Gli Stati Uniti condividono le scorte di AstraZeneca

Gli Stati Uniti condividono le scorte di AstraZeneca
Clicca qui per ASCOLTARE la lettura dell'articolo

Gli Stati Uniti stanno per esportare fino a 60 milioni di dosi del vaccino COVID-19 di AstraZeneca in altri paesi, piegandosi alla crescente pressione internazionale per condividere parte delle sue scorte di vaccino.

L’addetto stampa della Casa Bianca, Jen Psaki, non ha detto a quali paesi i vaccini sarebbero stati inviati, ma ha detto che l’iniezione avrebbe dovuto essere approvata prima dai regolatori nazionali. Quattro milioni di dosi del vaccino erano già state concesse ai vicini Canada e Messico. Secondo i piani attuali, 10 milioni di dosi saranno spedite “nelle prossime settimane”, ha detto Psaki, mentre i restanti 50 milioni saranno pronti a maggio e giugno.

Gli Stati Uniti, già tra le prime cinque potenze produttrici di vaccini, hanno del terreno da recuperare quando si tratta di esportazioni. La Cina ha già esportato 200 milioni di dosi, mentre l’Unione Europea ne ha esportate 82 milioni. L’India, un racconto ammonitore al terzo posto, ha spedito 66 milioni di dosi di vaccino prima di congelare le esportazioni di fronte all’aumento dei casi interni di coronavirus.

Destinazione India? Anche se anche 60 milioni di dosi sono una goccia nel mare per un paese delle sue dimensioni, l’India sarà probabilmente una destinazione primaria per alcuni dei vaccini statunitensi in eccesso. Circa 323.000 nuovi casi sono stati riportati in tutto il paese martedì, terminando una striscia di cinque giorni di casi giornalieri da record. È probabile che i numeri saltino di nuovo durante la settimana, dato che la cifra di martedì riflette i tassi di test più bassi durante il fine settimana.

Mentre gli Stati Uniti passano le loro azioni AstraZeneca, l’Unione Europea è ancora desiderosa di ricevere le proprie. Il blocco sta facendo causa al produttore di vaccini per non aver raggiunto i suoi obiettivi di consegna, ritardando le campagne di vaccinazione nei 27 stati membri e incoraggiando alcuni a cercare alternative da Russia e Cina.

I vaccini di AstraZeneca potrebbero non essere le uniche dosi che gli Stati Uniti iniziano a condividere, dato che la produzione di vaccini aumenta drasticamente. Il numero di dosi di vaccino prodotte in tutto il mondo ha superato il miliardo all’inizio di questo mese, il secondo miliardo è previsto entro il 27 maggio, secondo la società di ricerca Airfinity.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: