Il vero Peter Handke: premio Nobel o negazionista?

Il vero Peter Handke: premio Nobel o negazionista?

Peter Handke, l’autore austriaco che ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura ha recentemente dichiarato di detestare le opinioni e di amare la letteratura nel corso di una conferenza stampa a Stoccolma la scorsa settimana.

Sfortunatamente per Handke, 77 anni, molte persone hanno opinioni controverse su di lui. Alcuni lo vedono come un genio che ha spinto romanzi e opere teatrali oltre i limiti tradizionali. Altri, tuttavia, sono assai meno positivi nei suoi confronti.

Handke è stato accusato di negazione di genocidio per aver messo in discussione eventi avvenuti durante le guerre nei Balcani degli anni ’90, incluso il massacro di Srebrenica, in cui furono uccisi circa 8.000 uomini e ragazzi musulmani. L’autore è stato anche criticato per aver pronunciato un elogio ai funerali di Slobodan Milosevic, il politico serbo che è stato processato a L’Aia per crimini di guerra.

Dal 10 ottobre, quando l’Accademia svedese ha nominato Handke il vincitore del Nobel, attorno alla sua figura si è scatenata una vera tempesta e la domanda che ci si pone è: qual è il vero Peter Handke? Lo stimato autore o il negazionista? O forse entrambe le cose?

Sava Stanisic, un autore bosniaco-tedesco che è fuggito dalla guerra da bambino, ha dichiarato in una e-mail che la decisione dell’Accademia svedese è stata un vero e proprio “pugno nello stomaco” per le vittime del conflitto. È stato “un fallimento estetico e morale”, ha aggiunto.

Persino un membro dell’Accademia svedese, l’organizzazione che sceglie i premi Nobel per la letteratura, ha protestato. Il 5 dicembre, l’autore Peter Englund ha dichiarato che non avrebbe partecipato a nessuno degli eventi di quest’anno per “motivi di coscienza”.

Tuttavia, altri stimati letterati hanno dichiarato che non poteva esserci una scelta migliore. “Non riesco a pensare a un vincitore Nobel più ovvio di lui”, ha detto il romanziere norvegese Karl Ove Knausgaard, aggiungendo che Handke aveva scritto capolavori in ogni decennio della sua carriera.

Handke è nato nel 1942 a Griffen, una piccola città in Austria. Sua madre era di origine slovena e suo padre era un funzionario tedesco. Fino all’età di 18 anni, Handke pensava che il suo patrigno – un uomo che era diventato violento dopo aver bevuto, ha scritto Handke – fosse suo padre biologico.

“È cresciuto in pessime condizioni, in una remota regione provinciale”, ha dichiarato Malte Herwig, giornalista che ha scritto una biografia di Handke. “Era sporco. Era l’unico che andava al college e così via.”

La famiglia visse per un breve periodo a Berlino, ma poi tornò a Griffen nel 1948.  Handke ha fatto della sua infanzia un punto focale della sua lezione sul Nobel, affermando che le storie di sua madre – sulla tragica vita di una lattaia “idiota” e sulla morte di suo fratello – avevano “fornito lo slancio per la mia carriera quasi da scrittore”.

Quasi dall’inizio, Handke ha spinto la sua opera ai confini della letteratura. Ha scritto una commedia senza parole – “L’ora che non sapevamo nulla dell’altro” – il cui testo consiste quasi interamente di descrizioni dei personaggi che attraversano il palcoscenico.

L’opera teatrale rivoluzionaria di Handke del 1966, “Offendere il pubblico”, termina con gli attori che lanciano insulti alla folla.

Quando Handke ha pubblicato due saggi nel gennaio 1996 su un viaggio in Serbia (pubblicato sotto forma di libro “Un viaggio ai fiumi, Giustizia per la Serbia”), i suoi detrattori erano ben diversi dai consueti conservatori e provenivano, stavolta, da ambiti diversi, politici, giornalisti e gruppi per la difesa dei diritti umani.

Herwig ha affermato che durante le guerre nei Balcani, Handke ha letto i notiziari nella sua casa in Francia, e si è infastidito di aver rappresentato in modo schiacciante la Serbia come il “cattivo” del conflitto, senza discutere delle sue complesse cause. Il primo istinto di Handke non fu quello di accettare l’accuretezza e veridicità di quei rapporti.

“Voglio sapere come è avvenuto questo massacro”, ha scritto Handke su Srebrenica. Quindi è andato in Serbia e in Bosnia, parti controllate dalla Serbia, e ha parlato con la gente del posto.

Herwig disse che Handke era stato insensibile verso le vittime della guerra dei musulmani bosniaci e si era lasciato strumentalizzare dai nazionalisti serbi, ma meritava comunque il premio Nobel

Scott Abbott, un traduttore americano che ha accompagnato Handke in visita in Serbia, ha dichiarato in un’intervista telefonica che l’autore è stato attratto dal paese a causa dell’eredità slovena della sua famiglia. (La Slovenia e la Serbia facevano parte della Jugoslavia fino al 1992.)

Handke ha viaggiato in tutta la Jugoslavia e ha scritto “diversi saggi meravigliosi” su quei viaggi, ha detto Abbott, come uno su un lustrascarpe in Croazia e un altro sulla varietà di copricapi macedoni.

Quando la Jugoslavia è crollata, Handke ha visto scomparire l’utopia, ha detto Abbott.

Zarko Radakovic, un amico che ha viaggiato nella regione con Handke e che ha tradotto il suo lavoro, ha dichiarato in un’intervista telefonica che la c.d. “Yugo-nostalgia” è stata fondamentale per la visione del mondo dello scrittore.

Radakovic e altri sostenitori di Handke sistengono che i critici si siano concentrati su alcuni passaggi controversi delle opere di Handke, ma non hanno letto abbastanza per giudicare le motivazioni dell’autore.

“Handke è un autore complesso e difficile”, ha detto Radakovic. “Tutte le sue 87 opere sono in qualche modo collegate.”

Anche molti dei più ardenti sostenitori di Handke hanno difficoltà a spiegare la sua orazione al funerale di Milosevic. Handke ha insistito sul fatto che il suo discorso funebre non era un’approvazione di Milosevic, ma un lamento per la Jugoslavia.

“Non ho bisogno di difendere o riprendere una sola parola”, ha scritto Handke nella prefazione all’edizione americana di A Journey to the Rivers. “Ho scritto del mio viaggio attraverso il paese della Serbia esattamente come ho sempre scritto i miei libri, la mia letteratura”.

Chiaramente, per l’Accademia svedese, il lavoro letterario ha la precedenza. Rebecka Karde, una giornalista che ha consigliato alla commissione che assegna il premio, ha dichiarato che Handke aveva “detto, scritto e fatto cose che trovo difficili da digerire”. Ma, ha aggiunto, ciò non significa che non meriti il ​​premio.