Perché un’economia globale squilibrata è la ricetta di un disastro?

Perché un’economia globale squilibrata è la ricetta di un disastro?

Il magnate di Amazon, Jeff Bezos, dice di non avere letteralmente nessun modo per spendere la sua fortuna, tanto è cresciuta in modo colossale. Potrebbe spendere 100 miliardi di dollari? Ora, se vi state chiedendo, “beh, perché diavolo non dà agli americani un’istruzione decente, i media, l’acqua potabile e l’assistenza sanitaria?” avete ragione. Il punto però è che, in un certo senso, ha ragione: non c’è niente – letteralmente niente – per quanto riguarda un prodotto, un servizio o un investimento esistente che lui possa comprare. Non un altro yacht, una villa, una servitù o delle azioni. Quindi tutto quello a cui riesce a pensare è… mandare i suoi colleghi miliardari in vacanza nello spazio. Ridicolo, forse. Eppure, divertente, oppure pietoso, che un uomo così ricco abbia così poca sensibilità?

Tutto questo non dovrebbe sorprendervi. L’economia è profondamente compromessa – tanto che i ricchi non hanno più nulla da comprare, mentre i poveri lottano per le basi della vita – sanità, istruzione, finanza, riparo, cibo. Non c’era bisogno di aspettare Bezos per dirlo. Come facevo a saperlo? Perché questo è ciò che significano i tassi d’interesse perma-zero – c’è così tanto denaro che si agita in alto, è come se il denaro nell’economia stesse gridando “investimi! usami! fai qualcosa con me! Sono solo seduto qui, inattivo!”. Se il denaro scarseggiasse, i tassi d’interesse sarebbero più alti di zero.

Consideriamo un dato contrastante: un terzo degli americani non può permettersi assistenza sanitaria, cibo e alloggio. Sono più di cento milioni di persone. Sorprendente – forse anche scioccante – non è vero? Ma quando metti insieme questo dato al commento di Bezos, emerge una realtà quasi assurdamente triste. I poveri non possono permettersi le basi di una vita decente, mentre i ricchi non riescono a trovare il modo di spendere le loro fortune.

Cosa sta succedendo? Cosa è andato storto? Intuitivamente, probabilmente provate un senso di ripugnanza morale, e di allarme etico – “questo non è giusto. Non può essere giusto“. Avete ragione.

Quello che sta accadendo qui è una ripetizione degli anni ’30. Una ripetizione inquietante, quasi ricalcata. Con una differenza chiave, però. E se le nazioni lasciano che il ciclo si svolga, è probabile che finisca esattamente nello stesso posto di allora.

Negli anni ’30, erano i paesi che crescevano separati e diseguali. La Germania doveva troppo denaro alla Gran Bretagna e alla Francia – molto più di quanto potesse mai ripagare. Le riparazioni hanno distrutto la sua economia, hanno sconvolto la vita della sua gente, l’hanno portata alla miseria. Affamati, risentiti, amareggiati, infuriati, cosa accadde dopo? Si rivolsero all’uomo forte più stridente e roboante che potevano trovare. Cercarono tra le sue braccia ciò che era stato loro tolto alla radice: dignità, senso di appartenenza, orgoglio, significato. Ma invece di cercarli in modi sani, positivi e benefici, li hanno cercati in modi distruttivi, negativi e violenti – rivolgendosi ai loro vicini, facendo da capro espiatorio per gli ebrei, gli immigrati, i gay, le minoranze. E così i semi dell’atrocità e della guerra sono stati gettati dalla mano dell’austerità, dell’indebitamento e della stagnazione.

C’è qualcosa di tutto questo che vi suona familiare? È esattamente quello che è successo in America oggi.

In seguito, il grande John Maynard Keynes, analizzando le cause della grande guerra che seguì, chiamò tutto ciò “squilibri”. Si può pensare più facilmente come disuguaglianza – la parte “squilibrio” si riferiva semplicemente ai debiti di una nazione verso un’altra, e quando questi debiti diventano troppo alti, quando non possono essere ripagati, fanno crollare le nazioni debitrici nell’autoritarismo e nel fascismo.

Ciò che è diverso oggi sono solo i dettagli. Gli squilibri keynesiani – le disuguaglianze – sono tornati con una vendetta. Questa volta, però, non tra i paesi, ma all’interno dei paesi. I paesi non sono cresciuti squilibrati l’uno rispetto all’altro, ma rispetto a se stessi. È sorta una classe di ultra-ricchi più ricchi di Creso – così ricchi che loro stessi sono perplessi su cosa fare con tutti i loro soldi. Ma allo stesso tempo – e qui è la chiave – la classe media è implosa, i poveri non possono permettersi le basi della vita, e la qualità della vita sta cadendo, sia che si misuri a livello di aspettativa di vita, fiducia, felicità, o opportunità e possibilità.

Quindi. Gli anni ’30 stanno avendo la loro vendetta. Gli squilibri sono una malattia che infetta ancora una volta il mondo. Qual è stata la risposta di Keynes, l’ultima volta? Era molto ingegnosa. Ragionò che se gli squilibri – la povertà tra le ricchezze, essenzialmente – erano la miccia che faceva esplodere i cannoni della guerra, allora per prevenire la guerra, la chiave era di non lasciare mai più che gli squilibri si sviluppassero. E così Keynes progettò un intero nuovo sistema finanziario per il mondo. Il punto era di assicurarsi che le cose fossero “bilanciate” – che alcune nazioni non si arricchissero troppo, mentre altre rimanevano povere. Da qui, la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale, il cui lavoro era quello di gestire questo sistema, incanalando le ricchezze delle nazioni prospere in investimenti in quelle più povere.

Il sistema ha funzionato per un certo periodo. Poi si è rotto, pezzo dopo pezzo. Le nazioni si rifiutarono di svolgere il loro ruolo. L’America, in particolare, ha rotto il sistema dei tassi di cambio che ne era il cuore, per sostenere le proprie industrie morenti, negli anni ’70. Ma questi sono dettagli. Il punto è che il vecchio sistema di gestione degli squilibri globali è stato rotto da nazione a nazione – America, Gran Bretagna, Germania, Giappone, Cina.

E ora eccoci qui, in una nuova era di disuguaglianza viziosa, di squilibri a spirale. Non è proprio come l’ultima volta. Ora, oscuri consulenti fiscali incanalano miliardi in conti offshore nascosti. Gli oligarchi che possiedono le reti energetiche di interi paesi pompano denaro, attraverso società di comodo, in immobili di Parigi. E il (secondo) uomo più ricco del mondo, sconcertato, grida: “ma non so come spenderli! Devo mandare dei magnati nello spazio?”.

Lasciateli mangiare la torta. Mandateli nello spazio. La storia è fatta – e disfatta – da momenti come questi.

Cosa è successo l’ultima volta che squilibri così grandi hanno alzato la testa? Nel giro di un decennio, il mondo ha visto l’ascesa di fascisti e autoritari. Quei fascisti, non capendo, non curandosi, di come avviene la vera prosperità, iniziarono guerre con i loro vicini – cercando terra e dominio e potere, invece di scoperte e virtù e conoscenza. Ben presto il mondo fu coinvolto in una guerra. Ma non una guerra qualsiasi. Una di atrocità, di violenza inimmaginabile, di disperazione e furia totali.

Vedete, la cosa che voglio che capiate – perché i media americani, che hanno fallito completamente nel compito di educare la gente – è che c’è qualcosa come la causa e l’effetto più letalmente efficace, ineluttabile e terribile della storia è al lavoro in questo ciclo, al lavoro oggi, proprio come lo era ieri. La stagnazione provoca il declino, fa sì che la gente si rivolga ai fascisti, provoca l’atrocità, provoca la guerra, provoca la rovina. E così la chiave, come Keynes capì – una delle più grandi scoperte nella storia dell’umanità, capire la causa della guerra – è prevenire la stagnazione in primo luogo.

Ora. A che punto del ciclo direbbe che siamo oggi? Direi che siamo da qualche parte vicino alla metà.

(Sì, è vero che Biden ha vinto. Ma Biden sembra sempre più tornare al vecchio status quo pre-Trump. Ma indovinate un po’? Il vecchio status quo è quello che ha spianato la strada al trumpismo in primo luogo. Non direi ancora che l’America è fuori dalle acque infide, e direi che il Trumpismo ha tutte le possibilità di tornare nel 2024).

Così i fascisti e gli autoritari si sono alzati. La stagnazione è arrivata. Le élite hanno chiuso un occhio. Così in alto da sedurre interi popoli. Il prossimo passo – ed è un piccolo passo – è la guerra. Ma una volta fatto questo passo, il processo è irreversibile. Fino ad allora – beh, c’è un esile albero di speranza.

Quell’albero di speranza sta annullando la stagnazione che avvelena i cuori delle persone, e li manda a sbattere verso gli uomini forti. Questo significa che l’America deve trovare il modo di non produrre solo una manciata di Jeff Bezose – che non è mai stata la misura di una società sana, anche se i suoi sciocchi economisti pensavano che lo fosse. La misura di una società sana è quante persone vivono con dignità. E questo significa trovare il modo di trasformare le fortune che un uomo non potrà mai spendere nelle buone vite che la gente vuole disperatamente vivere.

Dalla dignità viene la pace. Prima nel cuore dell’uomo, e poi irradiandosi attraverso le vite umane. E in questo modo, la dignità è la chiave per non ripetere gli errori del passato. Il 1937 sta avendo la sua vendetta. Cerchiamo di essere abbastanza saggi da togliere la sua falce e sostituirla con nuovi semi da piantare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: