Il mare di Lampedusa: eterna suggestione

Il mare di Lampedusa: eterna suggestione

Il mare ha una propria identità: è caldo in estate e freddo in inverno. Tante sono state negli anni le canzoni che gli hanno dedicato.

In inverno, quando la gente si ripara in casa per paura dell’influenza, il mare diventa il luogo dell’impossibile: nessuno penserebbe mai di passare del tempo in spiaggia.

Ma questa convinzione, sbagliata, sta pian piano perdendo approvazione, almeno a Lampedusa. È qui che il mare è diventato una vera medicina naturale, per il corpo ma soprattutto per il proprio benessere mentale. E’ questo ciò che significa realmente trascorrere le proprie vacanze a Lampedusa.

La solitudine dei suoi lungomari, gli uccelli che volano in cielo alla ricerca di un posto dove stare ed il silenzio limpido delle sue meravigliose spiagge rendono l’isola un luogo adatto dove riscoprire se stessi.

E’ possibile passeggiare sulla lunga distesa di sabbia dorata, ammirando cosi il mare invernale che si perde in lontananza respirando aria pura.

Non a caso iodio e salsedine sono un vero e proprio aerosol naturale che tende a migliorare la respirazione e a sentirsi più liberi.

E’ possibile scoprire i colori freddi della bellissima spiaggia di Cala Creta che in inverno promette le stesse gioie estive ma con la possibilità di godere di un panorama rasserenante senza dover cercare un posto dove sedersi.

Grazie al blu di queste spiagge i vostri occhi vi ringrazieranno: la cromoterapia, la terapia dei colori, sostiene che il blu rappresenta la calma ed ha un evidente effetto rilassante che può indurre armonia e riflessione interna.