Facebook, Google e Amazon nel mirino dell’antitrust

Facebook, Google e Amazon nel mirino dell’antitrust
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

La senatrice Amy Klobuchar non ha risparmiato parole pesanti su Mark Zuckerberg definendolo “un ipocrita” lo scorso marzo, quando ha aperto la sua prima audizione come presidente della sottocommissione del Senato sull’antitrust. Zuckerberg e i suoi colleghi titani della tecnologia parlano bene della necessità di nuove tecnologie e aziende “dirompenti” per mantenere il capitalismo fresco e vitale. Ma durante il suo periodo come CEO di Facebook, Zuckerberg ha schiacciato o semplicemente acquistato qualsiasi start-up che potrebbe interrompere il dominio di Facebook, ha detto Klobuchar, una democratica del Minnesota. E ha tirato fuori le email di Zuckerberg per dimostrarlo: in una ha lamentato che se i nuovi marchi “crescono su larga scala, potrebbero essere molto dirompenti per noi”. In un’altra, Zuckerberg ha scritto che quando si sta costruendo il dominio del mercato, “è meglio comprare che competere”.

Questo è quello che ha fatto, comprando accuratamente piattaforme potenzialmente competitive come Instagram e WhatsApp. Né Zuckerberg e i suoi colleghi multimiliardari hanno dovuto preoccuparsi molto di solidificare il loro dominio, dato che Washington ha per lo più guardato dall’altra parte negli ultimi decenni. Invece, ha detto Klobuchar, i legislatori hanno tipicamente risposto “tenendo udienze e gettando popcorn su uno schermo”.

Quell’era di indulgenza è ora finita, ha detto Klobuchar in un’intervista, e molti esperti antitrust così come i legislatori su entrambi i lati del corridoio sono d’accordo. Sia negli Stati Uniti che in Europa, ci sono nuovi sforzi per tenere a freno Big Tech, in particolare le aziende che sono arrivate a dominare i social media, l’e-commerce e anche la politica in America: Facebook, Amazon, Google, Apple e Microsoft. Anche se repubblicani e democratici non sono d’accordo sul come, c’è un consenso emergente sul fatto che, come minimo, è necessario rafforzare l’applicazione dell’antitrust presso il Dipartimento di Giustizia e la Federal Trade Commission (FTC), che sono “una mera ombra di ciò che erano anche ai tempi di [ex presidente Ronald] Reagan”, con qualcosa come la metà degli avvocati che avevano allora, ha detto Klobuchar.

Il problema è che è proprio dove finisce il consenso. E anche se si aggiungono più avvocati, i casi antitrust si muovono glacialmente, e i giudici federali sono estremamente cauti nel punire comportamenti ritenuti anticoncorrenziali, specialmente in un’epoca in cui gli esperti antitrust sono in forte disaccordo sui rimedi. Inoltre, ora ogni caso affronta la prospettiva di essere schiacciato da una Corte Suprema molto conservatrice.

Nonostante le azioni documentate di Facebook e di altre aziende nel distruggere gli aspiranti concorrenti, c’è anche una buona ragione per la cautela giudiziaria. Considerate l’ironia che Microsoft – essa stessa bersaglio di una grande azione antitrust un quarto di secolo fa – ora si considera la parte lesa nel recente caso del Dipartimento di Giustizia contro Google, dal momento che sta cercando di aumentare il profilo del suo motore di ricerca Bing, che ha un misero 2,5% del mercato. O che il dominio di Facebook potrebbe un giorno cadere vittima – senza alcun aiuto da parte del governo – della nuova tecnologia blockchain che potrebbe consentire agli utenti di eseguire i propri servizi e applicazioni web. (Ironicamente, tra gli innovatori chiave che spingono per questo ci sono i vecchi antagonisti di Zuckerberg dell’Università di Harvard, Tyler e Cameron Winklevoss, che notoriamente hanno affermato che lui ha rubato l’idea del social network da loro). Anche oggi, molti esperti di antitrust dicono che è probabilmente un ponte giudiziario e legislativo troppo lontano per il governo per cercare di promuovere proattivamente la concorrenza nel mondo tecnologico; lasciare che i mercati se ne occupino invece.

Ma l’ambiente politico è così cambiato che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e alcuni dei suoi migliori regolatori, come Lina Khan, un ragazzo prodigio della Yale Law School che è stato recentemente nominato alla FTC, potrebbero cercare di rompere le grandi aziende tecnologiche. Biden, in campagna elettorale, ha detto che rompere i quasi-monopoli tecnologici come Facebook è “qualcosa a cui dovremmo dare un’occhiata molto dura”.

Questo quasi certamente non accadrà: La volontà politica semplicemente non c’è, anche tra molti legislatori democratici influenzati da Khan e altri pensatori progressisti.

“Non credo che Biden abbia lo stomaco per questo”, ha detto Herbert Hovenkamp, un esperto di antitrust all’Università della Pennsylvania. La ragione è semplice: Gli abusi monopolistici di oggi sono molto diversi dal potere monopolistico di un tempo, quando grandi cartelli come la Standard Oil di John D. Rockefeller infliggevano prezzi elevati e predatori ai consumatori e la volontà politica era alta per “distruggere i trust”. Al contrario: La maggior parte dei consumatori ama il fatto di poter comprare ogni genere di cose a basso costo su Amazon e farsele consegnare il giorno dopo, e che Facebook non fa pagare loro un centesimo, anche se fa una fortuna vendendo le loro informazioni private a inserzionisti e manipolatori di mercato.

“I democratici devono essere cauti qui”, ha detto Hovenkamp. “I consumatori sono il loro elettorato. E queste aziende sono tra i più grandi produttori di crescita negli Stati Uniti. Biden certamente non vuole rovinare questo”. Invece, l’amministrazione potrebbe decidere di concentrarsi di più sui pesci più piccoli in altre industrie, come la FTC ha fatto la scorsa settimana sfidando l’acquisto da 7 miliardi di dollari di Illumina dello sviluppatore di test sul cancro Grail. In un segno di quanto aggressiva potrebbe essere la FTC sotto Biden, è stata la prima volta in decenni che la commissione ha cercato di bloccare una cosiddetta fusione verticale, sostenendo che la proprietà di Grail avrebbe incentivato Illumina, una società di sequenziamento genico, ad aumentare i costi sui concorrenti di Grail.

Infatti, anche se gli Stati Uniti e l’Unione europea concordano sulla necessità di nuove soluzioni per limitare il dominio di Big Tech, gli approcci rimangono molto diversi. Per anni, l’UE è stata in prima linea nell’intentare cause antitrust, ma alla fine dell’anno scorso ha fatto un voltafaccia, decidendo di adottare un approccio normativo piuttosto che legale. Dopo che Bruxelles ha rilasciato una bozza del suo Digital Markets Act, il ministro della concorrenza dell’UE Margrethe Vestager ha twittato che le nuove regole avrebbero stabilito “do’s & don’t to gatekeepers” del nostro mondo digitale. Se approvato, l’atto potrebbe imporre sanzioni più severe che mai, compresa la richiesta di una percentuale dei guadagni.

Dall’altra parte dell’Atlantico, la FTC sta anche rimuginando modi per amplificare il suo potere normativo. Khan e altri progressisti sostengono regole che impediscono a una piattaforma tecnologica di favorire i propri prodotti nei risultati di ricerca o di premere le proprie tecnologie sugli utenti, come Google fa presumibilmente con Android, un sistema operativo mobile. La violazione di tali regole potrebbe sottoporre le aziende a multe sostanziali. Secondo un rapporto dello scorso autunno dei membri democratici della Sottocommissione della Camera sull’Antitrust – e parzialmente scritto da Khan – Google ha usato “una serie di contratti anti-competitivi” che hanno spinto la ricerca di Google per gli utenti di telefoni Android.

Eppure in molte aree rimane un enorme disaccordo su come contenere Big Tech. Repubblicani e democratici vogliono entrambi farlo, per ragioni diverse; i primi credono che la Silicon Valley sia politicamente prevenuta contro la destra, mentre i secondi tendono a preoccuparsi del comportamento anticoncorrenziale. Klobuchar ha sponsorizzato un progetto di legge mostruoso, il Competition and Antitrust Law Enforcement Reform Act, che è destinato non solo a dare più risorse alle forze dell’ordine federali, ma anche a rafforzare i divieti sulla condotta anticoncorrenziale e le fusioni, tra le altre riforme. Per ora, tuttavia, non ha co-sponsor repubblicani, e i democratici alla Camera sono riluttanti a percorrere la stessa strada con un disegno di legge omnibus tentacolare, secondo un assistente legislativo con conoscenza del processo. “Se si ha una grande legge si crea un vaso di miele” per gli oppositori, ha detto, notando che le tasche di Big Tech sono molto più profonde di quelle delle loro controparti antitrust. I leader della Camera cercheranno invece di introdurre una serie di disegni di legge separati specificamente mirati.

La Casa Bianca non ha risposto a diverse richieste di commento su quale approccio Biden potrebbe voler adottare. Ciò che è ancora fortemente dibattuto dagli stessi avvocati è se Big Tech è davvero una minaccia – e se sì, di che tipo? Anche se Amazon non sta ancora gonfiando i prezzi e Facebook e Google non costano nulla da usare, Khan e altri progressisti sostengono che la gente comune – specialmente i lavoratori americani – sono danneggiati in modi di cui non si rendono pienamente conto. Di conseguenza, dicono i progressisti, l’antitrust deve andare oltre il suo stretto standard di protezione del benessere dei consumatori.

Questo standard è stato stabilito da Robert Bork, un giudice e studioso conservatore nominato da Reagan, che ha scritto che il Congresso ha emanato lo Sherman Antitrust Act del 1890 – la base della maggior parte delle azioni antitrust di oggi – principalmente come una “prescrizione per il benessere dei consumatori”. In altre parole, l’antitrust dovrebbe servire principalmente a proteggere i consumatori dalla fissazione dei prezzi da parte dei monopoli. La Corte Suprema ha adottato questa posizione nel 1979, e rimane l’obiettivo dichiarato dell’antitrust oggi.

Khan e Tim Wu – il nuovo consigliere di Biden per l’antitrust – dicono che l’approccio di Bork permette al grande business di correre all’impazzata, rendendo le piccole aziende ostaggio di quelle grandi, proprio come facevano le ferrovie monopolistiche un secolo fa, come Khan ha sostenuto nel suo ormai famoso documento “Amazon’s Antitrust Paradox”. Oggi, ha scritto, le “migliaia di rivenditori e imprese indipendenti che devono cavalcare i binari di Amazon per raggiungere il mercato sono sempre più dipendenti dal loro più grande concorrente”. È solo una questione di tempo, ha sostenuto Khan, prima che Amazon usi la sua piattaforma dominante per scacciare o sopprimere le imprese concorrenti.

E poi c’è la questione dei posti di lavoro. Amazon e Walmart forniscono ai consumatori americani beni a buon mercato, ma da dove? Di solito, dalla Cina. I grandi quasi-monopoli stanno solo andando a scoraggiare l’ascesa di nuovi produttori americani del tipo che Biden vuole stimolare con il suo piano “Buy American”. “Il compromesso è che perdiamo posti di lavoro e otteniamo beni più economici”, ha detto l’economista Joseph Stiglitz.

Gran parte del risultato dipenderà dal fatto che il concetto di antitrust venga ampliato, riportandolo alle sue origini: la paura di troppo potere politico nelle mani di pochi grandi attori aziendali. In un famoso discorso del 1890, il senatore John Sherman, da cui prese il nome lo Sherman Antitrust Act, dichiarò che i monopoli sono “incompatibili con la nostra forma di governo. … Se non vogliamo sopportare un re come potere politico, non dovremmo sopportare un re sulla produzione, il trasporto e la vendita di qualsiasi bene di prima necessità”.

Nel suo libro del 2018, The Curse of Bigness: Antitrust in the New Gilded Age, Wu ha descritto la sfida attuale in termini molto simili. “L’ampio tenore dell’applicazione dell’antitrust dovrebbe essere animato dalla preoccupazione che un potere economico troppo concentrato si traduca in troppo potere politico”, ha scritto. Ha deliberatamente riecheggiato il saggio di Louis Brandeis del 1914 “Una maledizione di Bigness”, che ha gettato le basi per la visione progressista che ha tenuto il passo fino alla rivoluzione di Reagan (e Bork).

Eppure oggi, molti repubblicani si attengono ancora agli stretti standard di Bork, compreso il membro del comitato della Klobuchar, il senatore Mike Lee dello Utah, che è disposto a lavorare con lei in una certa misura. Sì, Lee ha detto in un recente discorso, anche lui è preoccupato che “le azioni di Big Tech continuano a dividere la nazione, minare le libertà fondamentali e distorcere il mercato”. Ma Lee ha detto che è improbabile che sostenga il nuovo duro approccio anti-fusione di Klobuchar a meno che non ci sia una comprovata minaccia per il consumatore. È più probabile che la Corte Suprema segua l’esempio e aderisca allo standard di Bork.

Alla fine, la questione potrebbe ridursi a dove finiscono gli elettori. “Ciò che mi dà speranza è il cattivo comportamento dei giganti digitali” nel facilitare la disinformazione, anche da potenze straniere come la Russia attraverso Facebook, ha detto Stiglitz. “Gli americani sono diventati molto consapevoli del potere politico che hanno, ed entrambi i partiti sono preoccupati per questo. Spero che possiamo fare leva su questa profonda sfiducia nel potere politico e di mercato”.

I democratici si rendono anche conto di aver perso alcune opportunità precedenti. “Tutti questi ragazzi hanno ottenuto la religione ultimamente”, ha detto William Kovacic, un esperto di antitrust alla George Washington University. “Hanno avuto la possibilità di fare causa a Google nel 2012 e 2013, e non l’hanno fatto. La FTC ha esaminato gli acquisti di Instagram e WhatsApp, ma non ha fatto nulla al riguardo”.

Questo potrebbe cambiare sotto il nuovo approccio attivista. Quarantasei stati si sono ora uniti in una causa contro Facebook, e molti esperti di antitrust credono che Zuckerberg potrebbe essere costretto a cedere una o entrambe le società. Ma alla fine la domanda sarà: C’è davvero un rimedio a lungo termine alla grandezza?

Anche Joel Klein, che come capo della Divisione Antitrust del Dipartimento di Giustizia sotto il presidente Bill Clinton ha montato l’originale causa antitrust Big Tech contro Microsoft, ha detto che i problemi di oggi sono un po’ diversi. “Quello che Microsoft stava proteggendo era il suo monopolio nei sistemi operativi”, ha detto. “Non è così chiaro per me che se si vuole fare una ricerca su internet, non ci sono altri modi per ottenere una [nuova] piattaforma là fuori”. Google, in altre parole, non sta impedendo alle persone di usare Bing se vogliono; la maggior parte semplicemente non lo fa.

“È come un cane che insegue una macchina. Cosa fa il cane quando prende la macchina?” ha detto Daniel Crane, un esperto di antitrust all’Università del Michigan. “Non ci sono linee di demarcazione naturali per rompere Google; non hai intenzione di dividerlo in un sistema operativo e un browser quando i due sono sempre stati integrati. Quindi, qual è la tua mossa finale?”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: