Biden ordina il ritiro completo dall’Afghanistan entro l’11 settembre

Biden ordina il ritiro completo dall’Afghanistan entro l’11 settembre
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Contrordine in Afghanistan: al contrario di quanto era trapelato in precedenza, Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden prevede di ritirare tutte le truppe statunitensi dall’Afghanistan prima dell’11 settembre, una mossa che segnerebbe la fine della guerra più lunga degli Stati Uniti 20 anni dopo gli attacchi terroristici che l’hanno scatenata.

La decisione, confermata da alti funzionari dell’amministrazione Biden martedì, arriva dopo mesi di colloqui di pace bloccati con il governo afgano e i talebani. Estende un termine di ritiro negoziato per la prima volta sotto l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump per ritirare tutte le truppe statunitensi entro il 1° maggio.

La data di ritiro è fissata nella pietra, secondo un alto funzionario dell’amministrazione Biden che parla a condizione di anonimato, e non è soggetta a ulteriori alterazioni basate sulle condizioni sul terreno.

“Questo non è basato sulle condizioni. Il presidente ha giudicato che un approccio basato sulle condizioni, che è stato l’approccio degli ultimi due decenni, è una ricetta per rimanere in Afghanistan per sempre”, ha detto il funzionario.

Il funzionario ha detto che tutti i circa 2.500 membri del servizio americano rimasti in Afghanistan potrebbero essere ritirati ben prima della scadenza dell’11 settembre, e il ritmo del ritiro dipende da questioni operative e logistiche per i comandanti sul campo.

“Il presidente Biden darà ai nostri comandanti militari il tempo e lo spazio di cui hanno bisogno per condurre un ritiro sicuro e ordinato, non solo delle forze statunitensi ma anche di quelle alleate, secondo il principio ‘dentro insieme, fuori insieme'”, ha aggiunto il funzionario. “Ci prenderemo il tempo necessario per eseguirlo – e non più tempo di quello”.

L’annuncio di un gioco finale per l’Afghanistan arriva mentre il paese lotta per tracciare il suo futuro dopo la guerra. Una conferenza a Istanbul, che avrebbe dovuto aiutare a plasmare il processo di pace in Afghanistan – e che avrebbe dovuto prendere il via questa settimana – è stata rimandata dopo che i Talebani hanno boicottato il summit. Gli attacchi talebani contro le forze afgane e i civili sono aumentati nell’ultimo anno, gli insorti si rifiutano di riconoscere il governo di Kabul, e poche parti sono contente della proposta dell’amministrazione Biden di un governo provvisorio, che potrebbe riportare i talebani al potere.

L’alto funzionario dell’amministrazione Biden ha detto che Washington ha avvertito i Talebani di non prendere di mira le truppe statunitensi o alleate mentre viene effettuato il ritiro. “Abbiamo comunicato ai Talebani, senza mezzi termini, che se conducono attacchi contro le forze statunitensi o alleate mentre effettuiamo questo ritiro… li colpiremo duramente e li riterremo responsabili per questo”, ha detto il funzionario.

Negli ultimi giorni, il Segretario di Stato Antony Blinken ha parlato con più di due dozzine di membri del Congresso e le controparti della NATO, nonché altri alleati europei coinvolti nella coalizione in Afghanistan per informarli sui piani dell’amministrazione, secondo un alto funzionario del Dipartimento di Stato.

Un alto diplomatico afgano, che ha parlato con Foreign Policy a condizione di anonimato, ha detto che Blinken ha chiamato il presidente afgano Ashraf Ghani per informarlo della decisione martedì, con una chiamata di follow-up da Biden prevista per domani. Ma le reazioni dei funzionari afgani sono rimaste in sordina, ha detto l’alto diplomatico, mentre aspettano che l’amministrazione Biden fornisca loro una tabella di marcia ufficiale per il ritiro.

La decisione arriva prima di qualsiasi cessate il fuoco finale o verificato con i talebani. Gli alti funzionari dell’amministrazione Biden, tra cui il segretario alla Difesa Lloyd Austin, ammettono che il gruppo militante ha continuato a condurre attacchi contro le forze governative afgane e i civili. Fonti vicine al parlamento dell’Afghanistan sono preoccupate che i Talebani possano vedere un’opportunità per prendere il controllo del paese e far precipitare la situazione nella guerra civile.

“Un ritiro frettoloso e incondizionato toglie al governo afgano la possibilità di negoziare un accordo di pace equo a Istanbul”, ha detto Martin Rahmani, direttore esecutivo dell’Afghanistan-U.S. Democratic Peace and Prosperity Council, un gruppo che lavora a stretto contatto con i parlamentari afgani. “Rischia anche di destabilizzare il paese e la regione, aumentando la probabilità di una guerra civile e la rinascita di gruppi terroristici che minacciano la sicurezza locale, regionale e globale”.

La guerra in Afghanistan, che ha portato alla morte di più di 2.300 membri del servizio americano e decine di migliaia di civili afgani nel corso di 20 anni, è diventata una caratteristica distintiva della politica estera degli Stati Uniti e una costosa eredità della “guerra al terrorismo” iniziata sotto l’amministrazione di George W. Bush dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre.

Le amministrazioni successive, rispondendo all’esaurimento del pubblico con la cosiddetta “guerra per sempre”, non sono riuscite a mantenere le loro promesse elettorali di ritirarsi dall’Afghanistan dopo due decenni di conflitto e decine di miliardi di dollari in spese militari e progetti di costruzione della nazione.

Ma l’amministrazione Biden aveva da tempo segnalato di essere pronta a staccare la spina, nonostante la trepidazione degli ufficiali militari e di alcuni nel governo afgano che temono che ciò possa portare a una presa di potere dei talebani nel paese e allo schiacciamento del fragile Afghanistan.

Alcuni legislatori statunitensi hanno detto che il ritiro era dovuto da tempo. “Ho sentito molti elettori oggi. Molti di loro sentono che è giunto il momento”, ha detto il rappresentante democratico Andy Kim, che ha servito come diplomatico americano di stanza in Afghanistan ed è stato uno staffer del Consiglio di Sicurezza Nazionale prima di candidarsi al Congresso. “Siamo andati lì per fare giustizia per gli attacchi contro il popolo americano e per decimare al Qaeda, cosa che abbiamo fatto. Ora dobbiamo trovare un modo per chiudere la guerra più lunga della storia americana”.

Altri hanno avvertito che una tale mossa potrebbe aprire la strada a una rinascita di gruppi terroristici simili all’ascesa dello Stato Islamico dopo il ritiro delle forze statunitensi dall’Iraq nel 2011.

“Il piano dell’amministrazione Biden di ritirare tutte le truppe americane dall’Afghanistan sta ripetendo gli errori del ritiro del presidente Obama dall’Iraq nel 2011”, ha detto il repubblicano Mike Waltz, un ex berretto verde che ha precedentemente servito in Afghanistan, in una dichiarazione. “La comunità di intelligence ha reso chiaro che al-Qaeda e altre organizzazioni terroristiche cresceranno nel prossimo vuoto e intendono ancora attaccare gli Stati Uniti e i nostri alleati”.

L’amministrazione Biden crede che anche senza una presenza di truppe, può tenere a bada qualsiasi minaccia terroristica.

“Crediamo di conservare sostanziali capacità militari e di intelligence per interrompere la più ampia capacità di al-Qaeda di ricostituire con successo una minaccia sostenuta alla patria degli Stati Uniti, ed eserciteremo queste capacità”, ha detto l’alto funzionario dell’amministrazione.

Anche la comunità di intelligence degli Stati Uniti sembra prepararsi al peggio in Afghanistan, valutando che le prospettive per un accordo di pace con i talebani rimangono “basse” nel corso del prossimo anno in una valutazione annuale della minaccia rilasciata anche martedì. “I Talebani probabilmente faranno progressi sul campo di battaglia, e il governo afgano avrà difficoltà a tenere a bada i Talebani se la coalizione ritirerà il suo sostegno”, dice la valutazione. “Kabul continua ad affrontare battute d’arresto sul campo di battaglia, e i Talebani sono sicuri di poter raggiungere la vittoria militare”.

Altri scettici si preoccupano che il ritiro potrebbe cancellare tutti i progressi che l’Afghanistan ha fatto negli ultimi due decenni, anche se ha avuto un costo doloroso e costoso per gli Stati Uniti.

“Mentre è comprensibile volere che tutte le nostre forze tornino a casa, non dovrebbe essere a spese della perdita di ciò che abbiamo guadagnato per farlo”, ha detto Mick Mulroy, un ex vice segretario alla difesa per il Medio Oriente durante l’amministrazione Trump e ora analista di ABC News. “Riposizionare le nostre capacità di antiterrorismo fuori dal paese ridurrà significativamente le nostre operazioni di raccolta di informazioni e la nostra capacità di condurre operazioni unilaterali contro le minacce dirette alla patria”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: