Ritardi sui vaccini: l’Italia intraprende azioni legali contro Pfizer e AstraZeneca

Ritardi sui vaccini: l’Italia intraprende azioni legali contro Pfizer e AstraZeneca

L’Italia intraprenderà un’azione legale contro Pfizer Inc. e AstraZeneca sui ritardi nelle consegne dei vaccini COVID-19 per assicurare le forniture concordate piuttosto che chiedere danni. Ciò è quanto ha sostenuto domenica il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

“Stiamo lavorando affinché il nostro programma del piano vaccini non cambi”, ha detto Di Maio alla RAI.

La notizia segue gli annunci di entrambi i giganti farmaceutici dei ritardi e difficoltà nel consegnare il numero promesso di dosi a causa di problemi con le catene di approvvigionamento.

Quando gli è stato chiesto perché pensava che le aziende farmaceutiche fossero state costrette ad annunciare riduzioni, Di Maio ha sostenuto che credeva che avessero semplicemente fatto il passo più lungo della gamba.

“Stiamo attivando tutti i canali affinché la Commissione europea faccia tutto il possibile per far rispettare a questi signori i loro contratti”, ha detto.

Sabato, il primo ministro Giuseppe Conte ha affermato che i ritardi nelle forniture di vaccini erano “inaccettabili” e che costituivano una grave violazione degli obblighi contrattuali. Ha aggiunto che l’Italia userà tutti gli strumenti legali disponibili.

Anche l’UE minaccia un’azione legale

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha anche minacciato le aziende farmaceutiche di possibili conseguenze legali se non adempiranno ai loro contratti sui vaccini.

“Abbiamo intenzione di far rispettare all’industria farmaceutica i contratti firmati”, ha detto Michel alla radio francese Europe-1, aggiungendo che i funzionari dell’UE “hanno battuto il pugno sul tavolo” con la Pfizer la scorsa settimana per assicurarsi che i ritardi finiscano entro la prossima settimana.

Michel non ha menzionato possibili sanzioni, ma ha notato che l’UE insisterà sulla trasparenza circa le ragioni del ritardo.

Obiettivo di vaccinazione del 70%

Michel ha riconosciuto che “sarà difficile” per l’UE raggiungere il suo obiettivo di vaccinare il 70% della popolazione adulta entro la fine dell’estate a causa delle sfide logistiche e della lentezza con cui è stata attuata finora in tutto il blocco.

L’UE ha firmato sei contratti di vaccinazione per più di 2 miliardi di dosi, ma solo i vaccini BioNTech-Pfizer e Moderna sono stati finora approvati per l’uso.

Dopo che i partner di produzione BioNTech-Pfizer hanno annunciato ritardi nelle consegne la scorsa settimana, l’azienda britannico-svedese AstraZeneca venerdì ha anche detto che le consegne iniziali saranno insufficienti a causa di un errore di produzione.

L’Agenzia europea dei medicinali dovrebbe valutare il vaccino di AstraZeneca alla fine della settimana. Il vaccino, sviluppato insieme all’Università di Oxford, è già in uso nel Regno Unito.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: