Big Pharma rimprovera Biden

Big Pharma rimprovera Biden
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Il sostegno degli Stati Uniti per la rinuncia fa arrabbiare Big Pharma

L’amministrazione Biden ha annunciato giovedì il suo sostegno alla rinuncia alle protezioni della proprietà intellettuale sui vaccini COVID-19 per aumentare la produzione, in una mossa celebrata dai sostenitori della salute e disprezzata dall’industria farmaceutica.

Il rappresentante commerciale degli Stati Uniti Katherine Tai ha esposto la nuova posizione degli Stati Uniti in una dichiarazione. “Questa è una crisi sanitaria globale e le circostanze straordinarie della pandemia di COVID-19 richiedono misure straordinarie”, si legge nella dichiarazione.

La Pharmaceutical Research and Manufacturers of America (PhRMA), il braccio di lobbying dell’industria (e il terzo più grande finanziatore di lobbying a Washington nel 2020), ha emesso un aspro rimprovero della decisione. L’amministratore delegato del gruppo, Stephen J. Ubl, ha denunciato la mossa come una “promessa vuota” dicendo che “non fa nulla per affrontare le sfide reali per ottenere più scatti in armi, tra cui la distribuzione dell’ultimo miglio e la disponibilità limitata di materie prime”.

La notizia arriva un giorno dopo che il produttore di vaccini Pfizer, una delle poche grandi aziende che vendono i suoi vaccini COVID-19 su base for-profit, ha annunciato 3,5 miliardi di dollari di entrate generate dalle vendite di vaccini nei primi tre mesi di quest’anno, con un profitto stimato di 900 milioni di dollari. Le azioni dei produttori di vaccini sono scese brevemente dopo l’annuncio di Tai, prima di riprendersi in gran parte alla fine delle contrattazioni.

Per i sostenitori, la decisione è stata accolta con un misto di celebrazione e trepidazione. Il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus ha salutato la decisione come “monumentale”, mentre altri gruppi hanno sottolineato la portata limitata della dichiarazione. La proposta originale, presentata dall’India e dal Sudafrica lo scorso ottobre, prevedeva deroghe ai brevetti su altri strumenti medici, tra cui dispositivi di protezione personale, trattamenti terapeutici e kit di test. “È fondamentale che questa rinuncia non si applichi solo ai vaccini preventivi”, ha detto Avril Benoît, direttore esecutivo di Medici Senza Frontiere USA, in una dichiarazione inviata per e-mail.

Altri ostacoli diplomatici devono essere superati prima che una deroga sui vaccini possa entrare in vigore a livello internazionale. Il WTO opera su una base di consenso e l’Australia, il Brasile, il Canada, l’Unione Europea, il Giappone, la Norvegia, la Svizzera e il Regno Unito non hanno ancora sostenuto l’eliminazione delle protezioni della proprietà intellettuale. Un’eccezione, la Nuova Zelanda, ha annunciato di appoggiare la rinuncia dopo la decisione degli Stati Uniti.

C’è anche la questione del tempo. Anche se i paesi contrari salgono a bordo, il testo della deroga dovrebbe essere sottoposto a un pesante esame, e i negoziati potrebbero richiedere settimane, se non di più. Clete Williams, un ex rappresentante degli Stati Uniti all’OMC a Ginevra, ha detto a Reuters che un accordo completato è più probabile che sia in vigore entro la fine di novembre.

La rinuncia potrebbe finire per essere solo una mossa simbolica se le dosi previste sono prodotte in tempo e i paesi ricchi condividono volentieri le loro scorte. I produttori di vaccini prevedono che 12 miliardi di dosi saranno disponibili entro la fine del 2021, e circa 11 miliardi di dosi vaccineranno il 70% della popolazione mondiale – abbastanza per superare le soglie stimate di immunità di gregge.

Ma i paesi ricchi potrebbero continuare ad accumulare dosi, potrebbero apparire nuove varianti che richiedono nuovi vaccini, i richiami potrebbero essere necessari più avanti nel corso dell’anno, e il desiderio di vaccinare i bambini potrebbe spingere i governi già in eccesso di dosi a pensarci due volte sulla condivisione con altri paesi – uno scenario che renderebbe la rinuncia ancora più essenziale, secondo i suoi sostenitori.

Anche se è improbabile che faccia un’ammaccatura a breve termine nell’accesso al vaccino, una rinuncia alla proprietà intellettuale potrebbe aiutare a scalare la capacità di produzione per proteggersi dall’incertezza a lungo termine.

Nicholas Lusiani, un consulente senior di Oxfam America, ha detto a Foreign Policy che la decisione degli Stati Uniti ha accelerato un processo inevitabile. “Questo sarebbe successo comunque – tutti i vaccini nel tempo si diffondono e sono esposti alla concorrenza o sono fatti a prezzi più bassi in tutto il mondo. La questione è solo quanto tempo ci vuole e quante persone muoiono, specialmente durante una pandemia, e ciò che l’amministrazione Biden ha fatto oggi è stato ridurre drasticamente il tempo tra l’approvazione e l’effettivo accesso delle persone a basso costo”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: