Le piattaforme no-code e low-code: come cambia lo sviluppo delle app mobili

Le piattaforme no-code e low-code: come cambia lo sviluppo delle app mobili

App mobili sviluppate con basso volume di codice di programmazione, o, addirittura, senza nemmeno una riga di codice! Ecco il nuovo scenario dello sviluppo app. Futuro fantascientifico? No: semplice realtà.

Gli esperti sostengono che due terzi delle app saranno sviluppate con i sistemi lo-code/no-code entro il 2024.

Gli ambienti di sviluppo low-code e no-code permettono a chiunque di creare app. Per questo gli utenti, che solitamente sono programmatori professionisti, vengono definiti “sviluppatori cittadini”, dato che possono ora configurare e personalizzare le applicazioni senza la necessità di scrivere alcun codice e senza avere quindi particolari competenze di programmazione. Spesso l’interfaccia è una GUI drag and drop che permette ai componenti di essere collegati per creare l’applicazione finale.

I tre principali vantaggi dell’uso di basso codice sono:

  • Incoraggiamento della prototipazione rapida dell’applicazione;
  • Non necessità di competenze a livello di sviluppatore;
  • Risultati che possono essere prodotti rapidamente,

Con un maggior numero di aziende che si orientano online, lo spazio tecnologico accoglie sempre più questa crescita attraverso la diffusione delle applicazioni no-code e low-code.

Lo sviluppo di un’applicazione che prevede l’uso di piattaforme di codifica può sembrare all’inizio scoraggiante e può apparire come qualcosa di difficile da usare: per questo entrano in gioco le nuove piattaforme di sviluppo di app low-code e no-code che sono molto diverse dalle tradizionali piattaforme di codifica utilizzate nello sviluppo di app.

Tra queste nuove entità segnaliamo Appsmith, Bubble, NoCodeAPI, e NoCode.tech, così come Microsoft Power Platform, la piattaforma low-code della società di software, Amazon Honeycode, l’equivalente della società di e-commerce che ha lanciato nel giugno dello scorso anno, e Google AppSheet, una piattaforma no-code, che la società ha acquisito nel gennaio 2020. I suddetti programmi sono stati progettati per offrire un’interfaccia semplice che non solo permette alle piattaforme di essere gestite da individui con conoscenze di codifica limitate o nulle, ma anche di accelerare i processi di sviluppo delle applicazioni.

“Un ambiente di codifica tradizionale è completamente basato sul testo. Prima si scrive il codice, poi si controlla da qualche altra parte per vedere se è venuto fuori correttamente”, spiega per telefono Abhishek Nayak, co-fondatore di Appsmith, Bengaluru. Il processo ripetuto di scrittura e di controllo è minuzioso e richiede tempo, aggiunge. Mentre la piattaforma low-code può essere utilizzata per sviluppare applicazioni con una codifica minima, e la maggior parte del processo di codifica è sostituita da un’interfaccia visiva drag-and-drop, una piattaforma no-code accorcia ulteriormente il processo di sviluppo, eliminando la necessità di codifica.

“È semplice”, afferma Mohd Danish, fondatore di NoCodeAPI, Aligarh: “Con questi strumenti no-code, non devi fare nulla se non usare il mouse per trascinare e rilasciare elementi. Non è necessaria una sola riga di codice. Otterrete l’output in pochi secondi”. Il NoCodeAPI danese semplifica il processo di costruzione delle Application Programming Interfaces (API) e la connessione con le API di terze parti con un approccio no-code.

NoCode.tech, UK, offre numerosi strumenti e risorse per le persone per costruire il software di cui hanno bisogno. Durante una videochiamata, Nile Frater, che gestisce NoCode.tech, ha spiegato: “Se sei una persona non tecnica, l’idea di entrare nel mondo della codifica può essere scoraggiante. No-code è molto più accessibile, in quanto si può ottenere la propria applicazione con un clic di un pulsante”. E aggiunge: “Gli strumenti no-code tendono a insegnarti come funzionano il software e la programmazione”.

Queste piattaforme aiutano anche le persone ad imparare ad usare gli strumenti disponibili attraverso brevi tutorial e corsi. Così, a seconda di ciò che vogliono costruire, gli utenti possono scegliere la piattaforma, gli strumenti e i servizi associati necessari per sviluppare la loro app.

Bubble, con sede a New York, ha l’obiettivo di aiutare le persone non tecnologiche a costruire sofisticate applicazioni web senza codice. In una video intervista, il co-CEO di Bubble, Emmanuel Straschnov, ha detto: “È importante creare un mondo tecnologico più inclusivo. Per farlo, insegnare a tutti a usare il codice non è la risposta. Quindi, cambiamo gli strumenti, ed è quello che fanno le piattaforme senza codice”. Secondo Straschnov, la maggior parte degli utenti di Bubble non ha mai scritto codice in vita sua. Quindi, non ha conoscenze di codifica, quello che ha, però, è una comprensione tecnica di come funzionano le applicazioni. “Il cittadino sviluppatore può effettivamente costruire un bel prodotto finito, se lo desidera. L’elemento base per la creazione di un’applicazione può essere fatto in pochi giorni, e probabilmente possono ottenere un prodotto completamente finito in un tempo abbastanza breve”, spiega invece Praveen Mellacheruvu, Business lead, Business Applications, Microsoft India, durante una videochiamata. Tuttavia, a seconda della complessità dell’app che stanno costruendo, le persone con conoscenze tecniche limitate potrebbero aver bisogno di assistenza per completare il processo di sviluppo, aggiunge.

Se si pensa a quello che è successo negli anni ’80, quando la gente usava MS DOS sul proprio computer, e quando voleva modificare un testo, digitava edit e il nome del file, e poi con Windows faceva un doppio clic. “Beh, all’improvviso il numero di persone che potevano usare il vostro strumento si è moltiplicato per 100 o 1.000 ed è la stessa cosa che vediamo con le piattaforme senza codice”.

Applicazioni e lacune

Spiegando la piattaforma a basso codice di Microsoft, Praveen afferma che Power Platform sfrutta le offerte principali di Microsoft come Office, Azure e Dynamics 365, e in combinazione con strumenti come Power BI, Power Apps e Power Virtual Agents, risolve le esigenze delle applicazioni di nicchia e aiuta ad automatizzare i processi con un focus sulla trasformazione digitale in modo agile.

Questo approccio più semplice allo sviluppo delle app non è nuovo e alcune di queste piattaforme esistono già da tempo. Queste piattaforme possono essere utilizzate per sviluppare app per collegare le lacune nei flussi di lavoro aziendali.

Abhishek’s Appsmith, è una piattaforma open-source a basso codice, che viene utilizzata dagli sviluppatori per costruire app interne o enterprise apps, che vengono utilizzate dalle aziende per gestire il loro business.

In molte situazioni, si può costruire quello che si vuole. C’è una via di mezzo dove potresti essere in grado di costruirne l’80%, ma l’ultimo 20%; a volte non è ancora possibile in assenza di codice. Queste situazioni, tuttavia sono sempre più rare”.

Per le organizzazioni, le piattaforme low-code e no-code fungono da ponte tra l’utilizzo dei tradizionali strumenti di sviluppo delle app e l’acquisto di qualcosa di immediato, in quanto possono essere utilizzate per costruire qualcosa di personalizzato, che è più veloce e più economico allo stesso tempo, elabora Praveen.

Con la crescita di queste piattaforme, che offrono più servizi, c’è la possibilità molto reale che esse possano eclissare le tradizionali piattaforme di codifica, hanno il potenziale, se sfruttate nel modo giusto, di essere una delle cose più importanti nel mondo della tecnologia in quanto c’è un disperato bisogno di strumenti più accessibili, dice Emmanuel. “Il software è ovunque, e l’azienda che renderà il software veramente facile da creare, si impadronirà del mondo tecnologico“, aggiunge.

Oltre 500 milioni di applicazioni e servizi digitali saranno sviluppati entro il 2023, secondo l’International Data Corporation FutureScape: Rapporto “Worldwide IT Industry 2020 Predictions“. Entro il 2024 circa il 65% delle app sarà sviluppato utilizzando piattaforme low-code, e circa il 66% delle grandi aziende utilizzerà almeno quattro piattaforme low-code per lo sviluppo delle app, secondo il “Gartner Magic Quadrant for Enterprise Low-Code Application Platforms”.

Si prevede che il mercato globale della piattaforma di sviluppo low-code raggiungerà i 112,43 miliardi di dollari entro il 2026, secondo “Low-Code Development Platform Market Size & Forecast” di Verified Market Research.

Insomma, perle piattaforme low-code/no-code il futuro è assicurato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: