi di vaccino COVID: per l’OMS la fine della pandemia è prossima

Due miliardi di dosi di vaccino COVID: per l’OMS la fine della pandemia è prossima

La fine della pandemia è in vista, ma non dobbiamo abbassare la guardia, ha sostenuto il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che ha accolto con favore la notizia che la partnership globale per il vaccino COVAX ha messo in fila quasi due miliardi di dosi di vaccini esistenti e candidati all’uso in tutto il mondo.

L’enorme serbatoio di vaccini significa che COVAX, un’iniziativa internazionale di 190 paesi che cerca di garantire a tutti i paesi un accesso equo ai vaccini contro il coronavirus, può pianificare di iniziare a somministrare i vaccini nel primo trimestre del 2021.

Entro la metà dell’anno avrà somministrato dosi sufficienti a proteggere gli operatori sanitari e sociali in tutti i Paesi partecipanti che hanno chiesto di ricevere le dosi in quel lasso di tempo. Tutti gli altri partecipanti dovrebbero ottenere dosi sufficienti a coprire fino al 20% della loro popolazione entro la fine del 2021, e ulteriori dosi nel 2022.

“Questa è una notizia fantastica e una pietra miliare nella salute globale”, ha detto il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ai giornalisti che hanno partecipato a una conferenza stampa online.

“Questo è il momento di trarre conforto dal fatto che la fine della pandemia è in vista, ma facendo attenzione a non abbassare la guardia. Siamo tutti responsabili di prendere le misure per mantenere noi stessi e gli altri al sicuro, anche in questo periodo di vacanze”.

“Con le notizie di oggi la luce alla fine del tunnel è diventata un po’ più brillante, ma non siamo ancora arrivati. E ci arriveremo solo insieme”, ha detto Tedros.
Pronti a volare

Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia UNICEF, ha dichiarato di essere pronto a trasportare fino a 850 tonnellate di vaccini COVID-19 al mese nel 2021, più del doppio del suo abituale carico utile di vaccini. La maggior parte potrebbe essere inviata utilizzando i voli commerciali esistenti, ma, ha detto, saranno prese in considerazione anche opzioni alternative e voli charter, se necessario.

“Questa è un’impresa storica e mastodontica”, ha detto il direttore esecutivo dell’UNICEF Henrietta Fore. “La portata del compito è scoraggiante, e la posta in gioco non è mai stata così alta, ma siamo pronti ad affrontarla”.

Con il supporto dell’alleanza mondiale per i vaccini Gavi, l’UNICEF si sta procurando e sostiene l’installazione di 70.000 frigoriferi a catena fredda nei paesi a basso reddito entro la fine del 2021, che contribuiranno alla diffusione dei vaccini COVID-19 che devono essere conservati a una temperatura compresa tra i 2 e gli 8 gradi Celsius. Quasi la metà dei frigoriferi sarà alimentata a energia solare, ha detto l’UNICEF.

E’ importante capire che i vaccini completeranno, e non sostituiranno, gli strumenti esistenti per rallentare la trasmissione del virus e salvare vite umane, ha detto. Ma i vaccini sono stati la chiave per fermare la malattia, e non appena la pandemia è iniziata, c’era il rischio che i paesi a basso reddito perdessero i vaccini, ed è per questo che si è formato il COVAX, ha detto Tedros.
L’affare migliore

COVAX fa parte dell’Access to COVID-19 Tools Accelerator (ACT Accelerator), un piano completo per sconfiggere il virus utilizzando diagnostica, terapeutica e vaccini.

Martedì scorso, il consulente senior del Dr. Tedros, Bruce Aylward, ha definito l’ACT Accelerator “il miglior affare della città”, dicendo che il suo prezzo da 28 miliardi di dollari sarebbe stato ripagato per intero quasi da un giorno all’altro a causa dell’immediato aumento economico previsto se la malattia fosse stata domata.

Tedros, che ha assunto la guida dell’OMS nel 2017 con la promessa di promuovere la copertura sanitaria universale, ha detto che il vaccino non deve essere riservato solo a pochi fortunati.
Speranza per tutti

“Le immagini di persone che ricevono i vaccini ci danno speranza, ma deve essere speranza per tutti, non speranza per alcuni. Per la maggior parte dell’anno scorso, abbiamo parlato con i leader mondiali e con gli sviluppatori di vaccini per garantire che quando i suoi vaccini erano disponibili, lo fossero equamente per tutti i paesi”.

COVAX aveva già messo in fila più di un miliardo di dosi di vaccini in fase di sviluppo per il 2021. Il nuovo annuncio includeva un accordo di acquisto anticipato per 170 milioni di dosi del candidato AstraZeneca/Oxford e un memorandum d’intesa per 500 milioni di dosi del candidato Janssen, attualmente allo studio come vaccino monodose.

COVAX è co-diretta dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovation (CEPI), Gavi, e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) – lavorando in collaborazione con i produttori di vaccini, l’UNICEF, la Banca Mondiale, le organizzazioni della società civile e altri.