Israele alle urne

Israele alle urne
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Gli israeliani vanno alle urne oggi per una quarta elezione senza precedenti in due anni, mentre Benjamin Netanyahu cerca di estendere il suo record di primo ministro più longevo del paese.

A ostacolarlo c’è un elettorato profondamente diviso. I sondaggi mostrano un quasi pareggio tra un blocco pro-Netanyahu di partiti religiosi e di destra e un blocco anti-Netanyahu meno ideologicamente coerente che include anche i suoi rivali di destra.

Nessuno dei due raggruppamenti sembra pronto a raggiungere la soglia dei 61 seggi necessaria per ottenere una maggioranza di governo, il che significa che i risultati di oggi probabilmente si ridurranno a margini ancora più stretti: Se i partiti più piccoli, cruciali per entrambe le coalizioni, supereranno la soglia del 3,25% di voti necessari per prendere i seggi nella Knesset.

Lo status di Israele come il distributore di vaccini più veloce del mondo e la graduale riapertura economica che ha creato ha fatto guadagnare a Netanyahu pochi nuovi ammiratori. Sabato, circa 20.000 persone si sono riunite vicino alla residenza ufficiale del primo ministro per protestare contro il suo governo, una delle più grandi manifestazioni dell’ultimo anno.

Cosa è cambiato dall’ultima volta. L’alleanza centrista blu e bianca di Benny Gantz è una pallida ombra di se stessa, e la sua disintegrazione significa che probabilmente vincerà solo quattro seggi. La perdita di Gantz sarà probabilmente il guadagno del disertore del Likud Gideon Saar, dato che il partito Nuova Speranza dell’ex ministro guadagnerà circa 10 seggi nelle sue prime elezioni.

I partiti arabi israeliani, precedentemente unificati sotto la Lista Comune, si sono anch’essi divisi, con la Lista Araba Unita che corre da sola. Il suo leader, Mansour Abbas, è stato riservato su quale blocco sosterrà, anche se il suo partito dovrà prima raggiungere la soglia del 3,25%.

Stanchezza democratica. Con un probabile stallo, il pubblico israeliano potrebbe essere perdonato per pensare che qualcosa non sta funzionando. Un sondaggio dell’Israel Democracy Institute ha rilevato che solo il 37% degli israeliani è ottimista sul futuro della governance democratica, un calo di 17 punti da quando Israele ha iniziato la sua giostra elettorale nell’aprile 2019. Il presidente dell’IDI, Yohanan Plesner, ha scritto per Foreign Policy tra le elezioni di aprile e settembre 2019 e ha proposto due semplici riforme elettorali per porre fine all’impasse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: