Eruzioni vulcaniche nei Caraibi

Eruzioni vulcaniche nei Caraibi
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Le eruzioni vulcaniche a St Vincent hanno spostato circa il 20% della popolazione dell’isola caraibica, mentre un funzionario delle Nazioni Unite ha avvertito di una crescente crisi umanitaria.

Da 16.000 a 20.000 persone sono state evacuate per ordine del governo prima che il vulcano La Soufrière eruttasse per la prima volta venerdì, coprendo l’isola verde e lussureggiante di cenere che continua a coprire le comunità di St Vincent, così come Barbados e altre isole vicine.

Circa 6.000 di questi sfollati sono considerati più vulnerabili, ha detto Didier Trebucq, il coordinatore residente delle Nazioni Unite per Barbados e i Caraibi orientali.

“Così ci troviamo di fronte a una situazione con una grande incertezza, e anche una crisi umanitaria che sta crescendo e può continuare per settimane e mesi”, ha detto.

Trebucq ha detto che sulla base di alcune informazioni e stime preliminari, 20.000 persone sono “stimate a rischio di insicurezza alimentare, data la perdita dei beni in termini di mezzi di sussistenza come la pesca, o l’agricoltura”.

Circa 4.000 persone vivono temporaneamente in 87 rifugi governativi, mentre altre si sono trasferite in alberghi o nelle case di amici e familiari, hanno detto i funzionari. Trebucq ha notato che in molti rifugi mancano i servizi di base, compresa l’acqua potabile.

Ha detto che la massima priorità è l’acqua, che viene trasportata dalle vicine nazioni caraibiche e da altri contribuenti, dato che i sistemi idrici sono stati chiusi in molte parti dell’isola.

Ha detto che la seconda questione più urgente è soddisfare le esigenze delle 4.000 persone nei rifugi, comprese le culle e le forniture di base, i servizi igienici e le latrine di emergenza.

“Stiamo affrontando una crisi nella crisi di Covid”, ha detto. “Molte strutture sanitarie sono state colpite dalla cenere”.

Ralph Gonsalves, il primo ministro, ha detto mercoledì durante una conferenza stampa trasmessa dall’emittente locale NBC radio che la gente deve attenersi strettamente alle misure di Covid-19 per evitare epidemie.

“Non possiamo avere questo in qualsiasi momento, e soprattutto in questo momento”, ha detto.

Ha anche detto che un grande problema è cercare di determinare i bisogni di coloro che alloggiano in centinaia di case private in tutta l’isola, aggiungendo che la registrazione di questi sfollati continua.

I funzionari hanno anche esortato coloro che rimangono nelle comunità più vicine al vulcano ad evacuare il più presto possibile, notando che le esplosioni sono in corso e causano nuovi flussi piroclastici.

“Non voglio che muoiano così”, ha detto Richard Robertson del Centro di Ricerca Sismica dell’Università delle Antille. “Non è un bel modo di andarsene”.

L’esplosione di venerdì ha prodotto solo cenere, ma i flussi piroclastici si sono moltiplicati man mano che il vulcano cambia forma con ogni nuova eruzione, alcune delle quali sono state più forti di quella registrata la settimana scorsa. Robertson ha detto che l’attività vulcanica dovrebbe continuare per giorni o addirittura settimane. Il vulcano ha avuto un’eruzione minore a dicembre, dopo una precedente eruzione nel 1979. Un’eruzione nel 1902 ha ucciso circa 1.600 persone.

L’acqua continua ad essere una grande preoccupazione, anche se Garth Saunders, il ministro dell’autorità idrica e fognaria dell’isola, ha detto mercoledì che la situazione stava migliorando e che più sistemi di approvvigionamento idrico stavano tornando in funzione. Ha aggiunto che le squadre stavano dando la priorità alle panetterie in modo che la gente potesse avere il sostentamento di base.

Trebucq ha detto che l’obiettivo è quello di assicurare che la vita della gente torni alla normalità il più presto possibile, ma è preoccupato per l’impatto sul turismo e sui settori agricoli dell’isola. L’ONU sta mobilitando esperti attraverso il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente in collaborazione con l’Unione Europea per aiutare a rimuovere e smaltire le ceneri.

“Questa è una crisi che durerà certamente più di sei mesi a St Vincent e in altre isole”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: