Sputnik V: il vaccino russo che divide l’Europa

Sputnik V: il vaccino russo che divide l’Europa

Non è una coincidenza che la Russia abbia battezzato il suo vaccino Covid Sputnik V. La prima volta che il mondo ha imparato il significato della parola russa Sputnik è stato nel 1957 quando l’Unione Sovietica ha lanciato il primo satellite artificiale in orbita.

Al culmine della Guerra Fredda, questa sorprendente prova delle capacità scientifiche e tecniche di Mosca fu uno shock enorme per le potenze occidentali, che avevano dato per scontato di avere un comodo vantaggio tecnologico sui sovietici.

I critici dell’amministrazione Putin erano scettici quando il vaccino ha ricevuto l’approvazione normativa a Mosca già lo scorso agosto.

Quello scetticismo, però, è svanito. Perché ancora una volta gli scienziati russi hanno sorpreso l’Occidente.
Uno ‘strumento di soft power’ russo

Un diplomatico dell’Europa orientale, da un paese che considera la Russia come una minaccia chiara e presente, mi ha detto questo: “La ricerca dei vaccini nel 2020 è stata piuttosto simile alla corsa al volo spaziale negli anni ’50. Ancora una volta molti esterni hanno sottovalutato la Russia. Questo è potenzialmente il più potente strumento di soft power che Mosca ha avuto nelle sue mani per generazioni”.

La parola “potenzialmente” è importante qui. Lo Sputnik V non è ancora stato approvato dall’Agenzia Europea dei Medicinali dell’UE. Ma è già stato ordinato da molti paesi diversi, da Argentina e Messico a Israele e Filippine, e i funzionari russi dicono che hanno firmato accordi per produrlo in Corea del Sud e in India.

C’è stato uno strano intoppo nel lancio. Il presidente argentino Alberto Fernández è risultato positivo al Covid-19 in aprile dopo aver ricevuto due dosi di Sputnik in gennaio e febbraio. Questo ci ricorda che anche se il tasso di efficacia dichiarato dall’Istituto Gamaleya del 91,6% risulta essere vero, rimane un piccolo rischio statistico tra coloro che sono stati vaccinati.

In Europa, però, il vaccino Sputnik ha creato problemi più politici che epidemiologici.

L’UE fa fatica a parlare con una voce unica e convincente sulla Russia. Questo è in parte una questione di storia e geografia. La Lituania e la Polonia sono naturalmente più propense a considerare la Russia una minaccia di quanto non lo siano, per esempio, Portogallo e Malta.

E c’è anche il problema perenne di bilanciare lo status dell’UE come importatore di gas russo con il desiderio dell’UE di punire la Russia su questioni come il tentato omicidio del leader dell’opposizione Alexei Navalny o il rafforzamento militare al confine dell’Ucraina.

Aggiungere la dipendenza europea dalla Russia per le forniture di vaccini in questo mix renderà la relazione più difficile che mai da bilanciare. Eppure l’Europa, o almeno alcune parti dell’Europa, stanno cominciando a rivolgersi a Mosca per la frustrazione della dolorosa lentezza con cui l’UE ha introdotto i vaccini.

L’Ungheria ha già acquistato e distribuito notevoli quantità di Sputnik V. Francia e Germania, tra molti altri, sono almeno pronti a considerarlo, se e quando l’Agenzia Europea dei Medicinali darà la sua approvazione. L’Ungheria ha usato il suo diritto come stato membro indipendente di concedere un’autorizzazione d’emergenza.

Il diplomatico francese veterano Pierre Vimont, che ora è un senior fellow al Carnegie Europe, dice che è perfettamente razionale per gli stati membri pensare di comprare lo Sputnik.

“Anche quando si è di fronte a un avversario”, ha detto alla BBC, “bisogna pensare ai propri interessi”.

Vimont, come ci si aspetterebbe da un uomo che ha ricoperto alcuni dei più importanti incarichi diplomatici del suo paese, suggerisce che l’atteggiamento dell’Unione europea dovrebbe essere di cauto pragmatismo. Questo significa riconoscere l’eccellenza della scienza russa, ma aspettare anche l’autorizzazione dell’EMA.

Egli fa notare che i paesi che usano la tattica sulla base della propria approvazione potrebbero affrontare difficoltà politiche con i propri elettori se le cose vanno male.

Il caso della Slovacchia offre un avvertimento salutare per gli altri.

Il suo primo ministro, Igor Matovic, ha segretamente organizzato l’importazione di 200.000 dosi del vaccino russo. È stato costretto a lasciare il suo posto alla fine del mese scorso perché non ha consultato i suoi partner di coalizione.

Poi gli scienziati slovacchi hanno affermato che le dosi inviate a Bratislava erano diverse dai campioni del vaccino inviati altrove, spingendo i russi a denunciare l’affermazione come fake news e a chiedere la restituzione della spedizione. Un’offerta dell’Ungheria di approvare le dosi per conto della Slovacchia ha aggiunto un ulteriore livello di complessità.

La Russia normalmente deve spendere enormi quantità di denaro per l’hacking informatico e la disinformazione per diffondere la discordia e l’incertezza in Europa. Ora il vaccino sembra ottenere qualcosa di simile senza alcuno sforzo.

Pierre Vimont di Carnegie dice che l’amministrazione Putin sarà contenta. “Sono sicuro che si stanno divertendo”, ha detto, “non lasciamoci ingannare. L’uso dei vaccini da parte della Russia e della Cina è uno strumento diplomatico, uno strumento di soft power. Mettere gli stati membri dell’UE uno contro l’altro è naturalmente importante per la Russia”.

C’è stata una reazione simile da parte del nostro diplomatico dell’Europa orientale, che teme che le azioni europee su casi come l’avvelenamento di Alexei Navalny siano generalmente troppo deboli.

“Ciò che l’episodio dei vaccini dimostra”, mi ha detto, “è che siamo abbastanza capaci di annodarci nei nostri rapporti con Mosca senza alcun aiuto da parte dei russi”.

C’è una lunga strada da percorrere con tutto questo.

La Russia ha ancora molto da fare per aumentare la produzione del suo vaccino, anche se prende coraggiosamente ordini in tutto il mondo. Questa settimana ha annunciato che stava iniziando la produzione del farmaco in Serbia, il primo paese europeo al di fuori della Russia e della Bielorussia.

Potrebbe anche avere in programma di autorizzare la produzione in Europa occidentale e in India. Ma c’è ancora bisogno dell’autorizzazione dell’EMA: i dati russi e il modo in cui sono stati raccolti soddisferanno gli standard dell’UE?

Ma per ora non c’è dubbio che la Russia ha segnato una notevole vittoria scientifica e politica.

Lo Sputnik originale ha cambiato il mondo. Lo Sputnik V potrebbe non rappresentare un risultato su quella scala, ma certamente sta aiutando a cambiare il modo in cui la Russia è percepita.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: